Quanti Quanti

Quanti

Saggistica

Editore

Casa editrice

Un mondo dove l’unica cosa certa è l’incertezza, dove vale tutto e il contrario di tutto, dove non esiste un prima e un poi e un oggetto può trovarsi nello stesso tempo in posizioni differenti: è il mondo della meccanica quantistica. «Non mi piace, e mi spiace di averci avuto a che fare» disse Erwin Schrödinger, uno degli artefici della prima rivoluzione quantistica, ribellandosi all’idea di un universo governato dai capricci del caso. Spirito scanzonato e irriverente, Terry Rudolph, che di Schrödinger è nipote, trae invece uno speciale piacere dalle bizzarrie di questa affascinante teoria che da ormai un secolo appassiona e divide il mondo della fisica, e vorrebbe condividerlo con il maggior numero possibile di persone, convinto com’è che persino un lettore ignaro di conoscenze matematiche (se si escludono le quattro operazioni) possa essere introdotto ai suoi misteri. Ha scritto così un libro sorprendente dove, evitando scrupolosamente quelle espressioni di gergo specialistico il cui uso improprio è spesso fonte di confusione, utilizza mezzi semplicissimi: palline bianche e nere che entrano ed escono da scatole in luogo di fotoni ed elettroni; simpatiche figure in luogo di pesanti apparati matematici e lunghi ragionamenti; e divertenti, piccole storie che vedono protagonista il lettore stesso. Altro non serve. Al termine della lettura scopriremo di essere stati iniziati, senza accorgercene e in maniera quasi indolore, ai concetti chiave del mondo quantistico: sovrapposizione, separabilità, azioni a distanza, non-località. E la nostra percezione della realtà fisica, ereditata dalla tradizione occidentale degli ultimi due o tre millenni, non sarà più la stessa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
Quanti 2020-04-15 16:27:00 DanySanny
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    15 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scatole, palline e probabilità

Non stupisce che un secolo così difficile e vacillante come il Novecento, si sia aperto ai piedi dei maestri del sospetto, Schopenhauer, Nietzsche e Freud e sia continuato con le deflagranti teorie di Einstein, Heisenberg e Gödel; un secolo in cui lo spazio, il tempo e l’identità hanno perso la propria solida e indefessa consistenza per inseguire il dubbio, il relativismo, l’indeterminazione. E così gli elettroni diventano non particelle, ma onde di probabilità, il tempo si dilata e contrae nelle teorie di Bergson e nella ricerca di Proust, l’io scopre sconcertanti profondità in se stesso che lo fanno dubitare della sua stessa consapevolezza. Non stupisce dunque che la fisica quantistica sia nata nel Novecento, a rimarcare ancora una volta che il placido e compiaciuto mondo newtoniano è, in fondo, un modello applicabile solo su scale intermedie.

La fisica quantistica resta strana e difficile da penetrare, spesso banalizzata: l’entanglement, che lega due particelle anche a chilometri di distanza, è diventato l’ennesima frase da-bacio-perugina bistrattato, distorto, travisato. E sono convinto che spesso questo sia dovuto al fatto che si divulgano le teorie, senza spiegare il meccanismo di fondo. Per esemplificare con una immagine più vicina al mio ambito di studio, è come dire che sì l’insulina determina un abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue, ma senza spiegarne il meccanismo molecolare: e non spiegare il meccanismo è una forma di magia, non di scienza. L’interesse primario di questo libro di Therry Rudolph, nipote di Heisenberg, è proprio il suo sforzo di spiegare la meccanica dei quanti, il modo con cui questa nuova fisica funziona: e così il libro si riempie di immagini, esempi con scatole, leggi della logica, palline colorate, che si scambiano, modificano e interagiscono con l’ambiente in modo per ora alquanto capriccioso. E Rudolph ha anche il merito di introdurre progressivamente la possibilità delle nuove tecnologie, i computer quantistici, i nuovi calcoli possibili, il tempo di studio che potrà essere più ridotto.

Certo non è un libro facile: leggerlo richiede non solo una certa dose di attenzione, ma anche un’elasticità logica che non penso sia così diffusa come l’autore mi pare credere. Il difetto maggiore che si può ravvisare, nonostante lo sforzo di renderlo facile, è che a forza di fare esempi si perde il quadro generale (riperdendo l’immagine di cui sopra, è come insegnare dettagliatamente le vie molecolari con cui l’insulina agisce senza però dire che alla fine, stringi stringi, fa diminuire la glicemia). Ci vorrebbe, in questo, più equilibrio, qualche pagina in più, oppure si dovrebbe destinare il libro a un pubblico che abbia ben chiari i riferimenti entro cui ci si muove. Dunque un buon libro, ma con le dovute precauzioni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Come stanno le cose
Il botanista
Invito alla meraviglia
Helgoland
Spillover
E l'uomo incontrò il cane
Ascesa e caduta dei dinosauri
Quanti
La nascita imperfetta delle cose
Essere una macchina
Il libro degli esseri a malapena immaginabili
Silicio
Mio caro Neandertal
La legge fisica
Le mie risposte alle grandi domande
Lo strano ordine delle cose