Narrativa italiana Romanzi Il conto delle minne
 

Il conto delle minne Il conto delle minne

Il conto delle minne

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Ogni anno nonna Agata vuole accanto a sé la nipote Agatina per insegnarle i segreti dei dolci in onore della Santa di cui entrambe portano il nome. Mentre impastano le cassatelle a forma di seno, le "minne", la nonna racconta il martirio della Santuzza, cui il crudele console Quinziano, non sopportando di sentirsi respinto, fece tagliare le mammelle. La drammatica vicenda rivela una delle regole del mondo maschile: "... devi sapere che gli uomini, se non ci provi piacere quando ti toccano, si sentono mezzi masculi, ma guai a te se ci provi piacere, perché allora ti collocano tra le buttane". Parte da qui il "cuntu", il racconto, della storia di una famiglia siciliana e delle sue donne straordinarie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.6  (5)
Contenuto 
 
3.2  (5)
Piacevolezza 
 
3.0  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il conto delle minne 2015-03-29 21:37:56 ombraluce
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ombraluce Opinione inserita da ombraluce    29 Marzo, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SCONOSCIUTA A SE' STESSA

Niente a che vedere con "La miscela segreta di casa Olivares"!
Come quello era un libro fresco e poetico, da leggere e assaporare nella sua vivace e invogliante fragranza dalla prima all'ultima pagina, questo è invece un inquietante resoconto della maturazione esistenziale di Agata, la protagonista, partendo dalle storie dei bisnonni, poi le nonne, i genitori e via così, attraverso ambienti, profumi, palazzi intrisi di sicilianità e vita vissuta. Fin qui tutto bene, lettura piacevole e tratti di tangibile nostalgia emozionante.
Peccato che per arrivare alla maturazione della sua consapevolezza e importanza come persona, Agata debba attraversare una torbida storia con tale Santino Abbasta, uomo già accasato conosciuto casualmente nella sua travagliata Palermo e ci trascini con lei in questo rapporto morboso per tutta la seconda parte del libro... Un po' troppo, per la verità, perché va bene le esperienze difficili vissute da bambina, va bene anche la paura del vuoto che le è rimasta per cause che il lettore ha già capito perché ripetute ossessivamente nelle pagine precedenti....ma metterci tanto per darsi una scantata è veramente troppo anche per i più magnanimi sostenitori!!
Concludendo, dirò che non è uno dei libri più brutti che ho letto ma neanche uno dei migliori. Il finale mi ha ampiamente deluso e risulta parecchio affrettato e scontato. Peccato, perché i tratti stilistici della Torregrossa ci sono tutti (a volte,nella prima parte, le frasi hanno persino un ritmo musicale ed è una meraviglia addentrarsi nella lettura). Però uno stile aggraziato e una storia di graduale riscoperta di sé stessi non bastano a fare un buon romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il conto delle minne 2011-08-22 11:34:06 Sofia
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Sofia    22 Agosto, 2011

mi aspettavo qualcosa in più...

Un po' deludente, a dirla tutta. Ho iniziato a leggere questo libro con grandi aspettative, avevo letto qualcosa della trama e alcune recensioni positive. Ma dopo una prima parte piacevole e ben scritta, in cui l'autrice tratteggia le figure delle donne della sua famiglia (belle le espressioni siciliane che inframezzano la narrazione, bellissime le descrizioni dei paesaggi e delle atmosfere tipicamente siciliane di un tempo), come ha già scritto qualcuno, la scrittura cambia, la storia si fa torbida e anche il personaggio di Agata diventa.. scadente. Anche il tema "al femminile" che l'autrice tenta di affrontare mi pare si perda un po' nei meandri delle pagine (troppe) infarcite di sesso (che noia!!!!!!) e delle ossessioni della protagonista per Santino Abbasta.. Ho comunque terminato la lettura del libro, nonostante le molte perplessità.
GIUDIZIO
nel complesso deludente, non lo consiglierei

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il conto delle minne 2011-07-11 19:14:17 Rosaria
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Rosaria    11 Luglio, 2011

Da leggere solo la prima parte


Ho appena finito di leggere "Il conto delle minne" preso in prestito in biblioteca.
il libro scorre bene e a tratti é anche commovente. Poi la scrittura cambia
Da quel momento il racconto sfiora l'inverosimile e mi è sembrato anche un poco estremo nel racconto della relazione amorosa.
La protagonista, da personaggio colto ed emancipato, diventa personaggio da fumetto erotico, dimenticando completamente le sofferenze delle donne della sua famiglia.
Un romanzo al femminile forse pesantemente manipolato da un uomo e infarcito di sesso per essere più facilmente venduto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il conto delle minne 2011-06-30 15:40:04 phoebe1976
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
phoebe1976 Opinione inserita da phoebe1976    30 Giugno, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutto il resto è noia

Avevo grosse aspettative su questo libro. Non so perché, forse solo per le entusiastiche descrizioni che mi era capitato di leggere in rete.
E in effetti il libro parte bene, tanto che faccio fuori metà libro in poche ore. Poi mi sono arenata.
Posso dirlo che questo libro è noioso? E' noioso.
Si perde nel nulla, divaga, perde l'ironia. Specie nella parte in cui Agata non parla dei suoi avi, ma di sé.
Noia, noia, noia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il conto delle minne 2010-11-15 21:55:26 Cristina V
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cristina V Opinione inserita da Cristina V    15 Novembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

PIacevole rivelazione...

Piacevole rivelazione , questo romanzo che ho letto fuori programma...
Dal momento che adoro tutto ciò che è...sicilianità, mi è stato consigliato, e l'ho intrufolato tra due libri già programmati.

Giuseppina Torregrossa è una ginecologa di Palermo, che ha lavorato per molti anni dedicandosi alla prevenzione dei tumori al seno.
Quindi , secondo me, non è casuale la scelta dell'argomento: le Minne.
Le Minne, in questo caso, sono i dolci tipici catanesi, dedicati a Sant'Agata, a forma di seni, e sempre, rigorosamente a coppia!
Ma sono anche e soprattutto le mammelle: simbolo profondo di femminilità ed oggetto del desiderio maschile.

Questo è , per me, un romanzo "da donne", perchè tocca ogni problema con squisita sensibilità femminile...l'amore, la malattia, il tradimento, l'infanzia, la vecchiaia......
vi sono in esso brani di intensa poesia, come questo, che descrive un paesaggio notturno....

"...Si erano incontrati ai margini dell'aia in una notte d'agosto, quando l'aria ferma ad aspettare l'alba condensa sugli uomini i sogni, e li trasforma in desideri.
Il cielo era un pezzo di stoffa scura,tesa tra le stelle che ne bucavano la trama.
Si dormiva fuori dalle case, all'aria aperta, vinti dalla stanchezza, fiaccati dalla calura, intordonuti dal vino.
Persino i cani erano crollati nell'immobilità di quella notte, e nel silenzio irreale da fine del mondo.
Sembrava che il supremo Puparo avesse lasciato cadere i fili che tenevano in piedi i burattini, spento le luci del teatro, chiuso gli occhi anche lui, e privato così l'universo criato del suo soffio vitale."

Giudizio :più che buono!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232