Esche vive Esche vive

Esche vive

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Fiorenzo di Muglione, profonda provincia pisana di disoccupazione e fossi stagnanti, è sfortunato fin dal nome: orfano di madre, il padre proprietario di un negozio di pesca e allenatore dell'Unione Ciclistica Muglianese, a tredici anni ha perso una mano a causa di un fuoco d'artificio. Tiziana ha trent'anni, lei pure di Muglione, è laureata, ha fatto un master a Berlino, ricevuto offerte di lavoro in tutto il mondo ma ha deciso di tornare al paese, di mettere le proprie competenze al servizio della sua comunità. Mirko, il Campioncino, il ragazzino che il babbo di Fiorenzo ha scovato nel profondo Molise e ha adottato perché il suo talento ciclistico lascia sperare grandi cose. Fiorenzo, Tiziana, Mirko: tre vite che s'incrociano in un luogo improbabile e desolato, per dare vita a un corto circuito struggente e divertentissimo, amaro e poetico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.5  (6)
Contenuto 
 
4.0  (6)
Piacevolezza 
 
4.2  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Esche vive 2024-05-09 12:49:45 Pelizzari
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    09 Mag, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solitudini e moltitudini

Storie di tre giovani, un po' scontenti, e delle loro famiglie. Storie intrecciate, scritte con un linguaggio decisamente non accademico (e questo è un peccato) e con un’impronta molto provinciale sullo sfondo, impronta che è un po' la matrice essenziale di questo libro, forse il suo migliore aspetto connotativo. Sono solitudini che si incontrano. Sono però anche moltitudini. Di scontri ed incontri generazionali, sociali, etnici. Che aiutano a superare le solitudini. Così come si coglie nello stesso tempo sia l’ironia sia la profondità dell’autore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Esche vive 2018-04-18 09:47:37 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Aprile, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Mordi lo straccio Fiorenzo, mordi lo straccio e st

«Perché il vuoto vero è una cosa tremenda. Il vuoto vero non è niente. Il niente è troppo poco.»

Fabio Genovesi scopre il successo con “Esche vive”, Mondadori 2011, dopo anni e anni di gavetta. Ho avuto modo di assistere a più sue presentazioni e oltre che ad essere una persona genuina e semplice è anche una persona altamente positiva. Non manca mai di ricordare la sua storia, per invitarci a non mollare, per invitarci a seguire i nostri sogni e anche, al contempo, per invitarci a provare a scrivere. E detta opera è proprio la prova di questo non arrendersi mai. Perché pure quando, dopo anni di tentativi fu notato da Mondadori e prese per la prima volta posto sugli scaffali, in pochi ipotizzavano un buon risultato di vendita e notorietà, in poi ipotizzavano quello che di fatto è stato un trionfo sopraggiunto postumo, anni e anni dopo l’uscita del racconto presentato stesso.
Muglione, paese immaginario della provincia pisana, vede quali protagonisti Fiorenzo, adolescente che a 14 anni ha perso la mano destra a causa dello scoppio di un petardo-bomba rudimentale e che aiuta a tempo perso il babbo nel negozio di pesca, Tiziana, trentenne che laureata rinuncia alla carriera all’estero per investire sul suo paese finendo con il ritrovarsi rilegata in un piccolo centro di provincia dove gestisce l’inutilizzato “infogiovani” e Miko, il campioncino maledetto del ciclismo, preso sotto l’ala proprio dal padre di Fiorenzo che a seguito del sinistro ha dovuto appendere al muro la sua bici. E mentre il primo si diversifica per ironia, coraggio e voglia di mettersi in gioco (con la sua band e non solo), il campioncino è colui che non ha timore di scalare con la sua due ruote una montagna ma che dentro è un oceano di insicurezza e inquietudine tanto che pur di essere accettato dai coetanei e dalla famiglia non esita a nascondere sé stesso e le sue qualità. Tre legami, quelli narrati, che si intercaleranno e incroceranno tra loro in quello che è un racconto dal sapore e dal retrogusto amaro.
Perché “Esche vive” con il suo scorrere appassionerà, commuoverà, farà scuotere il capo, farà scuotere l’anima, farà riflettere. Perché quelle che sembrano tre vite modeste, relegate alla loro condizione di appartenenza, alla loro condizione di mediocrità, si trovano davanti a quella che è l’occasione della vita tanto che quelle “esche” che avevano perso – o mai visto – la loro “chance” devono farsi trovare pronte.
Sogni nel cassetto, speranze, gioie, delusioni, desiderio di riscatto, precarietà nel lavoro, amore, amicizia, paure, timori, dubbi, amarezze, sconfitte, piccole vittorie, e molto molto altro ancora è questo scritto di Genovesi. Il tutto attraverso la voce di tre generazioni distinte e distanti tra loro eppure così vicine, il tutto mediante un linguaggio genuino e senza pretese che arriva senza difficoltà catturando il conoscitore.
Profondo, intenso, di gran contenuto.

«È sempre così, quello che manca conta molto pià di quello che c’è, e una mano in meno sembra più importante della del fatto che ho – per esempio – un’altra mano ancora perfetta, e tutte e due le gambe, i piedi, le papille gustative»

«Mordi lo straccio Fiorenzo, mordi lo straccio e stringi i denti»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Esche vive 2013-12-30 21:24:32 diogneto
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
diogneto Opinione inserita da diogneto    30 Dicembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

si scoprono nuovi sentieri su rotte già solcate

Fabio Genovesi - Esche vive [mondadori 2011]. La bellezza di questo libro non sta nella novità racchiusa nella storia, segue infatti trame letterarie già solcate da molti marinai dello scrivere, ma nel riuscire a solcarle con una imbarcazione leggera ma solida, sospinta dai venti della riflessione e dell'ironia, della spensieratezza e dell'impegno senza dimenticare la passione che, in fondo, muove tutte le trame del libro e si intravede nella penna dello scrittore che sembra scrivere di getto un libro che, di getto, va letto.
Infatti sono riuscito a leggerlo in pochissimo tempo ed ovunque: mentre addormentavo Francesco, mentre gli preparavo la pappa, prima di addormentarmi sotto il piumone con la frontale, nella vasca pochi attimi prima di entrare in coma, in bagno.... via non si può lasciare il libro perché è lui che ti chiama e vuole essere finito anche se, al termine, ti rimane quel vuoto in gola che ti spinge a prendere un altro libro, qualsiasi, e, iniziandolo, cercare di trovare Fiorenzo, Tiziana e il Campioncino come se ti volessero fare una bella sorpresa! Invece non li trovi... perché loro sono lì tra le pagine del libro, racchiusi nella vita di un piccolo paese con le loro tre storie che, incrociandosi, portano il lettore a vivere, con loro, le ansie e angosce umane condite, come solo Genovesi sa fare, di una ironia sottile che ti lascia sorprendere da un "sorriso rumoroso" pronto a contagiare chiunque ti sta accanto.
Spesso ero così assorto nel libro, o meglio il libro riusciva a prendermi così tanto, che mi schioccavo una risata così piena da calamitarmi gli sguardi dei presenti come se, di punto in bianco, fossi diventato matto.

Via non voglio raccontarvi di più perché questo libro deve essere letto! Punto e basta! Vi sorprenderanno tutte le storie e, sicuramente, vi troverete a fare il tifo per le gare di Mirko, per la Band di Fiorenzo e per le indecisioni di Tiziana... faticherete sulle salite, sognerete concerti e fama internazionale, e rimpiangerete ciò che eravate in attesa di ciò che sarete!

Allora capisco che il Natale è passato ma dovete trovare una scusa per farvelo regalare, un non compleanno o l'anniversario del primo capodanno passato assieme o il crollo del primo dentino.... se di queste cose non ne avete bisogno allora ancora meglio: alzate le chiappe e andate in libreria e se, come me, avete un e-reader, "schicciate" il tasto acquista, scaricatevelo e leggetelo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Esche vive 2011-06-12 19:12:17 andrea70
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    12 Giugno, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Davvero carino!

Storie di provincia italiana: Muglione, paese di fantasia nella piana pisana.
Qui si intrecciano le vite di personaggi che sembrano prigionieri di questa terra : Fiorenzo , 19 anni , che ha perso la mano destra anni prima per lo scoppio di un petardo e che affronta il passaggio dall'adolescenza all'età adulta con coraggio ed ironia; Tiziana trentenne, bella laureata che invece di fare carriera in qualche azienda straniera o magari in una grande città è tornata al suo paesello per gestire l'Infogiovani un centro di ritrovo e supporto per giovani popolato però da anziani perchè a Muglione i giovani sembrano non esserci o appena possono scappano via; Mirko, giovanissimo campione di ciclismo ,forse il più straordinario tra i personaggi del libro, uno schiacciasassi in bici e nelle salite su strada ma fragile ed ingenuo dentro, arrancante sulla salita della vita, costretto a nascondere tutte le sue qualità per farsi accettare dai coetanei e persino dalla famiglia. Ognuno sarà importante nella vita degli altri creando legami che da improbabili diventano realtà in un racconto dolceamaro che diverte, appassiona ,emoziona e commuove . Tre esistenze che sembravano destinate a vivere come i vermi per la pesca nel negozio di Fiorenzo, che al massimo possono aspirare a raggiungere l'altro lato del secchio ma sempre senza sbocchi. Poi arriva l'occasione della vita , a volte addirittura ritorna, e allora l'esca senza speranza deve farsi trovare pronta . Bellissimo spaccato della provincia italiana, dei sogni nel cassetto di tanti giovani, della precarietà del lavoro , dell'amore e dell'amicizia, le paure i dubbi e le amarezze di tre generazioni.
Tanta ironia con Mazinga, i Metal Devastation, e altre macchiette struggenti e divertenti al tempo stesso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Esche vive 2011-03-03 16:52:11 fabiomic75
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
fabiomic75 Opinione inserita da fabiomic75    03 Marzo, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esche vive di Fabio Genovesi

E' ufficiale. Da oggi sono un fan dei "Metal Devastation"! Non è possibile non amare una band così, pronta a spaccare tutto, a partire da Muglione per arrivare fino alla vetta del panorama musicale rock. Un gruppo che appende in bacheca questo annuncio: "Avviatissima band heavy metal cerca chitarrista minimo 18 anni massimo 21, pronto a viaggiare per concerti anche internazionali, dotato di tecnica ma soprattutto serio e incazzato. No perditempo, no persone fisicamente troppo belle". Non si può non amarla dicevo, così come non si può non amare Fiorenzo, il cantante con una mano sola per questo ribattezzato spietatamente "Manina", o Tiziana, piena di sogni e ambizioni ma finita a gestire l'Informagiovani del paese che giorno dopo giorno somiglia sempre più al bar dello sport locale, o Mirko, campioncino di ciclismo che vince ma non vuole vincere. Sono tanti i personaggi descritti da Genovesi nel romanzo e tutti sono a loro modo pittoreschi, a tratti esilaranti, così come lo sono i pensieri e i dialoghi dei protagonisti. E' un libro divertente, che fa sorridere anche se non nasconde una nota malinconica. Comunque davvero una bella sorpresa!



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Esche vive 2011-02-12 14:49:51 kabubi81
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    12 Febbraio, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esche vive

"Ci sono parole che ti restano dentro, piantate fonde nella pancia, e stanno lì una vita senza uscire mai. Ma sono legate fra loro con una specie di corda, e se per caso una si stacca e viene fuori dalla bocca, le altre le vanno dietro a cascata"... questo dice Fiorenzo, protagonista del libro, e la stessa cosa vale per le pagine scritte da Genovesi, letteralmente una tira l'altra... Una bella storia tanto quotidiana quanto speciale, dei personaggi a cui non si può fare a meno di volere bene, un ritmo veloce ed uno stile fresco e fluente, che a me ha ricordato molto quello di Ammaniti (che io adoro!) Morale della favola? LEGGETELO! Davvero una bellissimo libro...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Ti prendo e ti porto via"
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232