La banda dei colpevoli La banda dei colpevoli

La banda dei colpevoli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La sessantaseienne Ines Calici viene trovata senza vita nell'appartamento in cui vive da sola, con un bavaglio che le serra la bocca e il corpo legato alla sedia. È morta soffocata in seguito a una crisi respiratoria: il bendaggio ne ha aggravato i già seri problemi di salute. Secondo le Forze dell'Ordine la sua morte è la tragica conclusione dell'ennesimo colpo di una banda di rapinatori che agisce nei quartieri più eleganti della città. Dopo l'evento, infatti, i furti sono cessati: per gli inquirenti è l'indice di colpevolezza della banda. Ma la nipote di Ines, Lucia Calici, non è affatto convinta di questa ricostruzione e ingaggia l'Agenzia Cantoni per condurre un'indagine parallela concentrata sulla famiglia della vittima. La vittima infatti, poco prima di morire, aveva deciso di impiegare gran parte dei suoi beni per pagare un intervento sperimentale all'estero con cui sperava di risolvere i suoi problemi respiratori e alla spina dorsale. Mentre con Tonino, Cantoni e l'alano Otto, Anna si immerge nell'indagine, nemmeno sul fronte privato mancano le rivelazioni, e Anna scopre che, da una parte e dall'altra, mano a mano che dipana la matassa, il filo della colpa si disfa e si ingarbuglia. Oltre agli insospettabili aiutanti di sempre – Banzai il gatto, le tartarughe Tarta e Rughina, il poetico e strampalato cane meticcio Bergerac, il ficus adolescente e la piantaccia ormai matura – l'accompagnano nuovi testimoni chiave: fra gli altri, la gatta portinaia Lulù e il chihuahua Thor che soffre di ansia, una coppia di pappagallini inseparabili che in realtà non si sopportano più, un geco mitomane che si autoaccusa dell'omicidio in modi sempre più ridicoli e surreali, le terribili bande criminali cittadine delle gazze e dei ratti, in guerra sanguinosissima fra loro per il dominio sui quartieri… Tutte vite che permetteranno ad Anna di vedere il mondo in maniera non convenzionale e scoprire la verità.



Recensione della Redazione QLibri

 
La banda dei colpevoli 2022-07-18 15:59:12 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    18 Luglio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anna e il geco mitomane

Ines, una donna di sessantasei anni con molti problemi di salute, è stata trovata morta a casa sua. Tutto fa pensare che sia stata vittima di una rapina finita male: da tempo un gruppo di malviventi penetra nelle case degli anziani, li spaventa con minacce, li imbavaglia e li immobilizza alle sedie per depredarli. Però Ines aveva problemi respiratori, così gli stretti legacci e il bavaglio l’hanno soffocata.
Lucia Calici, nipote di Ines, però non è convinta: a suo dire ci sarebbero troppe incongruenze che differenziano l’aggressione a sua zia rispetto dalle altre. Così, mesi dopo il fattaccio, interpella Anna Melissari perché indaghi sul caso assieme al suo capo, l’investigatore privato Giovanni Cantoni.
Ma non è un buon momento per Anna: Alessandro, il marito, è lontano per lavoro e lei è totalmente impreparata a gestire la casa da sola; il padre è consumato dalle terapie antitumorali; Lavinia, la sorella avvocato, la subissa di continue richieste pretestuose; pure il figlioletto Luca è più bizzoso del solito e sembra avere problemi all’asilo. Come portare avanti le indagini se ogni momento utile sembra già essere prenotato da altri impegni?
A complicare le cose l’unico possibile “testimone oculare”, il geco Giasoneh (la “acca” finale è per i fan!), che vive nella casa di Ines, è un esaltato mitomane che si accusa del delitto e lo descrive come una truculenta mattanza da lui compiuta in un raptus omicida.

Terzo, atteso episodio delle esilaranti avventure di Anna, la strana signora che, per colpa di una misteriosa “macchiolina” rilevata in una TAC, ha la fortuna (o la sventura?) di poter dialogare con piante e animali. Nel suo stile consueto, un po’affannato e un po’ schizoide, Anna torna a farci partecipi della sua vita di casalinga che lavora e che è subissata da impegni, goffaggini, sensi di colpa, presunte inadeguatezze, paranoie continue.
Il romanzo, complessivamente, risulta gradevole, a tratti addirittura irresistibilmente comico, e lo stile, vivace e brioso (talvolta scanzonato), aiuta a leggerlo con facilità. La storia poliziesca, in sé non particolarmente involuta, è credibile e, anzi, tristemente plausibile e attira la nostra attenzione sui complicati, conflittuali rapporti tra le persone che spesso si avvitano in una inarrestabile spirale di odi e ritorsioni meschine, talvolta cagionati da innocenti, ma inopportuni gesti d’affetto e protezione.
L’idea di base su cui si basa la serie, poi, si conferma geniale: far parlare gli animali – i quali possono sbatterci in faccia la realtà delle nostre azioni a volte innegabilmente assurde – aiuta a effettuare un esame di coscienza collettivo senza pudori o eufemismi. I dialoghi tra umani (ma soprattutto quelli “bestiali”) sono frizzanti e spassosi, ma pure profondi e meditati con considerazioni che a volte sono come vere mazzate ai nostri scudi auto-assolutori.
Tutto bene, quindi? Sì e no. Ora che siamo giunti al terzo romanzo ci si aspetterebbe forse qualcosina in più; una evoluzione nella narrazione e nei personaggi. Invece sembra che l’A., per venire incontro alle aspettative dei lettori che hanno favorevolmente accolto i precedenti volumi, tenda a strafare (solo) nelle situazioni più comiche. Molte situazioni paiono esasperate alla mera ricerca della battuta burlesca (a volte quasi clownesca). Anna s’è trasformata in una casalinga sull’orlo di una crisi di nervi (anzi di più d’una). Ma la sua assoluta goffaggine e le sue paranoie e preoccupazioni, dopo un po’, invece di intenerire, irritano per la loro eccessività. Il rapporto donna-animali, che nelle precedenti storie aveva quasi il sentore di una divertente e imprevedibile condanna, ora ha raggiunto punte surreali di un’Alice nel Paese delle meraviglie che dialoga con conigli bianchi (nella specie un esemplare con le orecchie cadenti di nome Tucidide), gatti vegani, gang di gazze e ratti di fogna in guerra tra loro, rane toro psicanaliste e erbacce filosofe, senza che l’assurdità della situazione sia più sottolineata.
Non si può negare che alcune situazioni siano davvero comiche, come i battibecchi “coniugali” di una coppia di Agapornis (i pappagallini “inseparabili”) che invece di amarsi teneramente si detestano come una coppia in attesa di divorzio; o le acide frecciate lanciate da Tarta e Rughina; le pulsioni “adolescenziali” del ficus casalingo o, infine, gli scambi di battute, stile agenti del Secret Service ma "sciroccati", dei dobermann di uno dei protagonisti. Alla lunga, però, tutto sembra un po’ forzato, la facezia solo fine a sé stessa non soddisfa sempre; molti topos e tormentoni comici sono sfruttati eccessivamente.
In conclusione il romanzo è una lettura fresca e divertente, ma si sente la necessità di un cambio di marcia per dare un senso alla prosecuzione di questa serie di storie, sicuramente innovative e spiritose, che fa piacere leggere, ma che non possono reiterarsi ancora molto utilizzando il medesimo meccanismo che, alla lunga, rischia di logorarsi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...i precedenti volume con protagonista Anna Melissari.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La banda dei colpevoli 2022-08-22 14:50:07 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    22 Agosto, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una carezza al cuore

Sin da “Gli insospettabili” Anna Melissari si è presentata come una protagonista eclettica e vivace, una figura da scoprire e capace di solleticare l’anima. Ancora una volta, con “La banda dei colpevoli”, il personaggio nato dalla penna di Sarah Savioli conquista il lettore e lo coinvolge senza difficoltà. Come sappiamo Anna, a causa di un problema neurologico ischemico, ha ricevuto il dono di poter interloquire con altri esseri viventi. Questo le ha consentito di entrare a far parte dell’agenzia Cantoni come collaboratrice con un ruolo sempre più stringente. Questo in particolar modo per quei casi che non sembrano avere risoluzione o ancora che, per qualche motivo, sembrano proprio non trovare luce. Quei casi in cui tutto sembra ovvio quando ovvio non è.
Il libro ha inizio con Anna intenta a subire una seduta psicoterapeutica tenuta da una professionista del settore. Obiettivo della stessa è quello di far prendere consapevolezza ad Anna su quelli che sono i suoi sensi di colpa, il suo sentirsi sempre inadeguata, inadatta e non all’altezza. Anche, se proprio vogliamo essere precisi, sul suo senso del dovere senza sosta e che nella sua ottica è l’unico modo per ottenere amore e affetto.
Prima entrare nel giallo occorre, ancora, delineare il quadro in cui essa si trova: attualmente il marito Alessandro si trova in Islanda tra geyser e muschi per lavoro, il piccolo Luca accusa la mancanza del padre e gli effetti di una scuola non sempre positiva, il padre deve essere seguito nelle cure per la sua malattia e infine la sorella è alle prese con il nuovo appartamento da arredare. Perché è importante questo focus? Perché sarà da qui che Anna entrerà nel vivo della prossima indagine.
Una giovane donna, Lucia Calici, nipote della vittima Ines di sessantasei anni, si rivolge all’agenzia perché qualcosa nella morte dell’amata zia proprio non le torna. Apparentemente questa sarebbe deceduta durante una rapina in casa ma nello scavare e osservare, emerge che molti sono i fantasmi e gli scheletri nell’armadio tra parenti. Asti, sospetti, invidie, vendette. È vero che la donna soffriva di gravi problemi di salute, è vero che una banda di malviventi si sta divertendo a tormentare il quartiere con rapine e sevizie ai malcapitati di turno, ma qualcosa proprio non quadra.
Da qui ha inizio l’indagine che la coinvolgerà ancora una volta con i suoi amici non umani. È bene precisare che Sarah tratta gli animali e le piante con molta attenzione e che ogni suo scritto oltre che ad essere intriso di una profonda componente morale che si fonde e mixa alla componente gialla è anche dotato di profondo acume e ironia. Non mancano infatti le situazioni esilaranti e divertenti come i personaggi eclettici ma tutti ben delineati. Tra tutti la gatta vegana dedita all’aiuto di topolini abbandonati.
A ciò si aggiunge la componente psicologica che regala ai lettori uno spaccato di riflessione su quello che è il moralismo umano e in particolar modo su quel senso di inadeguatezza che spesso ci accompagna. Ha dunque luogo un altro piacevolissimo viaggio in compagnia di Anna e di tutta la squadra, un viaggio che è una carezza al cuore che dona empatia e che invita a lottare contro il pregiudizio. Tra sorrisi e commozione, tra corde che solleticano il cuore. Come pochi autori sono in grado di fare.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio
Assassinio a Pedra Manna
Morte accidentale di un amministratore di condominio
Appuntamento mortale
Dalle finestre del borgo
La banda dei colpevoli
Io sono l'Indiano
Chiedi al portiere
La vita paga il sabato
La Svedese