Le notti blu Le notti blu

Le notti blu

Letteratura italiana

Editore


Tutti crediamo di conoscere le persone che amiamo: Larissa e Michele si conoscono da una vita, così come pensano di conoscere Mirko, il figlio che lascia gli Stati Uniti, dove è nato, per vivere in Italia e sposare Caterina. Un colpo di fulmine che non hanno mai approvato pienamente. Larissa e Michele sono sposati da oltre trent'anni, vivono a New York, hanno una vita agiata e hanno saputo costruire un rapporto solido, basato sulla cura reciproca, sulle piccole e generose attenzioni e sulle affettuose abitudini della loro quotidianità. "Le notti blu" racconta, come una sorta di lastra a raggi X, il matrimonio di Larissa e Michele e la loro vita che sembra normalissima, se non fosse per un dolore tremendo che accompagna, e regola, le loro esistenze. E una notizia dall'Italia a rompere l'equilibrio che la coppia ha faticosamente costruito.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le notti blu 2019-06-27 14:23:38 Antonella76
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    27 Giugno, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Notti insonni e latte caldo...



Un meraviglioso romanzo sulla perdita...o meglio su quello che arriva dopo, su come procedere "nonostante", sulla possibilità di andare avanti.
Su quanto possa essere diverso il modo di affrontarla, da parte di chi rimane, e su quanto possa essere importante trovare un appiglio per non affondare, per non annegare nelle domande senza risposta, soprattutto quando la persona amata (e perduta), che credevi di conoscere benissimo, ha coscientemente scelto di porre fine alla propria vita.
Così, all'improvviso.

Mirko.
Bambino difficile e studente brillante.
Mirko e le notti insonni con suo padre e il latte caldo.
Mirko e la natura, Mirko e l'amore per la montagna.
Mirko e Caterina.
Mirko e quella maledetta ultima notte di Capodanno.
Preparativi in corso per un cenone che non c'è mai stato...
Non sarà però Mirko il fulcro di questo romanzo, ma i suoi frammenti, ciò che lui ha lasciato dietro di sé, intorno a sé...dentro le persone che lo hanno amato.

“Le notti blu.
Questo gli ha lasciato, suo figlio.
Notti insonni in cui farsi del latte caldo che non può nemmeno bere.
Le notti blu.
È un bel modo di chiamarle, dopotutto.”

Michele e Larissa, padre e madre che si trascinano da cinque anni, uniti, dentro un dolore che non dovrebbe esistere, che non si può reggere, e che, se non uccide, lascia per sempre dentro una quotidianità dai contorni sfocati, dove è impossibile trovare pace.
Il dolore della perdita di un figlio non si allevia con il tempo, ma si moltiplica.

 “Mirko Mirko Mirko Mirko. Non c’è modo di svuotarlo, questo nome. Farlo diventare un suono che assordi meno, un peso che si sollevi un po’, per un momento.”

Cosa fare, allora, di fronte alla possibilità di una luce che filtra, di fronte alla vita che irrompe inaspettata?
C'è chi non può fare a meno di capire, conoscere, scoprire, cercare in quella scia luminosa le risposte mai arrivate, cercare sotto altre forme, per altre vie, parte di quell'amore perduto.
Ed emozionarsi ancora.
E poi c'è chi si chiude, non vuole vedere, non vuole sentire, non vuole credere, non accetta la possibilità che le persone amate siano diverse da come hanno sempre immaginato.
Per paura di soffrire ancora. E ancora.

Una scrittura bellissima, asciutta, secca, bruciante...come ciò che racconta.
Un libro che fa male, ma che si apre al domani, al futuro, all'amore che vive e che sopravvive.
Sempre.




Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le notti blu 2017-06-11 08:14:06 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    11 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mistero dinamico dei rapporti umani

Chiara Marchelli pubblica con la casa editrice Giulio Perrone il libro Le notti blu.
Sono lunghe ed insonni le notti del piccolo Mirko, che le chiamava notti blu, interrotte solo dal bicchiere di latte caldo, che il padre gli donava. Ora il tempo è trascorso, Mirko è un adulto problematico, ha sposato Caterina, ma cinque anni prima dell’inizio della storia che il romanzo di Chiara Marchelli racconta, Mirko si è suicidato la notte di Capodanno, apparentemente senza una ragione. I protagonisti del romanzo sono i genitori di Mirko, Larissa e Michele, che vivono a Manhattan dove lui è professore alla Columbia University di Teoria dei giochi, tra le quali è cresciuto il loro unico figlio, promettente scienziato, che però, aveva deciso imprevedibilmente di tornare a Genova, città di origine della famiglia, dove si era sposato. Michele e Larissa sono una coppia legata ai loro rituali, alle loro piccole, intense e radicate, abitudini, pochi amici, molte letture e tante passeggiate silenziose. Dopo la morte del figlio la loro vita diventa opaca, segnata dal dolore, Michele si ferma a bere nel bar di Francisco, scambia qualche idea con l’amico di Brian, continua a pronunciare dentro di sé ossessivamente il nome del figlio; mentre Larissa è esile, silenziosa, appartata, infelice.
Questo precario equilibrio emotivo è rotto da una telefonata della nuora, ha trovato una lettera, nella quale un avvocato parla di una richiesta di riconoscimento di paternità da parte di una donna, che si dice madre di un bambino di otto anni, il cui padre sarebbe Mirko, anche se manca la prova. Michele vuole sapere ogni particolare su questa vicenda sconosciuta, mentre Caterina e Larissa reagiscono in altro modo, anzi Caterina si sente tradita e non accetta più il suo ruolo di moglie di Mirko. La reazione peggiore sarà di Larissa, che non può accettare che Mirko abbia taciuto proprio a lei, la madre, il suo ruolo di padre mancato. La narrazione procede in mezzo a molti dubbi, alle incertezze su come affermare una tale situazione emotiva, alla diversità di sentimenti e sensazioni che suscita all’interno del vissuto dei tanti protagonisti.
Una scrittura dura e tagliente per un argomento duro come quello della perdita di un figlio. Una indagine attenta sulle psicologie dei personaggi. Una geografia del dolore. Questo romanzo è una fotografia della emotività e della resistenza al dolore nella quale ci si sente trascinate con sofferenza, ma anche con qualche speranza per la sopravvivenza. Candidato al Premio Strega 2017, un romanzo particolare che riflette sui grandi temi con profondità e particolare sensibilità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto Michela Marzano, L'amore che mi resta.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita