Narrativa italiana Romanzi Giorni di spasimato amore
 

Giorni di spasimato amore Giorni di spasimato amore

Giorni di spasimato amore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Affacciato al suo balconcino sul golfo di Napoli, Antonio guarda il mare pieno di luce e ascolta alla radio le canzoni di Sanremo. Nel quartiere lo prendono per matto, ma a lui non importa. Perché se Antonio è pazzo, lo è d’amore per la sua Lucia, che ha conosciuto in un giorno lontano del 1943. La guerra li ha divisi, e anche se tutti gli dicono che il suo è un sogno impossibile è con Lucia che Antonio spera ancora di poter vivere giorni interminabili di purissimo amore, fatti di piccole, grandi cose: la spesa, la cucina, le serate sul balcone, la passione. Ma quando la madre, malata e preoccupata di lasciarlo solo, gli chiede di sposarsi con una ragazza che lui non ama, Antonio non trova la forza di rifiutare, rischiando così di veder svanire per sempre il suo sogno di felicità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.7  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Giorni di spasimato amore 2017-08-05 09:50:35 Laura V.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    05 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’amore, che tutto può…

Può l’amore resistere al tempo e a ogni logica dell’esistenza?
Antonio, il protagonista di questo struggente romanzo, ci crede e aspetta.
Impara a guardare il mare e aspetta. Non conta più gli anni e aspetta.
Aspetta Lucia, la ragazza dalla treccia nera e gli occhi castani screziati d’oro conosciuta in un lontano giorno di marzo del 1943, da cui la guerra l’aveva separato all’improvviso.
La guerra era poi finita e tanti avvenimenti si erano succeduti nella vita del giovane, solo che lui non ci fa caso e continua a guardare il mare dal suo balconcino sul golfo di Napoli; e così, giorno dopo giorno, anno dopo anno, abbracciando con lo sguardo quell’orizzonte nel quale mare e cielo diventano tutt’uno, comprende la vita meglio di coloro che nel vicinato lo additano come pazzo.
“Tutto è distinto e nello stesso tempo congiunto, e ogni cosa dipende dall’altra, proprio come il cielo e il mare che certe volte, a forza di guardarli, sembrano un corpo solo.”
Infine, Lucia ritorna, con la stessa treccia nera che le ricadeva sul petto e gli stessi occhi castani screziati d’oro dell’epoca in cui s’erano conosciuti e innamorati. E tutto riprende da dove si era interrotto, a dispetto del tempo, dei pregiudizi e delle maldicenze della gente…
Un libro sulla forza dell’amore, oltre ogni ragionevole follia, e sul senso della fragilissima esistenza umana, sempre tanto difficile da cogliere. Ma, forse, sono soltanto i sentimenti a dare vero significato ai nostri giorni, colmandoli, come accade ai due amanti di questa storia, di tutto ciò di cui si ha essenzialmente bisogno per vivere: il rifugio d’un abbraccio, la consolazione di un bacio o di una carezza, un saldo e delicato tenersi per mano affinché non ci si senta più fragili e soli…
Già, perché l’amore sarà pure “la più grande fra le tristezze umane”, come scriveva Gabriele d’Annunzio, dato lo sforzo che esso comporta per tentare di fuggire dalla solitudine, ma, nel contempo, è anche la nostra più grande ricchezza che, a differenza di quelle materiali, non ci possiede bensì ci appartiene e che, se autentica, riempie immensamente la vita donandoci per di più un’illusione di eternità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Giorni di spasimato amore 2014-07-07 07:58:23 mia77
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    07 Luglio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giorni di spasimato amore di Romana Petri

Libro molto intenso, di un’autrice che non avevo ancora letto. E’ interessante la storia di Antonio, che con la sua “pazzia” supera una perdita che la sua mente non accetta. Crea una presenza, nella propria vita, che lo aiuta a superare indenne la vita vera. E’ la struggente storia di una follia amorosa, dove di mal d’amore si ammala il povero Antonio. Strana, per me, la favola di un uomo che vive l’amore come se fosse una donna, lasciandosi catturare completamente e intrappolare nelle spire di questo serpente così forte e intenso. Fino alla fine io ho sperato che lui accettasse la perdita e, dopo un periodo di lutto e sofferenza, riuscisse a superarla, per iniziare a vederlo vivere la vita vera. Invece Antonio ha preferito seguitare a vivere nella sua, di realtà, quella che gli permette di estraniarsi dal mondo nel quale viviamo noi, comuni mortali. La malattia, per lui, è una salvezza, quella che gli permette di restare per sempre con la sua amata, superando le barriere dello spazio e del tempo. E’ la storia di un amore così totalizzante, da non lasciare spazio ad altro; così intenso, da occupare tutta la vita del protagonista, fin dalla sua comparsa. Così profondo, da non poter MAI essere sostituito. L’incantesimo che lo ha colpito in gioventù non lo abbandonerà mai.
Bello il libro, bella la scrittura, bravissima l’autrice che ho intenzione di conoscere meglio.
Il finale, però, mi ha lasciata un po’ con l’amaro in bocca…
Lo consiglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Giorni di spasimato amore 2014-05-12 13:16:44 ross
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da ross    12 Mag, 2014

giorni di spasimato amore.

Libro magnifico che mi ha profondamente commossa per il tema, ma anche per la bellezza dello stile. Una lingua bella, asciutta, eppure efficace in ogni momento. La storia di una follia amorosa, di una follia per desiderio di recupero, per non dimenticare il passato, per riviverlo al presente. Un libro visionario ma credibile in ogni pagina, che travolge e si fa leggere tutto di un fiato. Sono una fan dell'autrice, tutti i suoi libri mi sono piaciuto moltissimo. Questo in modo particolare per l'abilità con la quale viene affrontato un caso clinico, per la tenerezza e l'empatia con la quale viene spiegato al lettore. Da sfondo una Napoli bella e affascinante, sempre complice del languore del protagonista. Ripeto, magnifico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
bei libri, quelli veri.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io e Mr Wilder
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il silenzio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Senza colpa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orfeo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rabbia semplice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sembrava bellezza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri