Narrativa italiana Romanzi Il figlio recidivo
 

Il figlio recidivo Il figlio recidivo

Il figlio recidivo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Tommaso voleva fare l’ingegnere ed era già avviato a una brillantissima carriera quando ha scoperto di avere un desiderio ancora più grande e irrefrenabile: fare il figlio. Un’aspirazione tutt’altro che ordinaria per chi, come lui, è stato abbandonato in tenera età e non ha mai avuto genitori. Ma quando si ha un talento come il suo, perché arrendersi. Il figlio recidivo, l’ultimo tassello della Quadrilogia della famiglia, è una commedia che esplora le profondità dei legami genitori/figli da un punto di vista inconsueto, attraverso le divertenti e appassionanti vicende di Tommaso, un quarantacinquenne senza famiglia. Orfano dalla più tenera età, il protagonista è animato dall’incontrollabile bisogno di sperimentare, in modo compulsivo ed estroso, quelle emozioni che la sorte gli ha negato. Bartolomei racconta il dramma dell’abbandono creando un personaggio dalla struggente umanità che si condanna a rivivere senza sosta le gioie e i dolori dell’essere figlio. Una vita segnata, destinata a segnare e sconvolgere altre vite.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il figlio recidivo 2022-09-18 14:21:02 andrea70
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    18 Settembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quell'amore negato

Tommaso ha 45 anni, pulito, ordinato, di bell'aspetto, viene arrestato con l'accusa di circonvenzione di incapace ai danni di un'anziana signora appena deceduta. Nel commissariato, di fronte al maresciallo e ad una improvvisata platea si deve difendere da questa infamante accusa e racconta la sua storia.
Rimasto orfano in tenera età è passato dall'orfanotrofio alle famiglie affidatarie senza mai trovare la "sua" famiglia, si è sempre sentito accettato ma mai amato , come se lui fosse sempre stato un'appendice ad un contesto di cui non era veramente chiamato a fare parte. In pratica non ha mai potuto vivere il rapporto genitore-figlio, quel rapporto spesso imperfetto ma profondo ed esclusivo che lega un figlio ad un papà e ad una mamma o almeno a uno dei due. Giunto alle soglie dei 40 anni, nonostante abbia studiato e possa tranquillamente trovare un lavoro soddisfacente sente che alla sua vita manca disperatamente questa parte : qualcuno che si preoccupi per lui e per cui lui debba preoccuparsi. Avvicina così con timidi e maldestri stratagemmi vecchie persone sole e stabilisce con loro un rapporto di confidenza e dipendenza reciproca. Per gli anziani si tratta spesso di trovare qualcuno che li ascolti e li aiuti a sopravvivere tra la cattiveria e l'egoismo del prossimo e una società che fa di tutto per lasciarli indietro. Per Tommaso è un nutrirsi quotidiano con quelle piccole grandi attenzioni che si danno ad un figlio . E non si tratta di avidità o secondi fini, i pensionati che sceglie sono disperatamente soli, non ricchi. Alla loro dipartita gli lasciano i loro averi ma per Tommaso non si tratta che dell'estremo compimento di quello che è il rapporto genitore-figlio, non usa quei soldi per cambiare tenore di vita, addirittura conserva gli appartamenti investendo del suo per mantenerli decorosamente pur di poter tornare di tanto in tanto nei vari luoghi dove è stato felice con quelle persone. Racconto in parte grottesco che mescola sapientemente denuncia sociale ed attualità, straordinariamente umano e delicatamente ironico e spietato come solo la penna di Bartolomei sa essere. Molto bello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232