Dettagli Recensione

 
Norwegian Wood
 
Norwegian Wood 2011-01-12 22:14:01 exeter64
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
exeter64 Opinione inserita da exeter64    13 Gennaio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Semplicemente...bello

Ho chiesto un consiglio per un romanzo giapponese di un autore contemporaneo e mi è stato detto "...Leggi 'Norwegian Wood', tanto per cominciare." E credo che non potevo cominciare meglio....Le emozioni che mi ha suscitato sono state veramente molte ed intense.
Storie di ragazzi, perlopiù studenti universitari nel Giappone del 1968, sullo sfondo di rivolte studentesche, appena accennate per dire il vero, e vicende personali. Storia di Toru, un ragazzo che, nella sua difficoltà di crescere e scoprire il valore delle cose vere della vita, di scoprire l'amore o l'amicizia, si troverà a doversi confrontare, giovanissimo, con il dramma ed il mistero della morte di persone care. Amici o ragazzi che crescono insieme, si confrontano, si scontrano,, ognuno alla ricerca della propria strada personale, di quel "senso della vita" che è poi la ricerca di tutte le persone che sanno guardare il mondo e guardarsi dentro con coraggio e senza superficialità.
Un romanzo dove i ricordi bruciano come ferite mai guarite e che mai smetteranno di sanguinare completamente, perchè sono ricordi di persone incontrate e poi mai più riviste, perse o scomparse per sempre, in una girandola di incontri casuali,o desiderati. Di viaggi alla ricerca di Naoko, la ragazza amata ma che non può contraccambiare l'amore di Toru perchè altrimenti si "sgretolerebbe" come dice lei stessa. O i momenti vissuti con la vulcanica Midori, vera forza femminile quasi animalesca, nella sua esuberanza e voglia di sentirsi viva. Il confronto tra l'amore carnale, il sesso e l'amore spirituale, profondo e viscerale poi è un tema che assilla Toru ed al quale, in fin dei conti, non riesce a dare risposta.
Un senso di profonda nostalgia pervade tutto il racconto e fin dalle primissime pagine, l'autore ci comunica che, attraverso un pensiero di Toru ormai maturo, "...la mia mente andò a tutte le cose che avevo perduto nel corso della vita. Il tempo passato, le persone morte o mai più riviste, le emozioni che non possono rivivere."
Ogni lettore, con un pò di vissuto alle spalle, "sentirà" riaccendersi in sè le nostalgia dei propri ricordi, delle persone ormai perdute ma che continuano a "vivere" in noi come tracce indelebili di un passato che ci costituisce e ci plasma, dove, in fin dei conti, la nostra "vera identità", come quella di Toru, è forse la somma, certo non matematica ma emotiva, delle tracce che le persone importanti che abbiamo incontrato e poi perduto, hanno lasciato in noi.
Un romanzo da leggere, per incontrare personaggi indimenticabili, per ricordarci di romanzi eterni come "La montagna incantata", "Il grande Gatsby", letti dal protagonista, per riscoprire la musica dei Beatles, per fare lunghe passeggiate a Tokyo o nei boschi della clinica dove si impara a guarire dai mali della mente da soli, con le proprie forze e scoprire che il "viaggio" dentro noi stessi dobbiamo necessariamente affrontarlo sempre da soli.....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

ottimo Fabry,complimenti!

13 Gennaio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
veramente esauriente..
ottima recensione fabry!
che bella, fabri!!!
Complimenti per la recensione, è un libro che è piaciuto molto anche a me a presto
In risposta ad un precedente commento
exeter64
13 Gennaio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Giovanna. Come già ti ho detto una volta, anche le tue recensioni sono sempre molto profonde ed esaurienti. Ti ho scritto che il libro mi è piaciuto molto e volevo tentare di esprimere le sensazioni ed emozioni che mi ha suscitato. Grazie a te di nuovo per avermelo consigliato. :-)
In risposta ad un precedente commento
exeter64
13 Gennaio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Piero, grazie per il complimento. E' un libro che mi è piaciuto molto e volevo che si comprendesse dalla recenzione. Ci "becchiamo" sul sito :-)
In risposta ad un precedente commento
exeter64
13 Gennaio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Faye, grazie anche a te per il complimento. Se non l'hai letto, ti consiglio di farlo a breve. Ti piacerà. :-)
In risposta ad un precedente commento
exeter64
13 Gennaio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Eleonora, ti ringrazio per l'apprezzamento e avendo letto il libro, avrai colto le medesime emozioni che ho cercato di esprimere attraverso la recensione. :-)
In risposta ad un precedente commento
eleonora.
14 Gennaio, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Si infatti è stato cosi, l'ho letto un pò di tempo fa e leggendo la tua recensione ho ritrovato le stesse emozioni che provai anch'io. a presto Fabri
Recensione eccezionale!
Complimenti, è molto esaustiva!
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
Un oceano senza sponde
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica
Sotto la pioggia gentile
La doppia vita del giudice Savage
Figli, figlie