Narrativa italiana Romanzi Genitori cercasi
 

Genitori cercasi Genitori cercasi

Genitori cercasi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

«Cominciamo dal nome, Velarus. Lo scelse quella scema di mia madre. L’idiota che era mio padre non si oppose, e così fu». Sullo sfondo della ricca e fin troppo operosa provincia del Nord Italia, la sfrenata tragicommedia di un ragazzino con una famiglia di disgraziati. Il padre e la madre di Velarus non sono quel che si dice due tipi amorevoli. Del resto come potrebbero esserlo dei faccendieri sempre in viaggio, sempre attaccati al telefono, sempre impegnati a comprare e a vendere. Anche la nascita di un figlio è per loro una semplice transazione. Solo che poi non hanno né il tempo né la voglia di occuparsene, preferiscono scaricare l’impiccio su uno strampalato tassista e sulla sua altrettanto bizzarra moglie infermiera. Così il bambino viene lasciato in custodia un po’ a chi capita: comincia per lui una lunga teoria di «affidamenti». Tutto questo, però, produce nel piccolo uno strano fenomeno fisico, qualcosa di davvero eccezionale. Ed ecco che nella testa dei genitori guizza l’idea di combinare l’ennesimo affare della vita, il più redditizio. A quel punto, la vendetta di Velarus prende il via.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Genitori cercasi 2023-05-31 16:31:08 cesare giardini
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    31 Mag, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Velarus, il bambino "invisibile".

In libera uscita da Bellano e dalle sue storie, Andrea Vitali narra in questo romanzo (favola?) le vicende di un bambino “invisibile” e del perché della sua invisibilità. All’inizio il ragazzino osserva i suoi genitori, due poveracci senzatetto in cerca d’elemosina, e, pagina dopo pagina, spiega le ragioni che hanno ridotto i due in quelle condizioni. All’inizio non era così: i due erano un uomo e una donna affermati, occupatissimi a fare affari in ogni parte del mondo, che, per una bizzarra combinazione del destino, si erano ritrovati sullo stesso taxi e, senza perdere troppo tempo (il tempo è denaro!), avevano deciso imprevedibilmente di sposarsi. Il tassista ed una sua amica, un’infermiera, diventeranno i tuttofare dei due affaristi, agendo da intermediari lautamente compensati. Anche quando i due decideranno di mettere al mondo un figlio, ricorreranno, per non perdere tempo, a procedimenti artificiali: nascerà così Velarus (questo è il nome che gli daranno), affidato alle attenzioni, sempre ben remunerate, del tassista, che procurerà un’abitazione con tanto di babysitter prima e di insegnanti privati dopo. Soldi a tutti, naturalmente, tramite il sempre disponibile e avido tassista, che deciderà, perché no?, di sposare l’infermiera e comincerà a progettare la realizzazione di un grande sogno: naturalmente i genitori continueranno nella loro folle corsa ad affari sempre più spericolati, pianificando il futuro, accumulando soldi a palate ed imbrogliandosi a vicenda. Il povero Velarus crescerà stentatamente, impallidendo progressivamente fino a diventare invisibile: sarà visitato da professoroni avidi di denaro, che faranno le diagnosi più sconclusionate e grottesche, convinti ovviamente di non sbagliare mai.
I genitori, tutti presi ad accumulare soldi, che ormai trattano a peso, non hanno tempo per occuparsi del figlio e decidono di metterlo in vendita ad un’asta: chi offrirà più soldi se lo porterà via! Ma ci sarà un finale a sorpresa, i soldi così come sono arrivati a vagonate possono anche prendere altre strade: i due avidi affaristi perderanno tutto, Velarus avrà finalmente la sua rivincita.
La favola, perché in realtà di favola si tratta, passa in rassegna certi aspetti, portati all’estremo, della società in cui viviamo: affaristi senza scrupoli e senza dignità, insegnanti fannulloni, profittatori sempre pronti ad intascare parcelle esose, medici disonesti, professoroni convinti di non sbagliare mai, tutta un’umanità che corre ossessivamente e disperatamente alla ricerca di illusioni e di benessere, un benessere che tuttavia sfugge e del quale non si ha tempo per goderselo. Non sembra esserci spazio per una sosta, un ripensamento, una riflessione: tutto deve andar via veloce, sono banditi i sogni e le carezze.
Sono convinto che Andrea Vitali abbia pensato, nella stesura del romanzo/favola, ai tanti “invisibili”che, come Velarus, crescono senza il calore vero di una famiglia, o ad altri “invisibili”, che vivono ai margini della società, senza futuro e senza speranze.
Il romanzo si legge d’un fiato, lo stile non è privo di spunti ironici ed umoristici: certe caricature di personaggi ci fanno sorridere, sia pure con un pizzico di amarezza, perché li conosciamo bene, li incontriamo nella vita di tutti i giorni e sappiamo quanto possano nuocere.
Una storia divertente, amara ed istruttiva: anche se, lo confesso, preferisco l’Andrea Vitali del maresciallo Maccadò e delle figurine di Bellano.




Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Andrea Vitali
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene
Rosso di fiamma danzante
Il cognome delle donne
La girandola degli insonni
Genitori cercasi