Dettagli Recensione

 
Le ossa parlano
 
Le ossa parlano 2022-01-22 15:24:21 Fr@
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    22 Gennaio, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un cold case per il vicequestore Schiavone

Manzini torna in libreria a poca distanza dalla sua precedente uscita (“Vecchie conoscenze”), e ammetto di esserne particolarmente felice. La conclusione del precedente romanzo mi aveva lasciato con tante domande a cui speravo di avere una immediata risposta: fortunatamente non abbiamo dovuto aspettare troppo tempo per leggere di Rocco Schiavone e delle rotture che gli si presentano quotidianamente.

In “Le ossa parlano” Rocco indaga su un crimine avvenuto anni prima, un crimine particolarmente efferato, che sconvolge nel profondo non solo il vicequestore. La morte di un bambino è un evento estremamente drammatico, se poi si ipotizza anche la violenza sessuale…

L’intera squadra verrà coinvolta nelle indagini per risolvere il “cold case”: Manzini approfondisce molto ciascun personaggio, ognuno ha i propri problemi, i propri pensieri e desideri. Mi sono sembrati tutti più maturi, più riflessivi, in alcuni casi anche più gentili (e non sono la sola ad averlo notato, anche lo stesso Rocco commenta: “Da quando Alberto frequentava Michela, aveva aperto uno spiraglio al resto dell’umanità, era gentile e a volte affabile”).

In questo romanzo abbiamo un Rocco addirittura più romantico se posso dirlo. Ma è un romanticismo “triste” quello che caratterizza il nostro vicequestore: una tristezza che permea non solo le sue relazioni amorose, ma anche le sue amicizie, i suoi affetti, i suoi ricordi e le sue speranze per un futuro che non potrà esserci (“I figli sono un’ipoteca, ti costringono a chiedere amore per tutta la vita, e spesso non te lo vogliono dare. Diventi un mendicante. Poi sono fragili, delicati, basta un niente e se ne vanno”).

“Le ossa parlano” non ha risposto a tutte le domande che avevo, e sicuramente me ne ha fatte nascere molte altre. Speriamo in una nuova indagine di Rocco a breve, ma, nel mentre, cosa vi posso dire se non “Buona lettura”? :))

“Se devo scegliere direi la natura. Ma quella ha regole troppo dure per gli esseri umani, ecco perché dobbiamo dare la colpa a qualcuno di averla creata.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi già conosce Rocco Schiavone e gli altri romanzi della serie
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
Il cliente di riguardo
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno