Narrativa italiana Romanzi Il piatto dell'angelo
 

Il piatto dell'angelo Il piatto dell'angelo

Il piatto dell'angelo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il piatto dell’angelo è il posto a tavola lasciato per chi è lontano e ci si augura che faccia ritorno. Un segno di speranza, uno sguardo al futuro. In questo romanzo Laura Pariani torna ai suoi temi più cari, al racconto delle partenze, delle separazioni, degli abbandoni che hanno segnato la vita di tante famiglie italiane un secolo fa e che oggi segnano nello stesso modo chi compie il medesimo viaggio a ritroso e si ritrova dalla parte opposta dell’oceano costretto da ragioni di sopravvivenza. Ieri erano soprattutto gli uomini che migravano nella “Merica” alla ricerca di fortuna e lasciavano moglie e figli ad aspettare, oggi sono le donne del Sudamerica (e non solo) ad arrivare in Europa e in Italia lasciando a casa mariti, figli e genitori. Sulle tracce della storia di una delle tante donne venute in Italia dalla Bolivia, Lita, la narrazione si irradia in tanti rivoli e diventa corale, insegue le speranze e le delusioni di chi arriva, le piccole vittorie, le difficoltà e i sogni del nuovo approdo. E nell’oscillazione tra presente e passato, nel ricucire una trama che ricompone il dritto e il rovescio della tela, si affaccia anche la storia personale di chi come l’autrice conosce da vicino il significato di queste partenze. Un nonno che si rifugiò in Argentina lasciando una moglie e una figlia ad attenderlo e da laggiù non fece ritorno, trovando una nuova famiglia, altri orizzonti, un’altra vita. Una figlia che dopo tanti anni decide di andare a cercare quel padre, portandosi dietro la propria figlia bambina. Una trama di tutto e di niente, tante vite affacciate sulla speranza di vite migliori, di tempi migliori, con le radici che sempre resistono dentro la terra del nostro passato che ci chiama vicino, da lontano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il piatto dell'angelo 2013-05-22 16:02:50 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    22 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Madre mia

Il piatto dell'angelo è un'usanza che appartiene a tutti noi Italiani, è quel piatto che nei giorni di festa, in una casa dove uno dei familiari è lontano per svariati motivi, si aggiunge a tavola. Rappresenta la speranza che possa tornare. Rappresenta in un certo senso la fiducia nel futuro,è una preghiera a Dio; simbolizza anche l'unione di una famiglia anche nelle circostanze più drammatiche. Laura Pariani in questo splendido romanzo racconta la storia di tanti di questi piatti speciali. Quelli che le vedove bianche lasciavano per i loro mariti partiti a migliaia il secolo scorso alla ricerca di un lavoro dignitoso nelle Americhe e mai più tornati. Racconta i "piatti" che aspettano il ritorno delle donne sudamericane,africane,slave,cinesi che oggi vivono da noi in Italia. Un romanzo dunque sui migranti di ogni Latitudine e Longitudine. Questo scritto è anche una descrizione dell'abbandono.
Quanti mariti partiti per l'Argentina, gli Stati Uniti,etc sono più tornati? Quanti si sono rifatti una famiglia in quei paesi abbandonando mogli e figli italiani? Quante badanti colombiane,ucraine,ecuadoregne, venezuelane etc etc non torneranno più?
Il romanzo comincia con l'arrivo in Colombia di una coppia di ricchi turisti italiani, Piero e Marina. Una coppia senza figli e invischiata in una profonda crisi matrimoniale. Marina, prima di partire,ha promesso a Lita, la badante colombiana che è al servizio della vecchia suocera ,di recarsi nel paesino della sperduta provincia di La Paz dove vivono le sue due figlie Alicia e Carmen Rosa.
La milanese dopo aver vinto le resistente di un marito, Piero, che si rivelerà insensibile a tutto e a tutti, riesce a raggiungere il paesino, scoprirà che Carmen Rosa , la più grande delle due bambine è diventata a sua volta madre : ragazza madre, ancora una volta sola e abbandonata ; è quella delle due bambine che ha sofferto di più la partenza della madre. Ma non è questa l'unica scoperta che farà Marina, costretta a causa della rottura della macchina noleggiata e di una tempesta a dover soggiornare forzatamente con il marito, sempre più intollerante, nella povera casetta dove vivono le ragazzine con la vecchia nonna e lo zio Nicolàs.Questo romanzo è anche un racconto delicato e struggente sul rapporto madre e figlia. Fabrizio De Andrè racconta in una sua celebre canzone la storia di un innamorato che strappa il cuore alla madre perchè l'amante gliene ha fatto richiesta. Durante il cammino il ragazzo inciampa e fa cadere il cuore sull'asfalto che rotolando gli domanda : "ti sei fatto male,figlio mio?"
C'è anche la storia di una madre che è al capezzale del figlio, affranta dal dolore invoca la Morte , chiede alla Nera Signora di prendere lei al posto del figlio.Bussano alla porta, la donna apre, davanti a lei appare la Morte, la madre trema e con l'indice teso le indica il figlio moribondo nel letto aggiungendo: è lui quello che sta male!
La triste verità che l'età adulta ci consegna è che l'amore dei genitori per i propri figli non è un sentimento scontato.
di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita