Dettagli Recensione

 
Pacific palisades
 
Pacific palisades 2018-02-26 17:42:11 ornella donna
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    26 Febbraio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La palizzata pacifica

Il nuovo libro di Dario Voltolini, Pacific Palisades, narra di una vita attraverso la mappa di una città:

“Dentro ciascuno di noi c’è un territorio/ non sappiamo quanto segreto/ma è simile ad un midollo/appare dopo l’ultima difesa dura dell’osso”.

Sarà questo territorio ad essere considerato dall’autore “la palizzata pacifica”, che sta dentro di noi. Infatti Voltolini rintraccia la propria storia familiare sulla mappa di Torino (quartieri, ponti, locali) seguendo i passi di genitori e parenti, vivi o morti, filosofeggiando sulle loro vite e ricostruendo le loro morti in una serie di incontri. Alcuni di questi avvengono in posti precisamente geografici,

“in un ristorante di pesce/ sul 45°parallelo Nord/ del nostro pianeta”

Ed in altri luoghi universalmente riconoscibili, quali fabbriche industriali, crocevia urbani, paesini al mare, bar. Una delle protagoniste narrate da Voltolini, “la donna che va nei bar”, che è la zia dello scrittore girovagava per una città che può essere sì Torino, ma anche un’altra metropoli. Il lettore la segue curioso per strade e viali,incantato dal suo percorso, incuriosito dal suo spostarsi da bar in bar, dalla sua andatura scandita dai colori dei semafori, dai marciapiedi, dalle facciate dei palazzi, dalla luce che si trasforma mano a mano che la donna prosegue nel suo cammino. Spazio urbano e corpo umano si coniugano nel proseguo del testo, ma anche nella ricostruzione del passato. All’interno della storia della donna che va nei bar, c’è insito la storia della zia stessa, sorella del padre di Voltolini, e della tragica morte originaria dei vagabondaggi. La sua via per la città apre la strada a uno sguardo dentro un paesaggio che è interno, psichico. Vi è, infatti, nel testo una sorta di ricostruzione dell’album di famiglia, che diventa mappa dei territori che sono dentro ognuno di noi, di luoghi e paesaggi invisibili, di ciò che Voltolini definisce come

“il territorio dove continuamente si nasce”,

“non tanto un confine quanto un parapetto, una ringhiera fragile”.

E’ questo concetto di parapetto dentro di noi, una palizzata che resiste a prescindere, che è il fulcro del libro. E nel narrare appunto di pareti e parapetti – le scene traumatiche del passato- che l’autore li muta in esperienze affettive, generative che non si può non apprezzare in tutto il suo sapere in toto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il porto sepolto
Vita d'un uomo
Adelchi
L'ultimo turno di guardia
Uno più uno fa uno
Aforismi e magie
Poesie dell'indaco
Diavolo di sabbia
L'ennesimo angolo
Haikugrafia
La strada dei colori
Se non mi confonde il vento
Forza e libertà attraverso Alda Merini
I passeri di fango
Cento poesie d'amore a Ladyhawke
Haiku della buona terra