Dettagli Recensione

 
Mio caro Neandertal
 
Mio caro Neandertal 2019-09-02 10:14:46 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    02 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un cugino che ci è quasi fratello

Quando oltre cento cinquant'anni fa furono scoperti i primi resti di quello che fu chiamato Homo neanderthalensis la letteratura cominciò a descrivere questo nostro antenato come uno stolido, brutale uomo-scimmia: un essere primordiale, privo di capacità raziocinanti, poco più che uno scimpanzé che camminava su due gambe. Dare a qualcuno del neandetaliano era come definirlo sub-umano.
Ora, dopo un secolo e mezzo di studi, ricerche, scavi, la sua figura è stata completamente rivisitata. Abbiamo scoperto che i Neandertal sono stati una specie altamente evoluta, che è riuscita a sopravvivere per oltre 300.000 anni in condizioni climatiche impervie, evolvendosi e sviluppando una forma di cultura che li portò, alla fine, a prendersi cura di malati e infermi, ad assicurare un decoroso trattamento per i defunti e, forse, ad apprezzare pure l’arte.
Questo interessantissimo volume scritto da un abile divulgatore scientifico in collaborazione con un’antropologa esperta della materia, ci conduce in questo lungo viaggio di riscoperta. I capitoli, senza risultare appesantiti da un criptico linguaggio scientifico, ci descrivono, con agile freschezza, quella che, in base ai risultati degli scavi, doveva essere l’esistenza dei questi uomini del passato, sempre in guerra con un clima impietoso e la scarsità di cibo. Distribuiti in popolazioni esigue su un territorio immenso che andava dalla penisola iberica sino alle steppe ai piedi degli Urali e alle pianure del Vicino Oriente seppero far fronte alle calamità con industriosità e tenacia.
Il libro tenta pure di fornire una risposta al quesito più angoscioso che riguarda i Neandertal: perché essi si estinsero? Spazzata via la tesi, piuttosto semplicistica, dello sterminio dei Neandertal a opera dei più aggressivi e sanguinari Sapiens, suggerisce un’ipotesi affascinante che negli ultimi anni va prendendo sempre più corpo. I Neandertal non si sono estinti, ma si sono fusi con noi e in molti di noi, soprattutto in noi europei, sopravvivono geni tipici dell’Homo neanderthalensis. In effetti è stato ritrovato sino al 3% del loro DNA in ciascun individuo e, complessivamente, pare che almeno il 20% del loro genoma sia sopravvissuto e salvato nel nostro patrimonio genetico.
Quindi non dobbiamo più considerarlo un cugino degenere di cui vergognarci, ma un fratello che, forse, ci ha lasciato in eredità alcuni caratteri che tutt'oggi sfruttiamo a nostro vantaggio.

In conclusione "Mio caro Neandertal" è un libro che offre una lettura assai piacevole e istruttiva e che lascia il lettore con la curiosità di saperne ancora di più sulla storia del nostro lontano passato ancora per lo più oscuro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... a che si diletta di antropologia e di paleontologia e, in genere, a che vuol saperne di più sulla storia del genere Homo.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Questo è il saggio che mi piace. Segno e compro! Grazie
In risposta ad un precedente commento
FrancoAntonio
02 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Felice di essere stato d'aiuto.
siti
03 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi viene da pensare che la nostra sia una vera e propria involuzione vista l'eccellente genia da cui proveniamo.
In risposta ad un precedente commento
FrancoAntonio
03 Settembre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Dai, non buttiamoci giù. Comunque è stupefacente che i Neandertal siano riusciti a sopravvivere per tanto temo pur essendo una sparuta minoranza (pochissime centinaia di migliaia di individui) sparsa su un territorio immenso, colpito da una serie di glaciazioni devastanti. Diciamo che erano "progettati" bene per resistere a quelle condizioni, robusti e "compatti". Noi Sapiens africani avevamo delle altre caratteristiche vincenti che abbiamo saputo sfruttare benissimo, riuscendo a popolare tutta la Terra in pochissime migliaia di anni.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri