Il verdetto Il verdetto

Il verdetto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Una giovane donna borghese, Clitemnestra, si ritrova spaesata nell'ambiente del marito Agamennone, un boss: "Tutto 'sto teatro mi piaceva," dice lei, non a caso, stupita e affascinata da un mondo diverso, pervaso di odi e violenze accecanti, che ancora non può conoscere nei suoi veri e drammatici particolari. Ma di fronte al tradimento del marito (il 'suo' boss), Clitemnestra risponde con l'amore, come una regina dolente. Un amore che tuttavia porta con sé il richiamo del sangue, la pulsione omicida. E' una pulsione che viene da lontano, dall'antichità più oscura e profonda. Perché la logica del sangue è cupa ma rigorosa, nonostante tutto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il verdetto 2007-10-06 20:18:20 Jo March
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Jo March    06 Ottobre, 2007

Verdetto negativo

Un'esagerazione definire questo scritto "romanzo": saranno quattro cartelle in tutto. La storia è quella del mito greco di Clitemnestra che, con la complicità dell'amante Egisto, uccide il marito Agamennone di ritorno da Troia con la schiava Cassandra. La vicenda classica è innestata su una Napoli camorristica e popolare.

Clitemnestra, rivolgendosi ad una Corte, racconta la propria storia d'amore e morte. Il verdoetto del titolo in realtà non arriva, è solo evocato nell'ultima frase.

Il monologo di Clitemnestra ha poca profondità, scivola facilmente nel clichè.Suona meglio come canovaccio di un'opera teatrale (che è effettivamente la destinazione iniziale di questo testo); come prodotto editoriale risulta invece affrettato e bisognoso di maggiori cure.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
- Peppe Lanzetta<br />
- Diego De Silva
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene
Rosso di fiamma danzante