Narrativa italiana Romanzi Le parole tra noi leggere
 

Le parole tra noi leggere Le parole tra noi leggere

Le parole tra noi leggere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Fino a che punto una madre aiuta o mette in difficoltà un figlio negli anni della sua formazione? Si può raccontare il rapporto tra una madre e un figlio? Un confronto tra generazioni nel segno di un coraggio morale che non si ferma davanti alle verità più difficili. Il romanzo ha vinto il Premio Strega 1969.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le parole tra noi leggere 2016-05-08 05:49:19 siti
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    08 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

AUTORITRATTO

Libro coraggioso, libro necessario. Coraggio e necessità, entrambe, da associare all’autrice. Maternità rivelata, disvelata, dissacrata, semplicemente vissuta con tutte le difficoltà ad essa connesse. Da questo sentire, soffrire ma anche gioire, l’impulso a ricercarne i motivi, le ragioni. La ragione, forse. Lalla Romano filtra infatti la maternità con la ragione, la vive intellettualmente. La ricostruisce infine con questo scritto.

Sarebbe stato bello leggere di un rapporto madre-figlio amoroso, equilibrato o semplicemente sereno e invece non accade mai di percepire tale positività nei ricordi di mamma Lalla, qualche spiraglio forse nella fase dell’età adulta. Ciò che mi ha spinto alla lettura di questo libro è stata proprio la curiosità verso la gestione della maternità da parte di una donna attiva in campo culturale. Mi sono ritrovata invece di fronte ad una ricostruzione a tavolino di un figlio vissuto e sofferto e tanto amato. Una composizione a mosaico, un puzzle i cui tasselli, le cui tessere sono numerosi documenti privati: lettere, temi scolastici, elaborati di vario genere, vista la creatività del ragazzo. Emerge un binomio fatto di uguali che si respingono: madre e figlio sono reciprocamente percepiti come intrusi, al dire il vero la madre è più invadente. Il padre inizialmente è assente o per contingenze legate al periodo storico (II guerra mondiale in atto) o per lavoro, in seguito svolge funzioni di equilibratore o equilibrista, dipende dal punto di vista. Un padre comunque molto amato. Il figlio? Difficile dire chi fosse quel Piero, veramente. A me sembra di averne letta solo una ricostruzione troppo soggettiva, in ottica materna: la madre troppo presente, il figlio una sua ricostruzione intellettuale.
La lettura mi è stata utile per approfondire la conoscenza della scrittrice, e forse questo era lo scopo di questa sua opera: conoscere se stessa anche attraverso il conflitto con il figlio. Direi che ha fatto centro e con grande coraggio: raccontarsi nella sua debolezza di mamma è un atto di coraggio, implica riconoscere gli errori, inevitabili e sperare di superarli o almeno accettarli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita