Narrativa italiana Romanzi Astenersi principianti
 

Astenersi principianti Astenersi principianti

Astenersi principianti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Davanti alla fine, siamo tutti principianti: e siccome l'arte del distacco non la possiamo imparare, tanto vale affezionarsi a questa Signora acquattata nell'armadio, cercando le parole per farcela un po' amica. Ognuno procede a modo suo, ci mancherebbe, ma qui c'è un piccolo prontuario portatile: una cassetta degli attrezzi fatta di poesia, paura, favole, silenzio, coraggio, lacrime, sorrisi: «mille pozioni per uccidere la notte». Paolo Milone accende il buio con le sue folgorazioni, e ha l'avventatezza di farlo persino con leggerezza. Perché non possiamo sapere quale, ma di queste strade, una sarà la nostra. «Esistere nel corpo è una cosa bellissima. Non ci sono altri posti per essere noi stessi». La morte è l'unica certezza che abbiamo nella vita, ma noi allontaniamo il pensiero ogni giorno, con pervicace distrazione. Eppure basterebbe fermarsi un istante... Ecco perché è fatto di istanti, questo libro inaspettato. Di quegli attimi preziosi in cui esitiamo in cerca di una strada, e all'improvviso ci accorgiamo che la vita e la morte fanno gli stessi scherzi, perché semplicemente sono un'unica cosa. In fondo cosa c'è, dopo la morte? C'è un paese dove non siamo mai andati: «Per me, per esempio, la Norvegia». Di ciò di cui non si può parlare, non bisogna tacere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Astenersi principianti 2023-04-09 15:57:26 marialetiziadorsi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
marialetiziadorsi Opinione inserita da marialetiziadorsi    09 Aprile, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Commento

"La verità è che ognuno muore a modo suo, come sa e come riesce. Non esistono protocolli. Le confesserò una cosa: anch’io sono una principiante assoluta, ogni volta ricomincio da zero. È impossibile prepararsi, non ci resta che improvvisare.”
Paolo Milone riafferma con questo suo secondo lavoro la capacità di affrontare temi complessi ed eticamente pesanti con stile leggero e riflessivo al tempo stesso.
Qui si parla di morte, resa persona al punto da essere incontrata come un altro essere umano da chi, pur inconsapevolmente, quel giorno ha un appuntamento che gli è stato fissato dal momento nel quale nasce e che non può purtroppo essere ignorato e che, soprattutto, non viene dimenticato. Nella sua agenda la morte ha tutti gli appuntamenti ai quali implacabilmente non manca. E nonostante il compito ingrato non le fanno difetto la grazia ed un certo umorismo.
L’umanizzazione della morte serve a renderla accettabile o quantomeno sopportabile per noi che la dobbiamo subire. E’ talvolta descritta come in epoca medioevale veniva raffigurata, con falce, martello nero ed occhi profondissimi. Eppure non riesce a fare paura.
Il libro è strutturato in brevi storie, tutte tra loro diverse, nelle quali è narrato l’appuntamento di diverse persone con la morte. C’è chi ne è terrorizzato, chi la attende con pazienza, chi cerca di vincerla a carte per guadagnarsi qualche minuto in più, chi vuole precederne l’arrivo con un suicidio e così via. Tra una storia e l’altra l’autore inserisce qualche riflessione ulteriore, sempre con la sua consueta leggerezza.
Ogni vicenda ci fa pensare alla ineluttabilità del nostro agire, all’inutile nostro affannarci in attività per le quali non vale la pena di spendere una vita, al fatto, soprattutto, che noi viviamo inconsapevolmente, senza cioè pensare alla morte, e forse è meglio così. In sostanza la vita ci ridimensiona e ci dimostra quanto siamo impotenti di fronte al suo termine.
L’ultimissima parte del romanzo, da la “morte levatrice”, alla “morte ubriacona” fino alla “morte in villeggiatura”, completano la parabola di umanizzazione della morte, che addirittura contraddice se stessa aiutando a far nascere una nuova vita in caso di necessità e ad aiutare a recuperare mezzi di sostentamento ad una famiglia in difficoltà, fino al gioello della morte in villeggiatura, che ci racconta finalmente di una morte che prova sentimenti e soffre di fronte alla morte di un essere umano, arrivando quindi alla negazione del suo essere.
Paolo Milone dimostra ancora una volta di avere un suo personale stile narrativo, leggero e profondo al tempo stesso. Anche se devo ammettere che ho apprezzato di più il suo primo romanzo, “L’arte di legare le persone”, nel quale forse l’esperienza personale ha aggiunto una maggiore sensibilità al tema trattato e una più profonda partecipazione dell’autore al testo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'arte di legare le persone
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita