Dettagli Recensione

 
Norwegian Wood
 
Norwegian Wood 2013-07-30 17:14:47 annamariabalzano43
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    30 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Norwegian wood di Murakami Haruki

Norwegian wood di Murakami Haruki è un romanzo che ha avuto un grande successo, non solo in Giappone, ma anche in occidente.
La storia ci viene narrata in prima persona dal protagonista Watanabe. Con la tecnica del flash back, egli, giovane trentasettenne, si lascia andare alla rievocazione di un periodo della sua vita, il passaggio dall’adolescenza alla giovinezza, avvenuto non senza dolore e vissuto a volte drammaticamente con alcune figure fondamentali che hanno contribuito alla sua crescita. Ci troviamo tra il ’68 e il ’70: è il momento della rivolta giovanile che coinvolge il mondo politico, quello intellettuale e quello del lavoro e si estende dall’occidente all’oriente.
Al di là della storia d’amore che lega Watanabe a Naoko prima e Watanabe a Midori poi, il tema fondamentale del romanzo è il disagio giovanile che si manifesta spesso in modo drammatico e si conclude a volte in modo tragico: un argomento purtroppo sempre attuale. Se si pensa alle speranze, alla progettualità dei giovani in quegli anni, alla rivalutazione dei più puri ideali socialisti, al concetto di emancipazione femminile, che non è più solo divulgato da piccole cerchie di intellettuali, ma si diffonde a più ampio raggio, non ci si deve meravigliare di quanto grande possa essere stata la delusione per la mancata realizzazione di cambiamenti che avrebbero davvero potuto cambiare il mondo. Cambia dal ’68 anche la concezione del ruolo della famiglia e in alcuni tragici casi i giovani non trovano più il punto di riferimento che può aiutarli a crescere e a superare le paure adolescenziali. Così Naoko e Kizuki rimangono prigionieri del buio della loro anima , vittime delle loro inibizioni che sono d’impedimento anche alla realizzazione di un sano rapporto sessuale.
E la grande delusione e l’inganno di quegli anni viene denunciato a chiare lettere da Midori, quando si riferisce ai momenti di discussione con i compagni di università : “Io sono una persona comune. Ma non sono le persone comuni quelle che sostengono la società e quelle che vengono sfruttate? E sbandierare di fronte a persone comuni parole che non possono capire, me lo chiamate rivoluzione?”
Un’esplicita accusa nei confronti di alcune fasce di intellettuali, che con arroganza si appropriano del concetto di cultura come qualcosa di esclusivo e elitario.
Tutto il romanzo di Murakami è scandito dalla musica di quegli anni: a partire dai Beatles, a cui l’autore attinge per il titolo, vengono citati Jim Morrison, Bill Evans e tanti altri. Non solo la musica anglosassone è un elemento importantissimo in quest’opera, ma lo sono altresì alcuni dei più grandi capolavori della letteratura occidentale, anglosassone, francese e russa: primo fra tutti il Grande Gatsby di Fitzgerald. E sicuramente in alcuni punti del romanzo si può distinguere l’influenza di Tenera è la notte.
Questo amore per la cultura occidentale da parte di uno scrittore giapponese può destare qualche perplessità, se si considera l’atroce conclusione della seconda guerra mondiale in quel paese. Bello interpretarlo come un magnifico gesto di riappacificazione in nome della cultura. E che possa durare nel tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Brava Anna Maria, apprezzo molto la tua analisi e concordo con quanto hai scritto.
Sai, a me questa lettura ha lasciato dell'amaro...e più ci ripenso, più avverto la mancanza di sani ed equilibrati rapporti tra i protagonisti...Non vedo un libro che propone dei modelli positivi, ma che esprime il gran disagio del non saper vivere serenamente...
Pia
Anche a me, Pia, ha lasciato la stessa sensazione! Penso però che il disagio adolescenziale sia molto diffuso e spesso gli adulti non sono in grado di comprenderlo, non per mancanza di volontà ma perchè i tempi cambiano molto rapidamente e a volte non si è in grado di adeguarsi. Credo sia sempre stato così....
Non posso che essere d'accordo con quanto asserisci...L'importante è presentare il libro con la giusta obiettività...e tu a mio avviso l'hai egregiamente fatto...
Pia
Che bel commento Anna Maria, hai analizzato in un'altro contesto l'anima del libro. Non posso che essere d'accordo con te con la tua sottolineatura al Fitzgerald di "Tenera è la notte" e al suo amore per l'occidente, infatti Murakami vive spesso in America ed è il traduttore giapponese di Raymond Carver.
Rimane un grande libro d'amore sul disagio giovanile e certamente il tocco Murakami ne delinea l'originalità, Murakami è un alieno.
Grazie Gracy. Certamente un bel romanzo, anche se talvolta ho penato ad accettare tanto pessimismo. Mi rendo conto però che effettivamente bisogna affrontare la realtà per quello che è e del resto io stessa nelle storie che scrivo non ho una visione molto ottimistica del mondo che ci circonda. ...
In risposta ad un precedente commento
gracy
31 Luglio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
In effetti hai ragione, Murakami crea molto nei suoi romanzi un pò il suo sigillo pessimistico, come un aurea propria, capisco che non tutti ne rimangono folgorati, io che lo apprezzo mi ritengo una privilegiata ;)
Concordo assolutamente!
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
Un oceano senza sponde
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica
Sotto la pioggia gentile
La doppia vita del giudice Savage
Figli, figlie