Narrativa italiana Romanzi Buona fortuna
 

Buona fortuna Buona fortuna

Buona fortuna

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Margot ha trentotto anni, un gatto, un fidanzato soprannominato Tormento e un lavoro precario. Giovanna, la caporedattrice del quotidiano genovese dove lavora, la costringe a un'assoluta flessibilità anche nella scrittura, chiedendole articoli in tempi record e sugli argomenti più improbabili, dalle ultime novità in fatto di cake design ai modi per favorire i migliori auspici per l'anno nuovo. Non era così che Margot aveva immaginato la propria vita: il lavoro la fagocita, Tormento si rivela ancor peggiore del suo soprannome e persino Diesel, il gatto dispensatore di abbracci, non sta niente bene. Un giorno, intenta a scrivere un nuovo pezzo, Margot varca la soglia di una piccola ricevitoria del centro di Genova gestita da un'ottantenne del tutto fuori dal comune, Caterina: lo sguardo saggio e lieve che l'anziana signora rivolge al mondo la colpisce in profondità. Pochi giorni dopo il loro incontro, Caterina viene aggredita nel suo negozio e in poche ore si ritrova incomprensibilmente travolta da una vicenda che rischia di toglierle tutto ciò che le è rimasto: la ricevitoria, la libertà, il calore della gente, la reputazione. Margot non può stare a guardare. Per affetto, per un senso di giustizia che le impedisce di assistere indifferente a un torto e anche per non farsi ingoiare dal vuoto che ha allagato la sua vita, Margot si trasforma in àncora di salvataggio della sua anziana amica e si improvvisa detective per capire chi ha interesse a rovinare la vita di Caterina. Rischia molto, Margot, rischia del suo: ma - vantaggi emotivi della precarietà! - sa che rischiare a volte è il solo modo per vincere.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Buona fortuna 2018-08-09 13:54:46 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    09 Agosto, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Margot, Caterina & Diesel

«Ho un dolore da gestire di cui non ho ancora chiari i codici, è il dolore che ti fa guardare il presente vedendo il futuro, un futuro dove certi rituali e certe presenze non esisteranno più, dove ci sarà ancora l’amore ma non il suo contenitore, un dolore preventivo che ti fa inciampare nell’adesso e non ti permette di gioirne quando tu vorresti solo strizzarlo il più possibile per salvarne fino all’ultima goccia» p. 27

Margot, trentotto anni, un gatto di nome Diesel che non sta affatto bene, un fidanzato da evitare come la peste dal giusto soprannome di Tormento e un lavoro precario quale giornalista presso un quotidiano genovese dove presta la sua penna su direzione e indicazione della caporedattrice Giovanna, alla domanda del se mai si sarebbe aspettata che la sua vita sarebbe stata così, ha risposto di no. Poi un giorno come un altro, le viene chiesto di scrivere un articolo diverso, un articolo che non sente nelle sue corde e su argomento che sente ancora meno vicino, ma che, eppure, la porta a varcare le soglie di una ricevitoria. Ed è qui che il suo sguardo si incontra con quello di una ottantatreenne, Caterina, anziana, vedova di marito e figlio. Quello della vecchietta è uno sguardo che va oltre le apparenze, che la scruta, la fotografa, la mette a nudo, ma è anche uno sguardo paziente che è capace di aspettare che la consapevolezza dei propri errori, dubbi e delle proprie esitazioni, delle proprie successive risposte e delle proprie successive decisioni, venga da sola. Il loro è un incontro soltanto in apparenza breve perché, a prescindere dalle circostanze – Caterina verrà aggredita da un rapinatore all’interno della sua attività poco dopo la visita della nostra eroina e da questo fatto scaturiranno una serie di eventi a catena che ne andranno ad inficiare sulla reputazione – è destinato a non interrompersi. Perché Margot non può tollerare che quegli occhi che ancora hanno tanto da esprimere siano privati della loro voglia di vivere, perché Margot non può tollerare che il “meccanismo di un sistema” possa condannare così una vittima che vuol essere tramutata in carnefice, perché Margot grazie a quella donna e a quella missione dettata dal senso di giustizia, potrà fare chiarezza anche in sé stessa e fare il passo successivo per il suo essere. Anche se per ogni azione corrisponde una reazione e sarà lei in prima persona a pagarne le conseguenze.
Con una penna precisa, meticolosa ma anche empatica, fluente e accattivante, Barbara Fiorio ci regala un piccolo gioiello, ovvero un libro che nel suo essere tocca le corde più intime del lettore obbligandolo, sulla falsa riga di una storia dai toni leggeri, a riflettere e a mettersi a confronto con una società dura e fatta di apparenze e ingranaggi indefettibili. Il percorso compiuto dal lettore insieme alle due protagoniste sarà quello di un continuo crescendo, di un continuo interrogarsi. Soffrirà con Margot e Caterina, crederà nel futuro, si guarderà intorno, a sua volta, per cercare altri sguardi, altri punti di vista, altre anime affini, altre anime in contrasto.
Tante sono le tematiche, ancora, affrontate dalla Fiorio: si passa dall’amicizia, ai sogni, alle ingiustizie, alle speranze, alle contraddizioni umane, alla voglia di rivalsa, alla realtà per quella che è. Il tutto attraverso una protagonista ironica ma anche ostinatamente seria verso quel che accade e che la circonda, il tutto attraverso una protagonista consapevole del finale agrodolce che le è riservato. Perché il lieto fine c’è, ma c’è anche quel retrogusto amaro che riporta il conoscitore alla realtà quotidiana, con tutta la sua forza inesorabile.

«Mi sento un’idiota. Io e la mia bambagia. Quella che mi sono sempre assicurata attorno, quel minimo garantito prima del confine con lo snobismo, quella borghese protezione che permette di non sentire i cattivi odori della vita.» p. 104

«Un felino che si aggira per casa significa la presenza costante di qualcuno che, dotato di libero arbitrio, instaura con te un rapporto paritario e ti considera sua tanto quanto tu consideri tuo lui, che ti osserva, ti cerca e ti fa ridere, che non ti ama ciecamente, ma sceglie di amarti perché ritiene che tu lo meriti, non solo a seconda della marca di crocchette che gli offri.» p. 14

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri