Erosione Erosione

Erosione

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Siamo sulla Chesapeake Bay, costa atlantica degli Stati Uniti, in una zona in cui la terra deve fare da sempre i conti con l’acqua; l’Oceano di fronte e il più grande estuario nordamericano alle spalle. Dopo anni di fallimentari tentativi di salvare la villa di famiglia, sempre più minacciata dal progressivo innalzamento delle acque, colpita una stagione dopo l’altra da allagamenti e uragani, tre fratelli, Anna, Geoff e Bruno, riescono a venderla. Sono alle prese con l’ultimo trasloco in cui ognuno di loro deve riempire una e una sola scatola con gli oggetti che vuole salvare: un’occasione per fare i conti con il tempo, con l’infanzia, il distacco definitivo da un luogo amato e odiato, con il rapporto difficile con i fratelli e gli altri familiari, con le proprie responsabilità, l’ineluttabilità del caso, i sentimenti indomabili. Con il pensiero di un futuro che sembra essere – per ognuno di loro in modo molto diverso – privo di certezze, come una casa le cui fondamenta sono allagate per sempre.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Erosione 2022-10-02 08:27:59 alba ciarleglio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
alba ciarleglio Opinione inserita da alba ciarleglio    02 Ottobre, 2022
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Oramai




In inglese non esiste una parola con lo stesso significato, per questo il nonno di origine Italiana immigrato in USA, utilizza “oramai” per descrivere il carattere ineluttabile di alcune cose. L’oramai si inserisce nella lingua del luogo per descrivere un oggetto inutilizzabile, una stagione che termina, un giocattolo irrimediabilmente rotto o qualsiasi cosa la cui perdita è inevitabile.
E Oramai è la parola chiave del romanzo, utilizzata ancora dai nipoti, un palliativo più che mai necessario alla storia che Lorenza Pieri racconta. L’oramai si respira in tutto il romanzo, e sembra proprio tutto perduto, che sia questo un oggetto o la memoria della madre malata di Alzheimer o la casa dell’infanzia.

Non amo svelare troppo nelle mie imperfette dilettantistiche recensioni perché mi sembra di togliere il gusto della lettura, preferisco raccontare le mie sensazioni e le mie emozioni. I protagonisti della storia sono due fratelli e una sorella, ed è sorprendente come l’autrice riesca a decifrare quel legame così intimo, indissolubile e conflittuale che esiste solo nella fratellanza, (eh già, in italiano nella lingua parlata, non esiste un termine che includa i generi) quel conoscersi così bene tra fratelli, da prevederne le reazioni, e anche quel lessico famigliare già descritto mirabilmente dalla Ginzburg trova spazio nel racconto.

Con la stessa precisione affronta un tema attualissimo: come viene percepito il cambiamento climatico da noi comuni mortali che abbiamo la sventura di attraversarlo? Si, perché i fatti da lì nascono, l’erosione è quella di un luogo, c’è una spiaggia, una casa di vacanza costruita dal nonno sulla costa atlantica in tempi non sospetti, ed è l’avvicendarsi dei fenomeni atmosferici, sempre più catastrofici e frequenti che costringe i fratelli a lasciarla quella casa, con la sua mole di ricordi e di oggetti. È il momento di salutare per sempre la casa sull’oceano e Anna decide di ritualizzare quel momento coinvolgendo i fratelli, un rito da cui si dipana tutto il racconto.

E il racconto è dolce e a tre voci (dolce persino nella malcelata rabbia da impotenza) Anna, Jeoff e Bruno, attraverso i sedimenti degli oggetti ritrovati ripercorrono parte delle loro vite, dei loro amori adolescenziali, dei loro lutti e delle loro liti.

Aggiungo questo libro a una lista che ho negli anni sempre aggiornato, una lista di piccoli preziosi libri che posso regalare alle persone a cui tengo, non ultime le mie sorelle e i miei fratelli Se dovessi riporlo accanto a autori affini, lo metterei tra Elizabeth Strout e Kent Haruf



“Poi abbracciò Bruno. Gli disse: Grazie. Grazie di tutto, anche per aver dato di matto proprio adesso. Lo dico sempre, la pazzia ci salva dall’essere degli stronzi. La pazzia ci salva la vita.”



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232