Una lama di luce Una lama di luce

Una lama di luce

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Montalbano va a visitare una mostra di pittura nella nuova galleria d’arte di Vigàta di proprietà di Maria Angela, Marian per gli amici. Scatta una immediata attrazione tra Marian e il commissario, e la cosa sembra davvero mettere in discussione il legame con Livia. Negli stessi giorni Salvatore Di Marta, proprietario di un supermercato, denunzia la rapina subita dalla moglie Loredana, sorpresa con una grossa somma che stava per versare a un bancomat. Loredana è stata anche violentata e quando qualche giorno dopo si scopre che l’antico fidanzato Carmelo Savastano è stato assassinato, è facile attribuire il furto a lui e l’omicidio a Di Marta. Ma troppe cose non tornano.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 14

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.6  (14)
Contenuto 
 
4.2  (14)
Piacevolezza 
 
4.4  (14)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una lama di luce 2015-02-10 20:07:19 catcarlo
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    10 Febbraio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una lama di luce

Uscito nel 2012, questo libro racconta la ventesima (o pressappoco) indagine del commissario Montalbano e non è logico aspettarsi chissà quali sussulti imprevisti: assai più ovvio, invece, trovare i personaggi e le situazioni consuete che, in fondo, costituiscono una delle basi del successo della serialità. Dagli strafalcioni di Catarella ai pranzi e alle cene quantitativamente imbarazzanti non manca niente, anche perché il commissario – malgrado gli anni che passano – mangia (e beve) dimostrando gli appetiti di un giovanotto. Il tema del tempo che scorre inesorabile costituisce in fondo l’unica variante di rilievo rispetto allo svolgimento classico, ma va anche detto che era già stato introdotto in precedenza: in ogni caso, niente a che vedere con le traversie sanitarie di un Wallander, tanto che le considerazioni a riguardo spuntano solo di quando in quando. Il nucleo della narrazione vede invece l’intrecciarsi di tre storie nelle quali Montalbano si trova coinvolto in modo più o meno diretto, ma alle quali deve cercare di dare una spiegazione. La principale è il giallo vero e proprio che scaturisce dalla rapina ai danni di una giovane e bella signora sposata a un danaroso gelosone di mezza età: tutto un complicato viluppo per mettere le mani sulla roba segnato dall’avidità di un gruppo di mediocri piccolo-borghesi che finiscono per farci scappare anche il morto. La faccenda tocca tangenzialmente anche la mafia – che, alla fine, viene quasi incaricata di fare giustizia – ed è caratterizzata soprattutto da un rapporto ai limiti del morboso fra due donne, con una di esse a far la parte della burattinaia: forse esile nel complesso, ma resa interessante dalla capacità di Camilleri nel dosare il buon numero di svolte a sorpresa. A lato si svolgono la caccia a tre extracomunitari sospettati di traffico di armi e l’avventura del commissario con una fascinosa gallerista: passeranno anche gli anni, ma le figone continuano a cascare ai suoi piedi al primo sguardo manco fosse James Bond e lui si premura di amarle con vigore salvo poi farsi venire i sensi di colpa nei confronti di Livia. A proposito della non troppo simpatica compagna del commissario, va notato che la vera novità del romanzo sono le percezioni extra-sensoriali della donna che si assommano ai sogni premonitori di Montalbano. Una forzatura forse eccessiva, ma giustificata, se non altro, dal divertentissimo primo capitolo, in cui l’autore si diletta assai a modificare la realtà con piccoli tocchi narrati in un crescendo comico ritmato da un ritmo perfetto: senza dubbio il momento migliore del libro che ben predispone il lettore intento a rallegrarsi dello stato di forma di Camilleri. Nel prosieguo non tutte le promesse vengono mantenute e il ritorno sullo stesso livello va atteso fino alla conclusione dove, in un’atmosfera decisamente opposta, il commissario riesce (ovviamente) a fare luce su tutti i misteri e, al contempo, è costretto a non rimandare oltre decisioni che riguardano una parte della propria esistenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2014-02-04 22:09:48 BEPUZ
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
BEPUZ Opinione inserita da BEPUZ    05 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una Lama di Luce che perfora l'anima

Ed eccomi immerso nella lettura di una delle indagini più complesse del nostro Commissario Montalbano. Tutto inizia con un sogno fatto dal Commissario che si ritrova in una campagna sperduta, dove poggiata nella terra vi è una bara contenente un cadevere coperto da una tela con ricamate delle iniziali. Nel sogno vi compare anche l'agente Catarella, che per chi non lo conoscesse è un personaggio grottesco creato dal Maestro Camilleri, che parla in latino e il proprietario dell'appezzamento di terra. Sarà questo sogno a turbare l'animo del commissario per l'intero arco del romanzo.

Non solo, viene messo in risalto anche la crisi personale che lo colpisce "sempre cchiù 'mmalincunutu, sempri cchiù acuta la sinsazioni d'aviri sbagliato ogni cosa della vita". Questa crisi nasce dal suo rapporto a distanza con Livia, ed anche l'aver conosciuto una gallerista Marian "beddra, auta, occhi granni, zigomi rilevati, capilli longhi e nìvuri come l'inca. A prima 'mprissioni, pariva na brasiliana. Anche Livia comunque vive un periodo turbato da un'angoscia continua ed assillante, che lei stessa non riesce a spiegare. Non riesce neanche ad alzarsi dal letto per andare a lavorare.

Le indagini di cui si occupa unitamente ai fedeli Mimì Augello e Fazio, sono una rapina a mano armata con violenza sessuale ai danni di una ragazza diciannovenne sposata, che sfocerà con un omicidio; un traffico d'armi da guerra, secretati in un casolare di campagna ad opera di ribelli tunisini opposti al regime del loro governo; ed infine un traffico d'opere d'arte trafugate.

Un romanzo articolato e molto complesso per come si dipanano le indagini, in cui Montalbano viene estromesso dalla Questura per quanto concerne quella sul traffico di armi. Ma lo stesso non demorde iniziando un'indagine parallela e sottobanco.

Il Maestro lascia sempre con il fiato in sospeso con molti colpi ad effetto. Indagini svolte minuziosamente senza lasciare nulla al caso, pesata ogni parola, ogni situazione, con descrizione di segnali corporei e stati d'animo delle persone coinvolte. E nei momenti di solitudine e lucidità che al Commissario vengono le idee su come districare la matassa, che coincidono quasi sempre dopo "una bella mangiata" con annessa passeggiata sul molo.

Il titolo del romanzo è una di quelle cose per cui io personalmente amo Camilleri e il suo stile enigmatico, originale, di come sa tessere le trame. Nulla è lasciato a caso. E quella stessa lama di luce che lega gli stati d'animo dei personaggi e che alla fine mi ha fatto commuovere lasciandomi l'amaro in bocca per la sua tragicità.

Dialoghi, descrizione dei personaggi e dei luoghi in rigoroso siciliano, a parer mio comprensibile a Tutti, ma dato che sono di parte, mi offro volontario in qualità di dizionario per qualsiasi traduzione e/o interpretazione per coloro i quali si cimenteranno nella lettura del romanzo.-

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2013-06-07 12:05:08 AndCor
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    07 Giugno, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La scure opprimente che oscilla fra Salvo e Livia

Avrei voluto iniziare dicendovi che questo romanzo è capitato 'per caso' nella libreria di casa mia, ma poi mi sono ricordato di Zafòn, della sua certezza che 'alla fine sono i libri a scegliere noi', e mi sono reso conto di quanto mi stessi sbagliando. Perchè non esiste il 'caso' quando si tratta delle nostre letture, e perchè avevo etichettato questo romanzo come un normale 'poliziesco', ed invece è stato molto di più.

Esaurisco questa premessa e passo al commento vero e proprio, confessandovi anzitutto che il 'primo impatto' non è stato dei migliori;
Nonostante le mie origini calabresi e la mia passione per i dialetti di un pò tutta Italia, inizialmente ho riscontrato notevoli difficoltà nella lettura di questo romanzo.
Camilleri scrive in dialetto siciliano, ma non sono tanto i termini specifici ad avermi ostacolato, bensì la costruzione delle proposizioni simile alla lingua latina - per la quale non nutro particolare simpatia -, dalla quale esso deriva.

Tuttavia, superati i primi capitoli 'di assestamento', sono riuscito sempre più a calarmi nello stile e nel linguaggio del romanzo, fino a scoprirne tutta la sua straordinarietà.
Se non si era già capito, è stata la prima volta che mi sono trovato a leggere un romanzo basato sulle avventure del Commissario Montalbano, e quindi non so se anche i capitoli precedenti siano stati strutturati alla medesima maniera, ma sicuramente posso dirvi che 'Una lama di luce' è ben diverso dagli altri romanzi gialli, perchè è articolato secondo due piani letterali tanto paralleli quanto reciprocamente dipendenti;

Il Commissario ha da risolvere due casi abbastanza spinosi, ma Camilleri vuole porre maggiore attenzione sul piano psicologico dei protagonisti. D di 'Repubblica' afferma giustamente come Montalbano sia 'vittima' de 'la crisi del diciottesimo anno', la quale crea qualche piccola crepa nella relazione fra lui stesso e la fidanzata Livia. Sarà proprio quest'ultima a subirne le peggiori conseguenze, portandosi dietro un alone di disagio e di malessere che influenzerà indirettamente anche l'intero intreccio del romanzo dalla prima all'ultima pagina.

Fino a quando, non entrerà in scena quella stessa 'lama di luce', già presente nel titolo del romanzo, che diraderà tutte le tenebre che circondano la vicenda ed i personaggi, lasciandoci in eredità un finale tagliente, drammatico e nondimeno enigmatico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2013-01-15 21:00:56 antares8710
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    15 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Camilleri in grande spolvero!

Un Camilleri in grande spolvero che in questo romanzo si sofferma in particolare sul suo protagonista conducendo un'indagine psicologica del commissario, fino ad analizzare nel profondo il suo rapporto con Livia.
E' un Moltalbano più umano, più intimo, che riesce a risolvere i casi grazie a dei sogni premonitori.
Mi ha colpito molto, anche commosso, l'entrata in scena nel finale di un personaggio che credevamo scomparso e che ci fa capire l'importanza di Livia nella vita del commissario.

Non vi dico niente per non rovinarvi la sorpresa!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutta la saga di Moltalbano
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2012-12-27 15:41:13 chicca
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
chicca Opinione inserita da chicca    27 Dicembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una lama di luce

Bellissimo, sicuramente uno dei più bei libri della serie. La descrizione dell' uomo risulta veritiera e commovente. Camilleri dona alla sua creatura Montalbano uno spessore e un' umanità fuori da ogni stereotipo. Il caso poliziesco è ben strutturato e fa da giusto contraltare alle elucubrazioni del nostro commissario sul suo rapporto con Livia.
Il coupe de teatre finale mi ha commosso fino alle lacrime.
Imperdibile per chi ama Montalbano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altre avventure del nostro commissario preferito
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2012-10-09 19:43:54 Tanu
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    09 Ottobre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Verso il tramonto

Montalbano è stanco e si vede. Si fa ingabbiare dalla maliarda di turno alla ricerca della gioventù perduta, come un uomo qualsiasi, confermandosi anti-eroe per definizione. L'avventura con Marian fa da sfondo a questa doppia indagine, una legata a una storia di corna e un'altra al terrorismo internazionale; il finale drammatico rompe la bolla dell'incantesimo prodotta dall'infatuazione per la bella Marian restituendo al Commissario una prospettiva sulla sua vita e sui suoi affetti. Camilleri al top per quella che verosimilmente sarà una delle ultime avventure del nostro Salvo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutto Camilleri!!!
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2012-10-08 11:08:08 MrsRiso13
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
MrsRiso13 Opinione inserita da MrsRiso13    08 Ottobre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Presagio e premonizione

In questo nuovo romanzo, ancora più evidente del solito è l'io interiore di Montalbano. Domina la scena, ripensa alle scelte del passato ed a come disegnano il presente e cerca di rispondere alle domande sulla correttezza delle decisioni intraprese, in primis, analizzando il rapporto con Livia.
Sono i presagi e le premonizioni, gli artefizi che Camilleri usa, per aiutare Montalbano a sciogliere tutti i nodi, sia personali (Livia o non Livia?!?) che professionali (tre casi felicemente risolti).
In conclusione, se il dialetto siciliano non spaventa, una Lama di Luce è un libro da leggere tutto di un fiato, perché ricco di personaggi dalle mille sfaccettature che evolvono come persone reali (invecchiano, crescono, imparano) in un ambiente ben descritto che non prende mai il sopravvento sulla trama.
Ottimo lavoro!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ama i gialli, sopratutto le avventure del Commissario Montalbano
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2012-09-06 18:53:23 Nadiezda
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    06 Settembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Montalbano diverso

Ho deciso di leggere un altro libro di Camilleri che tratta le storie del Commissario Montalbano.
Devo ammettere che all’inizio non mi aveva molto entusiasmato, ma poi con il passare del tempo e delle pagine ho trovato il giusto “colpo di coda” che mi ha incoraggiata a proseguirlo e finirlo il prima possibile.

In questo libro troviamo tre storie, che scorrono su tre binari paralleli per poi sul finale congiungersi e terminare tutte assieme.
Montalbano dovrà trovare i colpevoli di: un’aggressione a mano armata con violenza carnale, traffico d’armi e commercio di opere d’arte rubate.

Il Commissario in quest’opera è pieno di sogni premonitori e si sente oppresso anche se non sa bene il perché.

Anche all’interno di questa storia troviamo una donna che riesce a fargli perdere la testa, si tratta di Mariam, una gallerista.

Mentre si legge questa nuova vicenda il lettore percepisce il senso di solitudine e i continui tormenti del Commissario anche se non si intuisce il perché di queste sensazioni.

Livia “la sentiamo” solo per telefono ed anche lei è stranamente oppressa, ma non si capisce bene da cosa e perché fino a quando non si arriva al finale.

Il libro è intriso di premonizioni, di sogni anticipatori e di strane sensazioni.

Lo stile è quello di sempre, scorrevole ed unico anche se scritto in dialetto siculo il lettore non avrà problemi di comprensione.

Un libro che ti coinvolge e sconvolge.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2012-08-22 08:33:28 marcie88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
marcie88 Opinione inserita da marcie88    22 Agosto, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MONTALBANO INVECCHIA E NON CI STANCA MAI

Da qualche tempo Camilleri riflette sulla vecchiaia e i suoi inghippi, sulle debolezze che gli anni portano con sè, così simili a quelle adolescenziali.
Con quest'ultimo libro, però, arriva a un bivio e dalla caduta nel buio della perdizione giungerà una grande svolta personale per il nostro Commissario Montalbano.
Dispiace dirlo, ma lo stile di Camilleri è dieci metri sopra il cielo rispetto a quello di altri giallisti come Marco Malvaldi che, pure anch'egli edito da Sellerio, ci svela troppo spesso l'artificio del pensiero e della scrittura.
Camilleri no: da anni ci intrattiene con i suoi personaggi di siciliana loquela, e da anni non ci annoia perchè quei personaggi sono reali, e riescono a seguire i cambiamenti dell'autore senza farcelo troppo notare.
E "Una lama di luce" ne è bellissima conferma.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri libri di Camilleri che hanno per protagonista il Commissario Montalbano.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una lama di luce 2012-08-02 18:55:59 sohck46
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sohck46 Opinione inserita da sohck46    02 Agosto, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un grande Camilleri

Un altro libro del commissario Montalbano che anche questa volta non delude i suoi lettori grazie a un misto di ironia, (dovuta alla presenza dei simpaticissimi colleghi Fazio e Augello e le saltuarie comparse del segretario Catarella) intrigo e passione.
In questo romanzo troviamo un Montalbano solo, lontano dalla sua metà, ma anche stanco della solita routine di coppia. Una routine che si spezzerà con la comparsa di una nuova fiamma che risveglierà l'orso che si nasconde nel "nostro" commissario.
Ma a mettere un certo movimento nel racconto, sono presenti 3 casi di cui Montalbano dovrà occuparsi con molta attenzione, una pensata rapina che sfocerà in un omicidio e un caso di commercio d' armi con la Tunisia in fase di ribellione e sovversione del govero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La Svedese
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore
Vivi nascosto
Diritto di sangue
Il Francese
Mente oscura
Paesaggio con ombre