Narrativa italiana Romanzi La vita oscena
 

La vita oscena La vita oscena

La vita oscena

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

Mentre oscena è diventata la nostra vita intera, Aldo Nove scrive, con sincerità e nitore, il più autentico romanzo di formazione dei nostri anni. Un bambino osserva il mondo degli adulti con la sua voce tersa e visionaria. Il padre che guida velocissimo cantando jingle di Carosello, ma da quando la moglie si è ammalata spesso ferma l'auto di colpo e «fa la faccia della morte». La madre che era una hippy ma da quando ha perso i capelli usa parrucche che la fanno sembrare un'astronauta. Rimasto solo, ormai adolescente, il protagonista sprofonda nell'alcol e negli psicofarmaci finché non manda a fuoco la casa. E comincia la sua iniziazione all'abisso, dove droga e irrefrenabile desiderio sessuale ricalcano il meccanismo dell'attesa e del consumo che riempie le nostre esistenze.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.2
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
2.3  (3)
Piacevolezza 
 
1.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La vita oscena 2015-10-19 17:24:24 Lady Libro
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    19 Ottobre, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quell'oscura poesia autobiografica

Aldo Nove è prima di tutto un poeta. In questo libro l'autobiografia raccontata non è narrazione, non è linearità, non è cronologia e nemmeno ordine e successione. È una poesia. Una lunga e difficile poesia, infernale, intensa, quasi irreale. L'autore stesso la definisce "non normale". È una cascata perpetua di metafore in un tempo approssimativo, in un Limbo. Un'espressione pura e priva di inibizioni di una sofferenza, iniziata con la morte prematura di entrambi i genitori, proseguita dalla depressione e terminata con la sperimentazione di tutto ciò che di estatico-infernale puó offrire il mondo: i tentativi di suicidio, l'assunzione di droghe, il sesso selvaggio a pagamento, la lettura alternata di poesie e riviste pornografiche. È sì il regno di Satana, ma anche della solitudine e dello smarrimento, seppur tuttavia non comporti la perdita di uno scopo: in tutto questo dolore vi è una costante ricerca di piacere, a costo di soffrire pur di provarlo, di non dimenticarlo, a costo di vivere una vita oscena in bilico sul baratro della morte, forse perfino trovandosi all'interno di Thanatos stessa, ivi amante appassionata e inscindibile di Eros.
Ciononostante, essendo un romanzo autobiografico e come tutte le opere appartenenti al suddetto genere, non tutti i lettori possono essere in grado di comprenderlo. Quel linguaggio così forte, quelle metafore arzigogolate e onnipresenti, quei contenuti privi di veli e censure non riescono a colpire fino in fondo e a raggiungere il cuore di chi legge. L'empatia non è immediata e neppure totale, in certi punti pare quasi di trovarsi di fronte ad un'esposizione linguistica completamente gratuita e casuale, rivestita di una complessità oltremodo superflua. La distanza fra autore e chi legge pertanto si acuisce, creando un abisso invalicabile, rendendo così tutta la poesia dell'insieme effimera e totalmente dimenticabile nell'istante stesso in cui si volta pagina, in cui l'occhio oltrepassa appena due parole.
Non è un libro per tutti, non è di facile immedesimazione e sintonia, non è Chronos o Logos perchè è un'anima, un vortice di sensazioni tirate fuori con difficoltà da un corpo che le ha vissute in pieno e le ha appiccicate sulla carta mutandole in inchiostro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vita oscena 2015-02-10 10:44:29 Daniela Parena
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Daniela Parena    10 Febbraio, 2015

IL DOLORE OSCENO

Appena inizi a leggere "La vita oscena" ti arriva addosso un'ondata di dolore che non riesci a scansare, ti sovrasta e poi ti sommerge come uno tsunami. Parole dure, durissime ti colpiscono come una scarica di proiettili. Cancro. Morte. Solitudine. Disperazione. Psicofarmaci. Un adolescente che perde entrambi i genitori, il vuoto e l'angoscia che iniziano già prima, dalla paura di questa morte, e dopo è come se il protagonista premesse un pulsante di espulsione da sé: inizia a vivere senza esistere, in uno stato di perenne alterazione da alcool e cocaina, dove tutto è amplificato ma anche allontanato, come in un presbite tentativo di messa a fuoco della realtà. Poi pagine e pagine di attesa della riemersione che, invece, è frustrata a ogni passo, a ogni gesto del protagonista dalla sensazione di un inabissamento senza fondo. È un flusso di coscienza, o piuttosto di incoscienza, il racconto senza sconti e senza commiserazione di un tentativo dopo l'altro di auto annientamento, che passa attraverso l'alcool, la droga gli psicofarmaci e poi il sesso, comprato in ogni possibile forma. Ma la scrittura ha il ritmo della poesia, e qualcosa di poetico ti raggiunge anche nei momenti più squallidi e angoscianti. Forse è la totale assenza di giudizio che spiazza, perché il protagonista non giudica se stesso né gli altri, forse è la capacità di fotografare in modo preciso e persino asettico questa condizione di non-vita, che riesce a raccontare senza voler stupire né colpire o scandalizzare. C'è qualcosa di molto potente in questo racconto. Per il protagonista non c'è morte e non c'è rinascita, c'è solo la vita, e l'inferno che ha dentro e che pure può attraversare. Per uscirne.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vita oscena 2010-12-25 15:48:39 kabubi81
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
kabubi81 Opinione inserita da kabubi81    25 Dicembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita oscena

Nonostante diverse recensioni entusiastiche lette su diversi giornali, "La vita oscena" non mi è piaciuto, l'ho trovato pesante e senza soluzione, solo un elenco ben scritto di pratiche sessuali sempre più estreme che unite a droga ed alcol conducono il protagonista sempre più a fondo, fino all'inevitabile bivio rinascita o morte... Non sono riuscita ad appassionarmi alla sua sfortunata storia, nè per lo stile con cui viene raccontata (Nove è un poeta, e si vede!) nè per il suo contenuto, anche se il racconto freddo e distaccato credo sia una prerogativa necessaria a spiegare lo stato d'animo del protagonista... ad ogni modo, decisamente non mi è piaciuto... peccato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri