Il Re del gelato Il Re del gelato

Il Re del gelato

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Arrivata da poco a Catania, Vanina sta facendo conoscenza con la città quando le piomba addosso un caso delicato, di quelli che richiederebbero anche un po’ di tatto. Non proprio la sua dote principale. Prima qualche pillola dentro vaschette di gelato, poi un omicidio. Questo è solo l’inizio di un mistero parecchio strano che il vicequestore aggiunto Giovanna Guarrasi, detta Vanina, palermitana tornata in Sicilia dopo un periodo alla questura di Milano, è chiamata a risolvere. Per fortuna attorno a sé ha una squadra di gente in gamba, collaboratori preziosi che nonostante il suo carattere spigoloso hanno imparato subito ad apprezzarla. A fare il resto ci pensano l’istinto e il metodo investigativo che segue da sempre: scavare nel passato delle vittime.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il Re del gelato 2023-04-25 09:11:51 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    25 Aprile, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vanina agli esordi


Cristina Cassar Scalia torna ad affacciarsi alla scena letteraria con un libro intitolato Il re del gelato, il pre-sequel di Sabbia nera. Protagonista indiscussa è Giovanna Guarrasi, detta Vanina, vice questore aggiunto.
In questo breve libro Vannina, figlia di un ispettore della polizia ucciso dalla mafia, ventiquattro anni prima, è appena stata trasferita a Catania da Palermo, ed è alle prese con un caso alquanto inusuale. Chi è il re del gelato, a cui si fa riferimento nel titolo? E’ Agostino Lo Monaco, un uomo:
“Con pochi capelli grigi, viso squadrato, sopracciglia alla Enrico Maria Salerno”,
costui è anche titolare di una serie di gelaterie, di cui la prima è:
“Un bar , con gli arredi tipici del bar degli anni ’80, con un bancone vintage, dotato di pozzetti d’acciaio, con relativo panno lavasciuga depositato sopra”.
In alcune di esse i clienti hanno trovato all’interno dei gelati acquistati delle strane ed inquietanti pastiglie. Che cosa sono? Che cosa rappresentano per “il re dei gelati”? forse un messaggio intimidatorio o no? Tutto si complica ulteriormente quando lo stesso proprietario viene trovato ucciso, orrendamente. Riuscirà Vanina a risolvere il caso?
Un giallo di tutto rispetto, per gli amanti delle imprese del vicequestore aggiunto una chicca letteraria. Una lettura facile, che aiuta a conoscere maggiormente un personaggio molto amato dai lettori della scrittrice. Una lettura, per così dire, di introduzione ad un personaggio , donna investigatrice, che piace e convince a molti. Personalmente , una lettura semplice e veloce, per trascorrere alcune ore di svago. Un po’ troppo leggero, privo di grandi colpi di scena, ma ben scritto e congegnato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Adatto a chi ama le storie di Vanina Guarrasi.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Re del gelato 2023-02-18 20:30:40 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Febbraio, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gelati tra re e regine

“Picciotti, siete stati bravi anche stavolta, ho fiducia in voi..”

Se siete amanti di Cristina Cassar Scalia e delle sue opere non potrete che essere felici: l’autrice dona ai lettori una breve indagine di Vanina Guarrasi, ovvero Giovanna Guarrasi, la poliziotta palermitana tanto amata quanto celebre che vede i suoi esordi in “Sabbia nera”.
Vanina, vicequestore aggiunto della Mobile di Catania, nata a Palermo, dopo un periodo nella Questura di Milano, era stata rispedita al sud e più precisamente proprio a Catania. Non voleva tornare nella sua città, troppo doloroso vedere Paolo Malfitano, il giudice amalfitano con cui aveva avuto una profonda relazione sentimentale e a cui aveva anche salvato la vita. Fumatrice incallita, amante del cibo, appassionata di cinema, burbera e determinata di carattere, ella è nota nell’ambiente anche per le sue origini essendo figlia di un ispettore di polizia ucciso dalla mafia circa due decenni prima.
Ma tornare non è stato evitabile ed ecco allora che la protagonista vive fuori Catania, sulle pendici dell’Etna. Le scatole, tuttavia, con libri e film d’epoca sono ancora intonse, la osservano con fare sornione in attesa che ella le svuoti.
Non è però finita qui perché l’ultimo libro di Cristina Cassar Scalia racconta anche una nuova indagine della vicequestore, ghiotta e buongustaia, amante del cibo e della cucina locale. Ed è qui che entra in scena Agostino Lomonaco, gelataio storico catanese, proprietario di molti locali, che scopre che nei suoi gelati sono state trovate delle pillole. I clienti, spaventati e indignati, hanno sporto denuncia per timore di essere stati avvelenati o peggio.
Vanina va incontro a Lomonaco una volta che viene allertata, valuta il caso, lo prende anche un po’ alla leggera non ravvisandone tutta questa pericolosità, eppure, dopo la sua visita l’uomo viene trovato privo di vita, chiaramente assassinato, dietro al bancone del locale che nel paese ha fatto storia e che rappresenta il più antico e rinomato della catena di gelaterie.
Tito Macchia e il suo eterno sigaro in bocca, Marta Bonazzoli in arrivo dal nord ma con il mancato spirito di migliorare le cose ed anche vegetariana, Lo Faro e Pappalardo, gli agenti e Vanina si mettono al seguito per venire a capo della matassa e risolvere il caso. Chi potrebbe essere stato il colpevole del misfatto? Tra i sospettati non manca Corinna, la figlia, presenza frequente in gelateria. Vanina però la esclude dai possibili colpevoli e si orienta su ben altro. E su ben altri.
Da qui avranno inizio colpi di scena su colpi di scena, eventi concatenati tra loro, situazioni esilaranti mixate a un giallo che chiede solo di essere gustato (magari proprio mangiando un buon gelato). Vanina? Ancora una volta non delude le aspettative con il suo acume e la sua forza di volontà.
Al tutto si somma lo stile inconfondibile di Cristina Cassar Scalia che ben mixa dialetto siciliano e italiano, dipingendo con maestria le pagine dell’opera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Re del gelato 2023-02-18 11:27:41 cesare giardini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    18 Febbraio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'assassinio di due gelatai a Catania.

La protagonista di una serie di gialli di Cristina Cassar Scalia, medico oculista e scrittrice, è Giovanna Guerrasi, detta Vanina, vice questore aggiunto alla Mobile di Catania. Nata a Palermo, dopo un periodo alla Questura di Milano è rispedita nella sua Sicilia, ma a Catania, destinazione non molto gradita ma comunque accettata senza problemi. Vanina è donna di forte carattere, burbera, buongustaia, appassionata di cinema e accanita fumatrice, ben nota nell’ambiente perché figlia di un ispettore di polizia ucciso dalla mafia una ventina d’anni prima. Nel romanzo deve indagare sull’assassinio di un famoso gelataio catanese, Agostino Lomonaco, padrone di alcune gelaterie della città: lo trovano dietro il bancone con il cranio fracassato, e Vanina con la sua squadra dà il via a indagini difficili e complicate, che coinvolgono i due figli, la moglie e un vecchio collaboratore, Ruggero Cammarata, che vende gelati con il carretto e aveva (e forse ha ancora) un legame affettivo con la moglie del collega, tanto da far dubitare sulla paternità della figlia.
Vanina sa il fatto suo, ama scavare nel passato degli indagati, non si lascia ingannare da sospetti fuorvianti: debiti di gioco e smercio di droga indirizzano il fiuto della brava Guerrasi nella direzione giusta, aiutata da una squadra ben addestrata. Il colpevole, che ha intanto commesso un altro delitto, confessa, e Vanina, soddisfatta, convoca tutta la sezione nel suo ufficio. “Picciotti, siete stati bravi anche stavolta, ho fiducia in voi”, li premia la Guerrasi, autorizzandoli a chiamarla “capo”, come era accaduto con la sua precedente squadra di Palermo.
Leggendo non si può non ricordare il Montalbano del compianto Camilleri: Vanina sembra una versione femminile del commissario camilleriano, anche lei ha una vita sentimentale vaga e con appuntamenti saltuari, anche lei vive per il suo lavoro, con collaboratori ben caratterizzati, anche lei ha la sua trattoria preferita, dove “spazzola” con gusto i piatti preferiti. Anche se, dobbiamo dirlo, la Sicilia della scrittrice non è quella di Camilleri , come lei stessa afferma in un’intervista a ilLibraio.it, ma quella che lei stessa vede e nella quale vive, una Sicilia antica e contemporanea insieme, “ quella del passato ma anche quella degli aperitivi e dei ristoranti giapponesi”. E’ una Sicilia che avvolge con i suoi profumi e il suo calore tutta la storia, rendendone l’ambientazione unica e suggestiva, e poi c’è una città affascinante in cui succede tutta la vicenda, Catania, con il suo traffico incessante, le sue contraddizioni e le sue peculiarità, ben diversa da Palermo, la città più amata da Vanina.
Lo stile è semplice, lineare, scorrevole, impreziosito da termini dialettali, soprattutto nei dialoghi, e da modi di dire tipicamente siciliani: si legge con piacere, invogliati a vivere un’altra avventura della poliziotta siciliana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi dell'autrice.
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Genitori cercasi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel che ci tiene vivi
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Café Royal
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Freddo nelle ossa
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
Il passeggero
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Città di sogni
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Una brava ragazza è una ragazza morta
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Piero fa la Merica
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Vecchiaccia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Dipendenza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'assassino è tra le righe
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Capolinea Malaussène
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Guaio di notte
Il Re del gelato
La fine è ignota
La libreria dei gatti neri
Requiem per un killer
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
La casa delle luci
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue