Narrativa italiana Romanzi Mia madre è un fiume
 

Mia madre è un fiume Mia madre è un fiume

Mia madre è un fiume

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Una donna, ormai anziana, mostra i primi segni della malattia che le toglie i ricordi, l’identità, il senso stesso dell’esistenza. È tempo per la figlia di prendersi cura di lei e aiutarla a ricostruire la sua storia, la loro storia. Inizia così il racconto quotidiano di piccoli e grandi avvenimenti, a partire dalla nascita della mamma, Esperia, e delle sue cinque sorelle, nate da un reduce tornato comunista dalla Grande Guerra e da una contadina dritta ed elegante, malgrado le fatiche della campagna. I fili delle loro esistenze si svolgono dagli anni Quaranta fino ai nostri giorni, in un Abruzzo “luminoso e aspro”, che affiora tra le pagine quasi fosse una terra mitologica e lontana. Giorno dopo giorno sfilano i personaggi della famiglia, gli abitanti del piccolo paesino ancora senza acqua né luce; personaggi talmente legati a una terra avara, da tollerare a malapena trasferimenti a breve distanza – la ricerca di un lavoro, l’occasione di poter frequentare una scuola “in città” – partenze che si trasformano in vere emigrazioni con il solo scopo del ritorno. Sono ricordi dolcissimi e crudeli, pieni di vita e di verità, che ricostruiscono la storia di un rapporto e di un’Italia apparentemente così lontana eppure ancora presente nella storia di ognuno di noi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mia madre è un fiume 2024-06-04 09:55:27 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    04 Giugno, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Madre dolorosa

Storia di un rapporto madre-figlia conflittuale e freddo, che mi ha fatto male leggere. Soprattutto perché è raccontato in una fase della vita della madre dove la madre è in difficoltà e la figlia sembra avvicinarsi a lei per dovere, senza calore, senza amore. La madre ha perso il controllo di sé. Colpisce molto il punto in cui si racconta che, con altre malattie, la famiglia sarebbe stata più dolce con lei, quasi che, se si ammala la testa, fosse una colpa più grave della persona. La memoria della madre è diventata un manoscritto ad inchiostro simpatico ed anche questa è una condizione di fragilità verso cui non ho trovato, nella figlia, il calore e l’empatia che una figlia avrebbe dovuto avere. Lo stile è anch’esso freddo, quasi a voler dare anche stilisticamente l’effetto del distacco. E’ anche vero però che nel raccontare ricordi, si ricostruisce un rapporto. Dobbiamo solo prestare attenzione a non farlo troppo tardi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mia madre è un fiume 2018-07-03 16:50:17 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    03 Luglio, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Madre & Figlia

«Certi giorni la malattia si mangia anche i sentimenti. È un corpo apatico, emana l’assenza che lo svuota. Ha perso la capacità di provare. Allora non soffre, non vive.» p. 9

Ha inizio con questo breve incipit “Mia madre è un fiume” romanzo d’esordio di Donatella Di Pietrantonio ormai conosciuta al grande pubblico grazie al suo “L’Arminuta”. Sin dalle prime battute emerge un profondo tratto autobiografico dell’opera. Due le protagoniste: Esperia Viola, detta Esperina, nata il venticinque marzo del millenovecentoquarantadue in una casa al confine tra i comuni di Colledara e Tossicia e sua figlia di cui il lettore apprende poco o nulla. Sappiamo che è madre di Giovanni, sappiamo che svolge una professione, sappiamo che con colei che l’ha cresciuta il rapporto è “andato storto sin da subito” ma non sappiamo altro. La figlia è e resta una figura sospesa che si apprende pagina dopo pagina ma che resta confusa, sulle retrovie e questo probabilmente perché il suo scopo è quello di dar voce a una donna che sta scomparendo; essendo il suo fine, per quanto possibile, ricostruire quello che è stato, ciò che sono state. Perché Esperina è affetta atrofia cerebrale una patologia che porta l’organo a seccarsi e a ritirarsi. Da ciò il venir meno delle svariate funzioni vitali, primarie e non, tra cui anche la memoria.
È un puzzle quello che la protagonista mira a ricostruire, un puzzle che da un lato è finalizzato a schiarire il passato sempre più ovattato e oscuro di quella costante figura che offre la vita, dall’altro è finalizzato ad esorcizzare il dolore, a convivere con la stessa mancanza di coraggio, la propria vigliaccheria. Per quel che c’è da rinfacciare, per quel che c’è da perdonare, per quel che c’è da farsi perdonare, per quelle scelte al tempo così oscure e ora così chiare.

«Ora posso dirle tutto di noi, senza pietà. Poi dimenticherebbe. Le infliggerei una ferita effimera. Ci fantastico intorno e non me lo invento il coraggio di essere così vigliacca.» p. 170

Ed è da qui che il viaggio diventa introspettivo. La madre diventa specchio per la propria anima di figlia, specchio dei propri demoni.

«Ho chiamato ogni limite mia madre. Le ho imputato il mio volo zoppo. Lei è il mio pretesto. È causa, e motivo. Mia madre è un albero. Alla sua ombra mi sono giustificata. Si secca, anche l’ombra si riduce. Presto sarò allo scoperto» p. 173

Quello di Donatella Di Pietrantonio è un lemitov profondo che si manifesta con una voce forte, asciutta, rude, aspra e che si sostanzia nella deprivazione affettiva e nel contrastato auto-risarcimento attraverso la parola. Un lemitov che riesce totalmente nel suo intento. Il conoscitore non resta indifferente al rapporto madre-figlia, ne è al contrario colpito e turbato tanto che non mancano auto-interrogazioni volte a comprendere nel proprio io il vero significato del medesimo. Il lettore non esula dal meditare sul rapporto genitoriale e sulla sua portata, ne è invogliato e spronato cartella dopo cartella. Al tutto, immancabile è lo stile narrativo della scrittrice simbiotico con quello conosciuto (apprezzato o non apprezzato) ne “L’Arminuta”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita