La vita è un cicles La vita è un cicles

La vita è un cicles

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


In una gelida mattina d’inverno, nel retro dell’Acapulco’s, uno dei peggiori bar di Torino, viene ritrovato un morto ammazzato. Chi è? Ma soprattutto, chi l’ha fatto fuori, e perché? Massimo, giovane laureato in Lettere che per sbarcare il lunario prepara panini e scongela brioches precotte, non sa nulla di quel cadavere con la faccia spappolata, così come sembra non saperne niente neppure Gervaso detto Gerry, il figlio del padrone del bar, un ragazzotto non proprio sveglio, più interessato a conquistare la bella Sabrina che a fare fatica dietro al bancone… A dirigere le indagini con la sua squadra c’è il commissario Gianmarco Martinetto, un poliziotto dal carattere ruvido e apparentemente scostante come la sua città, che deve rimboccarsi le maniche per risolvere questo intricato caso in cui le piste investigative si confondono e si sovrappongono. Dietro l’omicidio c’è forse la mano di una misteriosa mafia veneta che ha il controllo della periferia torinese? Oppure è uno spietato regolamento di conti per una faccenda di droga, o prostituzione? E chi è veramente Gilda, femme fatale che fa perdere la testa a Massimo, bravo ragazzo più a suo agio con le versioni di latino che con i sentimenti?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vita è un cicles 2018-10-29 15:44:02 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    29 Ottobre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un morto di periferia

Margherita Oggero, Premio Bancarella 2016, torna al suo genere preferito, il giallo, con La vita è un cicles. Ambientato a Torino, il libro ha il fascino e l’intrigo del giallo, la levità e la leggerezza delle tenere storie d’amore. Di Torino colpisce il ritratto in cui si parla dell’incuria che domina la periferia, per cui:
“una parte del quartiere, quella nuova e costruita in fretta dopo l’altra, è desolante, come tutte le aree periferiche dove imperversa l’incuria e il tessuto sociale è disgregato. Dove giocando con una bomba carta ai giardini si semidistrugge un caseggiato; dove nessuno vede, nessuno sa niente, nessuno conosce nessuno; dove i cassonetti incendiati le panchine sradicate le vetrine in frantumi sono i fiori che sbocciano ogni notte.”.
In tale contesto, dove pare dominare una “certa mafia veneta”, all’interno di un bar scalcinato e di scarsa bellezza, l’Acapulco’s. viene trovato un morto, orribilmente sfigurato. Chi lo trova è Massimo, giovane laureato in Lettere, che si arrangia con il misero salario che gli è dato dal padrone del bar, tale Bettino Trevisan, losco figuro, tanto quanto il figlio, un po’ demente, Gervaso detto Gerry. Di chi è il cadavere, e soprattutto chi è stato ad ucciderlo? Domande che si pone il povero commissario Gianmarco Martinetto, burbero e scostante, che preferisce essere ovunque piuttosto che lì. Lui:
“soffre di una specie di insonnia. A qualunque ora vada a letto, alle cinque gli squilla una sveglia interiore che non c’è verso di zittire e lo costringe ad alzarsi, perlopiù sacramentando. Verso le due del pomeriggio, invece, è invaso da un torpore pesante che può smaltire soltanto quando è di riposo, con una pennichella ristoratrice, mentre negli altri giorni ingurgita caffè, maledice i ritmi circadiani e strapazza chi gli capita a tiro.”.
Le indagini stentano, perché:
“il morto era privo di documenti, cellulare, chiavi e qualsiasi elemento (scontrino, biglietto, tessera) utile all’identificazione. E data la condizione della faccia devastata dall’uscita del proiettile, tutto quello che si sapeva della vittima era l’età presunta.(…) Neanche un pugno di mosche in mano, il peggio del peggio.”.
La situazione è angosciante,
“si prevedono lungaggini, piste inconsistenti, un sacco di lavoro e un esito incerto.”.
Mai perdersi d’animo, però, perché:
“la vita è un cicles”,
ovvero:
“un cicles, cioè una gomma da masticare, cioè chewing-gum?”.
Una lucida fotografia del mondo attuale, dove
“è il futuro a non sembrarmi confortante. Se non ci andrà troppo male diventeremo un Paese di baristi cuochi camerieri albergatori suonatori di mandolino e guide turistiche; le menti migliori in esilio volontario o no. Se ci andrà male meglio non pensarci.”.
Una descrizione precisa ed accurata della periferia torinese, ove:
“uno scenario da futuro distopico diventato presente. Un concentrato di livore cieco contro tutto e tutti, di pregiudizi arroganti, di ignoranza abissale e contagiosa neppure scalfita dai troppi pochi anni di scuola. “.
E su tutta la narrazione prevale l’investigazione formata da tantissime ed intriganti piste che si mescolano e si sovrappongono. Una bella storia, narrata con perizia e metodo, e un alto acume intellettivo ed investigativo. L’autrice mescola bene gli ingredienti del narrato, passando con destrezza ad analizzare la situazione lavorativa dei giovani di oggi, alle infiltrazioni delle cosche mafiose al nord, alle storie d’amori giovanili e ai loro sviluppi. Un ottimo narrato, intenso e profondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri