Dettagli Recensione

 
Sotto la parete del Drago
 
Sotto la parete del Drago 2020-09-24 15:44:04 aurorapaglialonga
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
aurorapaglialonga Opinione inserita da aurorapaglialonga    24 Settembre, 2020
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo toccante e carico di forza vitale

Nel 1944, quando la guerra inizia a rivelare l'esito finale e i soldati sono stanchi di lottare, Veit Kolbe viene ferito sul fronte sovietico e, pur di non trascorrere la convalescenza nella casa di famiglia, dove l'ombra della sorella lo insegue, si stabilisce a Mondsee, in Austria. La sua guarigione è segnata da profondi dolori che segnano il suo animo già turbato dall'esperienza della guerra e le sue giornate sono caratterizzate da attacchi di panico che non accennano a diminuire.

E' grazie a Margot, giovane madre rimasta sola in seguito all'arruolamento del marito, se i giorni ritrovano uno spiraglio di luce ormai perso da tempo. Tra i due nasce una complicità solida, non toccata dal terrore della guerra ancora in corso. La loro storia si intreccia con la figura del Brasiliano, simbolo dell'opposizione al Regime, e Nanni, il cui destino tramuta il romanzo in un giallo avvincente.

E non è tutto: Arno Geiger presenta personalità differenti, che trascinano il peso di una vita tutta da scoprire. Al diario di Veit Kolbe si alternano lettere provenienti da una Germania in distruzione, dal fronte, da un povero ebreo in lotta per la sopravvivenza, personaggi in qualche modo legati tra loro. Con un crescendo di tensione il lettore naviga attraverso la storia, provando empatia per i soldati e i cittadini oppressi dal peso di una guerra che pare non finire mai, e affrontando più di quattrocento pagine con la speranza di salvezza che solo l’amore è in grado di donare.

Geiger si conferma un autore dallo stile autentico, delicato, in grado di toccare i punti fragili del lettore, togliendogli il fiato per la tensione, strappandogli la speranza di cui si era armato, ma regalandogli anche sorrisi di debole felicità e stupore.

Un romanzo che merita di essere affrontato per ripercorrere la guerra dal punto di vista di chi l'ha vissuta, delle vittime e dei carnefici. Un testo che ricorda al lettore gli anni di umanità perduta, ma che gli regala la speranza di ritrovarla nella gioia delle piccole cose.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il lettore di Bernhard Schlink;
Come mio fratello di Uwe Timm;
L'angelo tacque di Heinrich Boell
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa