Narrativa italiana Romanzi Il figlio di due madri
 

Il figlio di due madri Il figlio di due madri

Il figlio di due madri

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Alle soglie del Novecento, il piccolo Mario vive a Roma in una famiglia benestante. Il giorno del suo settimo compleanno, dopo una passeggiata al parco, il bambino si immerge in un silenzio inconsueto. Pochi minuti dopo, però, riacquisite le forze, non riconosce più la premurosa madre, Arianna, e anzi le chiede con insistenza di essere riaccompagnato dalla madre vera, Luciana. Sconvolta, Arianna asseconda il desiderio del bambino, che le chiede con fermezza di essere chiamato Ramiro. La tensione drammatica cresce di pagina in pagina, esplodendo in una rivelazione sconcertante: non solo Luciana abita davvero nella casa in cui Mario accompagna Arianna, ma ha perso un bambino di sette anni, Ramiro, proprio sette anni prima, ossia nell'istante esatto in cui Mario è nato. Che Mario sia, dunque, la reincarnazione del figlio di Luciana? O forse qualcuno lo ha plagiato, giocando sulla fatalità di coincidenze incredibili?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il figlio di due madri 2022-02-19 16:13:21 68
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    19 Febbraio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Figlio di chi?

Un racconto “ strano “, così definito nell’ incipit dallo stesso Massimo Bontempelli, “ Il figlio di due madri “ ( 1929 ) rientra nell’ ambito di costruzione della nuova narrativa novecentista da lui auspicata tra le righe della rivista Novecento. Ne nasce un vero e proprio romanzo, con una costruzione cinematografica, corredato dallo sviluppo di una storia, piuttosto lontano dalla vena creativa e ironica dell’ autore, un romanzo intriso di realismo magico, che esclude ogni personalizzazione per assumere la terza persona in una rappresentazione a metà tra realtà e inconscio, verità e ipnotismo, una duplicità che ne accarezza i contenuti.
La trama è semplice quanto paradossale. Mario, il giorno del suo ottavo compleanno, improvvisamente, come rapito da un sogno, chiede alla madre Arianna di essere ricondotto da Luciana, che ritiene la sua vera madre, di cui incredibilmente conosce indirizzo e dettagli personali, scatenando una ridda di eventi e un duello tra le parti. Un bambino, due nomi ( Mario e Ramiro, il prima e il dopo ), due date di nascita, la stessa età, otto anni di distanza, due madri, due padri, due case, strane coincidenze, il sospetto che si tratti di un inganno, di una malattia psichica, di una montatura ad arte, di un trauma emozionale, di un delirio lucido, di un semplice attacco di follia.
Particolari troppo vividi per non essere ritenuti veri, un duello a distanza, tra incomprensione e dichiarata follia, una lotta intestina per accaparrarsi l’ amore incondizionato di un figlio che pare avere smarrito la memoria da un lato e riacquisito lucidità dall’ altro.
Impossibile dire che cosa è successo, non resta che seguire il rimescolio di voci e pretese in una guerra tra adulti, per contro l’ ingenua lucidità di un bimbo che richiede di riabbracciare l’ amore materno.
Due donne, due madri, due mondi, le protagoniste assolute del racconto, più di quel figlio che pare strumentale e dei rispettivi mariti, figure lontane e piuttosto stereotipate.
Arianna, madre di Mario, è una giovane donna ancora piacente, d’ animo ubbidiente e di intelligenza tranquilla, alloggiata in un mondo borghese cittadino, oppressa dall’ arroganza di Mariano Parigi, il pater familias, un’ anima semplice poco fantasiosa che vive con terrore un racconto più grande di lei, parole e descrizioni precise, immagini che le appaiono in sogno facendola dubitare della sua essenza di madre.
L’ altra lei e’ Luciana, madre di Ramiro, espressione di un universo popolare, affranta da un duplice dolore, la morte del proprio amante gettatosi da una rupe dopo averla abbandonata e l’ assurda scomparsa di Ramiro all’età di otto anni, una donna auto-esiliatasi che nella memoria ripercorre ogni giorno la propria vita, la solitudine dell’ infanzia, i tre anni di un amore cocente e furioso, i sette della maternità fino alla morte dell’ adorato figlio.
Mario e Ramiro, un bambino che nel pianto assomiglia a una madre e nel riso a quell’ altra, una somiglianza perfetta ogni altra immaginazione.
Nell’aria una strana tenzone, la lecita appartenenza dell’ infante, chi l’ ha visto nascere, chi l’ha visto morire, il pianto, la disperazione, la gioia per il ricongiungimento, il dolore della perdita. Una vita che si inabissa e un’ altra rinvenuta dall’ abisso, una sacra alleanza tra donne che detengono il potere sulla vita e sulla morte del loro frutto prezioso.
La duplicità riesce a legare le due madri in nome dell’ amore, nessuna vuole allontanarsene, alleate contro il caos mediatico scatenatosi nella fiera dell’ umana vanità.
L’ amore materno ne uscirà vincitore o sarà troppo tardi e il dolore della perdita eccessivo?
L’ originalità dell’ idea supposta, brillantemente e vivacemente esposta nei capitoli iniziali quando il viaggio tra realtà e finzione alterna e contrappone la vivida descrizione di un mondo borghese e di un microcosmo popolare identificati e rappresentati in due reali quartieri romani, l’ elegante Ludovisi e il popolare Trastevere, perde forza e mordente nel proprio incedere avvicinando e sfiorando i toni del romanzo d’appendice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita