Narrativa italiana Romanzi La grande bellezza
 

La grande bellezza La grande bellezza

La grande bellezza

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il protagonista, Jep Gambardella, è un giornalista acclamato e richiesto, affascinante sciupafemmine. Autore quaranta anni prima de L’apparato umano, Jep era stato osannato dalla critica e definito la nuova promessa. Ma gli anni passano e Gambardella non ha pubblicato altro non riuscendo a superare il blocco della pagina bianca. Per mascherare il suo fallimento letterario si erge ad arbiter elegantiarum apparentemente cinico e disilluso di una Roma sguaiata, tra feste, balli e improbabili performance. Finché un giorno...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La grande bellezza 2024-05-25 13:18:59 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    25 Mag, 2024
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'apparato Umano

«[…] Il mondo festaiolo è come se obbedisse a un ordine non dato. Sulle note di questo brano, tutti si mettono a fare il trenino. Scorrono così volti immondi e sofisticati. Preadolescenti eccitati, qualche bambino, addirittura un paraplegico sulla sedia a rotelle, bancari, proprietari di ristoranti, gestori di concessionari d’auto, nonne piene di vita. E poi risate, risate, tante risate. Chissà perché.»

Roma. Roma con i suoi tumulti, Roma con i suoi sfarzi, le sue luci, i suoi eccessi, le sue perdizioni. Tra trenini alimentati da risate in paradosso per abusi e verità celate da falsità e apparenze, tra consapevolezze che infrangono quella maschera costruita ad hoc e con così tanta maestria negli anni. Perché alla fine, Roma dà e Roma toglie. Ma cosa ci resta poi? Chi siamo davvero? Cosa ci appartiene e cosa non ci appartiene?
In questo scenario articolato tra mondo di apparenza, convenienza, scarsi valori e opulenza, cammina Geppino Gambardella, per gli amici Jep. Quest’ultimo ha all’attivo un unico libro, “L’apparato umano”, che al tempo ha fatto un discreto successo e vive scrivendo articoli di giornale per Elide Lettieri, per tutti “Dadina”, una nana tanto piccola quanto astuta e acuta nel valutare e riconoscere chi ha davanti. Il nostro antieroe scrive articoli di costume, intervista maestri del cinema, soggetti borderline che si sentono artisti quando non lo sono e vive alla ricerca di un tutto quando abita in un grande Niente. A fargli da contorno, eroinomani, ex star dello spettacolo, nobili decaduti, uomini e donne alla ricerca di un successo che oggi è dato dal fare l’attore e domani dallo scrivere, cocainomani, magnaccia e chi più ne ha più ne metta.

«[…] Sono anni che tutti mi chiedono perché non torno a scrivere un romanzo. Ma guarda là fuori, Ahè. Guarda in terrazza. Quella gente. Questa è la mia vita. Ed è niente. Flaubert voleva scrivere un romanzo sul niente e non c’è riuscito. Come potrei riuscirci io?»

A far da sfondo lei, la Grande Bellezza: Roma. Roma con i suoi cieli, i suoi modi di vivere, il contrasto costante tra luci e ombre dato da palazzi romani, da un lato, la Fornarina di Raffaello dall’altro, regole di costume e di etichetta pedisseque, uomini e donne come Ramona che nel suo essere “coatta” è quanto di più autentico Jep conosca in un mondo non autentico. La Fornarina di Raffaello ricorda a Jep Elisa De Santis, l’unica donna che ha mai amato nella sua vita quando ancora era un ragazzo. Ora che di anni ne ha compiuti sessantacinque, scopre che ella è morta. Questo rappresenta in lui la crepa che si insinua nella costante dei suoi giorni. È una crepa che prende sempre più forma e forza; non si può tornare indietro ora che qualcosa si è rotto.

«[…] Romano: Se dopo tanti anni vuoi riprendere a scrivere, significa che è successo qualcosa.
Jep (fa spallucce): A Roma succede sempre qualcosa.»

Avvicinarsi a un titolo come “La grande bellezza”, significa avvicinarsi a una sceneggiatura intrisa di riflessioni che lasciano il segno per la profonda durezza dei contenuti e il profondo cinismo che si articola tra le varie pagine. Il ritratto che emerge della nostra società attuale è molto veritiero ed è anche per questo che suscita emozioni diverse. Le stesse diverse emozioni, anche contrastanti, che emergono osservando il film, che al tempo della sua uscita nelle sale divise il pubblico tra chi lo aveva amato e chi, al contrario, lo aveva odiato. E se ci pensiamo bene, è normale che sia così. Si tratta di un qualcosa che non suscita empatia bensì distanza. Chi legge o vede la pellicola è spiazzato da quel che si trova davanti, tende a volerlo negare, a rifuggire dall’accento che viene posto e in modo così nefasto sui nostri anni del contemporaneo. Dall’altro lato, si cerca di resistere e di non rifuggire a quanto si osserva per riflettervi, capire, interrogarsi.
La sceneggiatura nulla toglie al film, anzi, definisce alcuni aspetti che nella trasposizione restano vacui, indefiniti. Al contempo, ne emerge un testo dalla scrittura lineare e compatta che si imprime nella mente.
Tra le pagine le stesse sensazioni del film, tra il Felliniano e il malinconico ma anche il surreale e poetico e l’amaro.

«[…] Tu t’annoi con me. Io so’ normale. Con tutte le matte che conosci perché proprio io?»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La grande bellezza 2013-06-07 17:52:48 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    07 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi sono,io?

"Molti pensano che un funerale,in virtù dei suoi aspetti emotivi ed emozionali, sia un evento causale,privo di regole.Non è così.Il funerale è l'appuntamento mondano par excellence.Tutto deve essere calibrato.Perchè molti sono gli occhi che si posano su di noi.A un funerale, non bisogna mai dimenticare, si va in scena"(...) E' rigorosamente vietato mettersi in fila o nel mucchio per le condoglianze ai parenti.Con pazienza, si attende che i parenti siano liberi dalla calca.Solo a quel punto,accertatisi che la platea sia seduta, si possono fare le condoglianze.In questa maniera ,tutti ti possono vedere.Si prendono le mani del sofferente.Si sussurra all'orecchio una frase sicura,detta con autorevolezza.Per esempio:"Nei prossimi giorni,quando ci sarà il vuoto, sappi che puoi contare sempre su di me". Ho è estratto questo brano dal libro perchè ha mio parere più di altri evidenzia l'agghiacciante cinismo che muove i personaggi di questa Roma decadente che è splendidamente raccontata da Paolo Sorrentino e Umberto Contarello. Il testo è la sceneggiatura dell'omonimo film , ma la scrittura lineare ed essenziale nulla toglie alla potenza espressiva, a tratti sembra leggere Flaiano. Il protagonista Geppino Gambardella,per gli amici Jep, vive una vita glamour immerso nelle feste romane , quelle descritte nel romanzo sembrano uscite dal libro di D'Agostino "Cafonal", ci sono i parvenu,i nobili decaduti a noleggio, gli eroinomani ,le vecchia star della TV che si vendono per pochi euri, Cardinali e Sante. Jep lavora come giornalista per la vulcanica Elide Lettieri, per tutti "Dadina", nana tanto piccola quanto acuta nel giudicare le persone e risoluta nell'affrontare le sfide che la vita le pone . Jep è autore di articoli di costume e interviste a grandi maestri del cinema , è autore di un solo romanzo,questo il suo maggior cruccio, vorrebbe scrivere il prossimo testo sul Niente citando Flaubert, ma per il momento gli riesce assai difficile nonostante sia circondato da una fauna umana che non gli dovrebbe rendere difficile il lavoro,anzi. A fare da sfondo a questa storia c'è lei, la Grande Bellezza: Roma, che in uno degli episodi più commoventi del libro ,con l'aiuto di personaggio ambiguo ,Jep e l'affascinante coatta Ramona, ammireranno dai tetti dei più bei palazzi romani fino a giungere nella stanza dove è custodita ,la Fornarina di Raffaello, un capolavoro al quale il gaudente e spensierato Jep è assai legato perchè gli ricorda Elisa De Santis, la donna che tanti anni prima gli ha spazzato il cuore. Un romanzo che ha un che di Felliniano,la malinconia di un Pietro Germi,la spietatezza di Dino Risi,la poesia di Ermanno Olmi.

P.S. Chi sono,io? Se lo chiede Andrè Breton nel romanzo autobiografico Nadja citato dal nostro Jep che per tutta la vita ha cercato una risposta a questa domanda come ognuno di noi.
Qual'è la risposta più appropriata ad una simile domanda?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita