Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Ogni giorno ha il suo male
 

Ogni giorno ha il suo male Ogni giorno ha il suo male

Ogni giorno ha il suo male

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La sonnacchiosa provincia toscana di Valdenza è improvvisamente scossa dall’omicidio di una donna.. Si pensa subito al movente passionale, ma all’occhio esperto di Casabona, il commissario incaricato del caso, qualcosa fin da subito non quadra: troppi elementi diversi sulla scena del crimine. Casabona capisce ben presto che l’omicidio è solo l’inizio di un vortice di morte: un gioco molto pericoloso in cui le regole sono quelle stringenti e folli di un serial killer. E Casabona non può che accettare la sfida.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ogni giorno ha il suo male 2014-10-02 10:41:35 Rokiweb
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rokiweb Opinione inserita da Rokiweb    02 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OGNI GIORNO MUORE QUANDO NASCE UN NUOVO GIORNO

Ogni giorno ha il suo male prima opera di Antonio Fusco, Giunti Editore. Cosa posso dire in questo caso? Buona la prima! Fin dalla prima pagina vieni catturato da questo noir, e oserei aggiungere con delle venature di thriller. Il tutto succede a Valdenza una tranquilla cittadina della provincia toscana. Cosa succede in questa sonnacchiosa cittadina? Accade che il commissario Tommaso Casabona si trova ad indagare su degli omicidi molto particolari. Perché particolari? Perché all’apparenza le vittime non hanno niente in comune, se non alcuni oggetti usati dall’omicida. Non ci sono indizi, non ci sono moventi, ci sono solo dei corpi. Ad un certo punto delle indagini la squadra verrà affiancata da un commissario di Roma dello SCO, Cristina Belisario. Ormai c’è la certezza che sotto tutto questo si nasconde un serial killer!
Inizia così questo gioco perverso tra il commissario Casabona e il serial killer. Quindi il commissario Tommaso si ritrova, sotto il periodo natalizio, ad affrontare oltre ad i suoi problemi familiari, un gioco machiavellico con l’assassino.
Con uno stile fluido, semplice e stringato ci porta dentro Valdenza, ci fa conoscere i suoi personaggi principali e viviamo con loro tutti i vari sviluppi delle indagini, i loro momenti di sconforto, e le loro scoperte. Il ritmo è serrato dalla prima all’ultima pagina, non ci sono cedimenti, è un romanzo che scorre via senza grossi scossoni o effetti speciali. Vi consiglio la lettura di questo noir, dovete assolutamente conoscere il commissario Casabona, un gran bel personaggio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Ogni giorno ha il suo male 2014-08-04 11:39:42 Dany83
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Dany83 Opinione inserita da Dany83    04 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'effetto farfalla

Con “Ogni giorno ha il suo male” Antonio Fusco fa il suo esordio nella letteratura offrendoci un giallo che racchiude in se qualcosa di più della semplice storia raccontata.
Un romanzo dall’ossatura americana, la storia dello spietato serial killer sembra rimandare ai romanzi d’oltre oceano, ma con un animo tutto italiano.
Nell’immaginaria provincia toscana di Valdenza si intrecciano le indagini di polizia per catturare l’assassino e la storia personale dell’ispettore Casabona. Una storia che nelle prime pagine colpisce come un pugno alla bocca dello stomaco e che inevitabilmente crea un legame con la storia stessa che può essere sciolto solo arrivando alla fine del libro.
Delle indagini che mettono in risalto gli sforzi ma anche le leggerezze e superficialità che a volte vengono commesse in campo giudiziario e la vita di un ispettore che viene delineato non come un eroe ma come persona estremamente vera, con le sue inquietudini e paure, le sue forze e le sue debolezze. Una persona cinica e concreta sul lavoro, ma generosa col suo prossimo. Altruista verso i colleghi, perde di vista le redini della propria vita personale rischiando così di trascurare e ferire le persone a lui più care.
Casabona, un animo combattuto e irrequieto. Quant’è difficile Tommaso riuscire a conciliare l’amore per il proprio lavoro e quello per la propria famiglia, come si può svolgere al meglio entrambi i ruoli senza far torti a nessuno? Perché il mondo si divide tra chi può passare oltre quella striscia bianca e rossa e chi non può farlo, ma chi non la oltrepassa non sa che chi va al di là di quella striscia tutto quel che vive se lo porta dietro, ombre che si muovono con gambe proprie, incubi pronti a riemergere ad ogni occasione propizia. Questa è la peggiore condanna per chi passa quella linea, per quel lavoro che vi siete scelti: vedere il mondo attraverso la lente deformante del male che buttate giù, senza mai riuscire a digerirlo veramente.
La soluzione del caso sta nel profondo dell’animo umano e nella sua mutevolezza.
No so quanto del vice-questore e capo della squadra mobile di Pistoia Antonio Fusco ci sia nel suo personaggio Casabona, certo è che il bagaglio personale di esperienze traspare dalle pagine di questo suo romanzo attraverso una scrittura veritiera e cruda, dialoghi mai banali e personaggi che appaiono estremamente reali, anche se a mio parere alcuni di essi potevano essere meglio caratterizzati. Un romanzo che si presta a più livelli di lettura, e forse proprio per questo può essere più o meno apprezzato a secondo di ciò su cui ci si sofferma, e che nasconde tra le sue righe importanti spunti di riflessione. Perché ciò che facciamo si allontana da noi e finisce per non appartenerci più, però sopravvive negli effetti che ha generato.
Spero che in futuro Antonio ci regali altre indagini dell’ispettore Casabona, per permetterci di apprezzare il suo lavoro e farci conoscere un po’ meglio la sua storia.
Buona lettura



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gialli, thriller e anche se può sembrare strano anche chi a letto testi sulle filosofie orientali può trovare interessante questo romanzo.
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ogni giorno ha il suo male 2014-07-24 10:55:14 Gaspare Giannoso
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Gaspare Giannoso    24 Luglio, 2014

Thriller tutto italiano

Un giallo scorrevole, avvincente e coinvolgente. Il lettore viene reso partecipe dello svolgimento e dello sviluppo della indagine, come fosse uno della squadra investigativa.
Forte della esperienza personale e diretta dello scrittore, il racconto scorre fluido, chiaro e dettagliato, proiettando chi lo legge in un mondo diverso da quello di tanti telefilm stile CSI, un mondo più autentico e realistico (ci sono persino le "lavate di testa" a qualche collaboratore disattento).
Il Commissario Casabona, inoltre, è un personaggio che non è solo uno poliziotto ma rivela le diverse sfaccettature della sua personalità, da cui traspare l'amore per le cose semplici e genuine, come i luoghi dove vive, la giusta lontananza dalle tecnologie, i sentimenti.
Assolutamente da leggere

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri