Narrativa italiana Romanzi E' successo anche a me
 

E' successo anche a me E' successo anche a me

E' successo anche a me

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un padre e una figlia di 16 anni che, dopo una delusione d’amore, ha detto di voler farla finita. Una ragazza come tante, con le sue Buffalo nere, le cuffie tra i riccioli e una profonda adorazione per il suo papà. Un giorno lui, per correre da lei, si rompe una rotula e, alla fine, è lei a dover soccorrere lui. Qui, in un anonimo Pronto Soccorso, il padre inizia a raccontarle del suo amore giovanile per un’insegnante che lo aveva rifiutato. A nulla erano serviti lettere di fuoco e consigli degli amici. Padre e figlia si scoprono uguali e come tali più vicini. La storia d’amore paterna si era persa nel nulla quando, giovane artista lui, signora di mezza età lei, si erano incontrati di nuovo e lui non l’aveva neanche riconosciuta. È così che accade. La vita a volte si gira da un’altra parte e non si riconosce più negli amori mancati.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
E' successo anche a me 2020-12-01 23:17:07 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    02 Dicembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Condivisione

La confessione di un padre,Ivan, pittore piuttosto famoso, al cospetto della giovane figlia Maria, terrorizzato dall' idea suicidaria di lei dopo una delusione amorosa, dalla stessa soccorso e accompagnato in ospedale per una caduta accidentale in un improvviso e incredibile ribaltamento di ruoli.
Qui, in attesa di cure, ascoltato da chi richiedeva ascolto, apre il proprio libro della memoria, un soliloquio su vita e sentimenti che lo riporta agli anni '80, ai giorni della propria adolescenza, quando speranze, sogni e desideri cozzavano contro un reale complicato.
E' il periodo delle scuole superiori, delle prime amicizie e dei primi amori, della ribellione, di un desiderio di evasione da una provincia dove poco accade e vince la noia, seppelliti in un buco di paese con un unico cinema. Allora ciascuno cercava di evadere a modo suo, Ivan si divideva tra i disegni, i bar e le partite di pallone, attratto dal fascino metropolitano di un capoluogo,Torino, che prometteva il futuro.
Un giorno, tra i banchi, un' apparizione ne cambierà l’essenza, un colpo di fulmine sfociato in ossessione amorosa, una presenza che tutto cancella e riscrive.
Lei e' Eleonora, giovane supplente di lettere, bellezza trasudante mistero e desiderio, inseguita e ammirata, epicentro di pedinamenti, appostamenti, lettere, telefonate.
Un amore romantico, platonico, disperante e inevaso, da subito rigettato al mittente, che non accetta mezze misure, la differenza di ruolo e di età, e si nutre della propria essenza, quella assolutezza adolescenziale solipsistica e poco comprensiva, cosi' vera e ingenua da sembrare inopportuna.
Anni che egoisticamente contrappongono sé al mondo, anni di ribellione a regole imposte, a genitori autoritari e poco comprensivi, assaporando amicizie discutibili, assorbiti dalla propria acerba presenza.
Maria ascolta, si interroga e riflette su un padre da sempre assente, inavvicinabile, narcisisticamente assorto dalla propria arte, figlio di una generazione lontana e inafferrabile.
Eppure, nel silenzio dell'ascolto, lentamente si intravede uno spiraglio, una possibile comunanza, un’ Epifania generata dal racconto, quel flusso della memoria che diviene empatica presenza, condivisione, accoglienza, trasposizione sentimentale di un microcosmo emozionale tra mondi apparentemente antitetici.
È allora che la storia dell’altro diviene la propria storia, così gli amici, gli amori possibili e improbabili, le speranze e i desideri, e Maria non si sente più sola, vorrebbe trasferirsi da Ivan, assaporando finalmente il gusto di una vicinanza insperata, vera, di situazioni e sentimenti.
Un lungo racconto ben scritto a rappresentare anni apparentemente sepolti ma concretamente vicini nella memoria e nella lontananza per chi li abbia vissuti.
Oltre questo e in questo il respiro di una distanza incolmabile e inconciliabile, aggravata da noncuranza, incapacità, egocentrismo, una difficoltà destata improvvisamente dalla forza di una dolorosa presenza e di un grido vivido.
Ritornano il significato e l' importanza della relazione nella formazione dei sentimenti, nella centralità degli stessi e nella forza di un legame che riscopra le proprie radici, non solo famigliari, pure e semplici emozioni da esternare e condividere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo del porto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri