Dettagli Recensione

 
Una piccola questione di cuore
 
Una piccola questione di cuore 2022-03-25 17:30:03 cesare giardini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    25 Marzo, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un sogno d'amore infranto.

E’ il nono romanzo della serie “Carlo Monterossi”, il manager televisivo con l’hobby dell’investigatore, anche questa volta associato al duo Falcone – Cirrielli, della Società di Investigazioni “Sistemi integrati”. Si rivolge a loro un ragazzo, Stefano Dessi, ricco rampollo di una famiglia agiata, chiedendo disperato di cercare una donna scomparsa, Ana Petrescu, di cui è perdutamente innamorato. Lei ha una catena di centri estetici ed è dotata di un fascino particolare pur non essendo più giovanissima: frequenta importanti personaggi, cui è legata da favori reciproci, boss della finanza, imprenditori facoltosi intrallazzati con politici di grido senza disdegnare oscuri legami con la mafia calabrese, tutto un mondo ove si sprecano soldi a palate, ville da sogno e barche lussuose. Ma Ana fa uno sgarro ad uno di questi potenti, Mino Sanfilippo, che giura vendetta e ne firma la condanna, facendola cercare dappertutto da alcuni sicari. Monterossi e i suoi iniziano le indagini per conto di Stefano, i colpi di scena si susseguono, riescono a rintracciare la donna, facendo temporaneamente felice il giovane amante e combinando successivamente un incontro di chiarimento tra Ana e Sanfilippo. Tutto sembra a posto quando un altro ricchissimo industriale, Federico Bastiani, viene trovato assassinato ( e fatto d’eroina) in un appartamentino di un quartiere popolare della periferia milanese. Monterossi e soci, qui coadiuvati da altri due ben noti poliziotti, Ghezzi e Carella, scoprono da alcune foto che Ana era stata anche l’amante di Bastiani. Per farla breve, Ana si sbarazza rocambolescamente di entrambi i ricconi, Sanfilippo e Bastiani, vuole finirla con il suo passato burrascoso e vivere finalmente un amore vero e disinteressato con il suo giovane spasimante. Ma, purtroppo, non sarà così: un tragico finale chiude la vicenda, lasciando un triste e pensieroso Monterossi a meditare sulla “annosa questione dell’amore”, rileggendo Shakespeare (Romeo and Juliet): “ … mai vi fu storia più dolorosa di questa di Giulietta e del suo Romeo”.
La vicenda è molto più complessa e articolata di quanto sinteticamente accennato. Lo stile di Robecchi la rende, come sempre nei suoi romanzi, coinvolgente: è come se raccontasse la storia solo a te, cercando consenso e approvazione. Sembra quasi di essere presenti ai fatti narrati, di partecipare alle indagini, di vivere negli ambienti descritti. Robecchi conosce bene i suoi lettori, sembra non preoccuparsi troppo di quanto avviene: tanto, sembra suggerirci, tutto finisce come deve finire, perché così vanno le cose e così è la vita. Leggendo, mi è venuto per caso alla mente un libro di Antonio Manzini (“Ah l’amore, l’amore!”), il cui titolo avrebbe reso bene e con una certa efficacia il contenuto del romanzo di Robecchi. E’ infatti l’amore, in tutte le sue sfaccettature, che pervade il racconto, dalle burrascose relazioni di Ana con i due personaggi facoltosi al surreale rapporto tra il Monterossi e la sua amica Bianca, dal bonario ed abitudinario ménage familiare dell’agente Ghezzi con la placida e solerte signora Rosa e dai preparativi per il matrimonio di un altro poliziotto, Sannucci, con la sua futura sposa alla folgorante passione, poi tragicamente spezzata, di Stefano per la sua affascinante Ana, un nascente incontaminato amore che stava finalmente per inaugurare una vita nuova, di redenzione e di speranza. Tutto questo è narrato con grande maestria da Robecchi, è la vita che scorre implacabile in una città che pulsa ininterrottamente, sorniona e vivace, dal centro dei negozi di lusso fino ai casermoni della periferia, in cui improvvisati affittacamere lucrano su rifugi temporanei, famiglie bisognose, spaccio di droga. Uno sfondo da cartolina quello descritto all’inizio del capitolo venticinque, una Milano capace di incantare, quando, alle nove del mattino, “il Castello diventa rosso perché il sole del nuovo giorno lo colpisce in pieno, ed è la stessa ora in cui il Duomo sembra più rosa, cioè brilla come un’astronave e tutto, intorno, sembra così piccolo, terrestre”.
Milano e la sua gente: tante piccole (grandi) questioni di cuore.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi della serie "Carlo Monterossi" di Alessandro Robecchi.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Brisa
Il dolce sorriso della morte
Una morte onorevole
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle