Dettagli Recensione

 
Cose che succedono la notte
 
Cose che succedono la notte 2020-10-01 15:31:47 Molly Bloom
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Molly Bloom Opinione inserita da Molly Bloom    01 Ottobre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non si scende da treni in movimento

In una intervista di qualche tempo fa, alla domanda in cosa consistesse il suo attuale lavoro, Peter Cameron rispose che stava lavorando a un romanzo che ha come protagonisti una coppia eterosessuale, che si reca in un lontano paese nordico per adottare un bambino. E questa è in effetti la trama di "Cose che succedono di notte", riassunta un poche parole.

Sette capitoli contenenti sette giorni della vita di un uomo. Dico un uomo, perché al lettore non è dato conoscere il suo nome così come non si conosce il nome di sua moglie. Una settimana che sembra scorrere come una notte, in effetti rappresenta una settimana di buio, una notte interminabile, perché ci troviamo in un paese ai confini del mondo in cui per sei mesi è notte e per gli altri sei è giorno. Un buio perenne accompagna il lettore dalla prima riga fino all'ultima in una bellissima struttura narrativa in cui le atmosfere che l'autore crea sembrano gareggiare con i personaggi, sembrano voler attrarre l'attenzione del lettore su di esse, vanitose e ammaglianti. A lettura ultimata ciò che più mi è rimasto impresso sono loro, queste magnifiche "creature" rarefatte composte di buio, neve, freddo ma anche eleganza, fascino e mistero. Una struttura circolare, dall'incipit poetico e che nel finale l'autore riprende nello stesso punto, e anche un po' oltre, dove finalmente il sole compare, assieme a una nuova vita ma anche a una mancanza.

La tematica base è il desiderio di avere un figlio da parte di una coppia eterosessuale che farò di tutto pur di averlo. Però mano a mano che si procede nella lettura, gli eventi precipitano e prenderanno una piega diversa e la vera tematica, a mio avviso, diventa la paternità per un uomo omosessuale, che non potrà offrire una mamma al proprio figlio. Onestamente conoscevo poco della biografia di questo autore ma già dopo le prime pagine un dubbio mi si era istillato e sono andata a controllare in rete: in effetti l'autore è omosessuale, e sotto questa luce il tutto diventa più digeribile per un lettore e il libro lo si legge sotto una nuova luce. Dico digeribile perché ci sono alcune scene che potrebbero urtare, potrebbero essere incolpate di misogina, di superficialità o di una scarsa abilità nel descrivere un atto sessuale. Questo perché l'autore non ne parla direttamente di questo suo intimo desiderio, ma lo fa appunto al buio, nascondendosi, camuffandolo attraverso un desiderio di una coppia eterosessuale ma che inevitabilmente spicca fuori per quel che è. All'enorme desiderio di paternità si sovrappone però anche una terribile paura ma anche moltissima sensibilità. Oltre a questo tema se ne parla anche della solitudine, del radicamento delle persone alla propria terra per quanto essa possa essere ostile, si parla di figli, ma anche della malattia. 

Un libro che complessivamente mi è piaciuto, soprattutto per le atmosfere e per la forma narrativa, scritto con una prosa scorrevole e nello stesso tempo ricercata, in cui non mancano gli affondi introspettivi. Mi ci sono affezionata meno ai personaggi con i quali si fatica a entrare in empatia perché bizzarri, egoisti, strani, quasi irreali. Concludo con questo delizioso frammento:

"Qualche istante dopo la donna disse: Resto sbigottita davanti a una tale profondità di sentimento. Sentimento d'amore, immagino. O forse non sarà amore, ma commuoversi fino alle lacrime... Quando si smette di provarli, ci si dimentica che i sentimenti esistono, che le altre persone effettivamente li provano. L'amore, per esempio. Forse sarà una cosa dovuta alla vecchiaia o forse i sentimenti, come i muscoli, si atrofizzano. Penso proprio di sì, almeno nel mio caso. Ecco perché continuo a esibirmi, anche se è difficile che venga a sentirmi qualcuno. Per guadagnarmi da vivere suono il pianoforte e canto laggiù nella hall, cinque sere alla settimana e la domenica pomeriggio. E' l'unico modo in cui di questi tempi riesco a provare qualcosa, per quanto non siano sentimenti veri ma il facsimile del facsimile del facsimile. E poi arriva lei, proprio qui accanto a me, con i suoi sentimenti veri. Mi vergogno. E lo ritengo un onore."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Uscita recentissima questa, che mi incuriosiva molto. C'è qualcosa che non mi attira del tutto in Cameron, così a pelle, ma magari un pensiero ce lo farò prima o poi.
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
01 Ottobre, 2020
Ultimo aggiornamento:
01 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Guarda, è il mio primo Cameron che leggo e seppur in alcuni tratti non mi trova concorde e alcune scene le ho trovate disturbanti e altre ancora prevedibili e scontate o contraddittorie (c'è una scena in cui qualcosa non quadra, secondo me dovuto a una svista dell'autore, che inserisce una condizione della quale poi se ne dimentica) tuttavia non mi è dispiaciuto perché ha saputo compensarmi con altri elementi. Leggendo un po' di recensioni sui precedenti libri, sembra che ci sia stato un miglioramento nel suo stile, una specie di cambio di rotta. Sai quale libro mi ha ricordato con immediatezza? "Una vecchia storia. Nuova versione" di Littell.
Grazie Ioana, anch'io, come Daniele, mi sono incuriosita su questo romanzo. La tua valutazione mi incoraggia...
In risposta ad un precedente commento

06 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
L'ho acquistato d'istinto, come faccio spesso. Una delusione. Un libro senza senso, che vorrebbe essere metafisico e invece è pieno di pagine inutili, spesso ridicole, con personaggi talmente inconsistenti da lasciare sbalorditi. L'irrealtà di storia e scrittura è solo un trampolino su una piscina senz'acqua.
Un libro pretenzioso e brutto
In risposta ad un precedente commento
Molly Bloom
12 Ottobre, 2020
Ultimo aggiornamento:
12 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Roberto, come ho già scritto i personaggi non sono piaciuti nemmeno a me ma non devono per forza piacere e nemmeno essere "reali", semmai verosimili. Le atmosfere invece personalmente le ho trovate belle e protagoniste e il senso del libro, a mio avviso, è il desiderio di paternità dello scrittore. Non è certamente un capolavoro ma nemmeno un libro brutto, aggettivo che associo a ben altri romanzi, comprendo però che può non piacere, soprattutto quanto il livello di letture abituali è alto.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri