Morsi Morsi

Morsi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Tutto ha inizio con una ragazzina che gioca nella neve. Si chiama Sonia, sono le vacanze di Natale del 1996 – quelle della grande nevicata – e lei deve passarle suo malgrado a casa della nonna. Siamo a Lanzo Torinese, un paesino di mezza montagna dove ogni cosa sembra rimasta ferma a cinquant’anni prima. Compresa la casa cigolante e ingombra di mobili in cui vive nonna Ada, schiva, severa vecchia che nella zona ha fama di guaritrice (ma chissà, forse è altro), per la quale Sonia prova un affetto distante. La scuola ha chiuso prima del previsto a causa di quello che tutti chiamano “l’incidente”: la professoressa Cardone, acida insegnante di italiano, si è trincerata nella sua aula e durante una lezione – di fronte a una classe segregata e terrorizzata – ha fatto qualcosa di indicibile. Qualcosa che adesso, mentre Lanzo un po’ alla volta si svuota per via delle feste e dell’incessante vento ghiacciato, sembra riguardare tutti gli abitanti. Toccherà a Sonia, insieme al suo amico Teo, ragazzino di famiglia contadina educato alla voracità, affrontare l’incubo in cui sono precipitati. Complici per forza, Sonia e Teo si avventurano nel biancore accecante della neve col distacco curioso di chi non ha pregiudizi e forse proprio per questo può sperare nella salvezza. Ma che cos’è la salvezza? Andar via, cambiare vita? O restare e tentare di resistere?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
 
Morsi 2022-03-02 09:34:13 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    02 Marzo, 2022
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mistero morde

Un mondo fermo ed avverso al progresso, in cui i gesti quotidiani sono quelli di tutti i giorni perpetrati da anziani cocciuti nel restare avvinghiati a quella realtà rurale in cui, in fin dei conti, non manca loro nulla. Nessuno però immagina che a Lanzo Torinese l'orrore sia in agguato. Peano, pur perdendosi in qualche digressione descrittiva non necessaria, mette in scena con prosa fluida e affabile un incubo di chiara ispirazione Kinghiana, in cui il passaggio dalla fanciullezza all'età adulta avviene in modo drammatico. È un coming to age scandito da una cronaca ansiogena che tracima nella favola nerissima tra vecchi orrori come le masche (ovvero le streghe del folklore piemontese) e nuove minacce come le epidemie che -inutile sottolinearlo- ricordano tempi ben più recenti. È uno scontro tra tradizione ed innovazione, in cui Peano non si risparmia tra momenti splatter e situazioni piuttosto macabre. Non è solo a livello creepy che il giovane autore convince, lo fa sviluppando in maniera efficace il rapporto tra i due protagonisti, descrivendo con occhio attento e delicato i cambiamenti in corso soprattutto in un momento anagrafico così critico. Molto buoni l'atmosfera invernale altamente respingente e gli interludi epistolari, questi perfetti escamotage per arrivare ad una chiusura del cerchio davvero efficace.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Morsi 2022-02-22 10:19:35 ornella donna
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    22 Febbraio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L' "incidente"

Marco Peano, nato a Torino, è editor di narrativa italiana per la casa editrice Einaudi. Nel 2015 pubblica il suo primo romanzo, intitolato L’invenzione della madre. Ora torna in libreria con Morsi, un libro a metà tra il gotico e l’horror, di chiara impronta Kinghiana.
L’inizio è affascinante. E’ il progredire della storia che lascia sgomenti.
Siamo a Lanzo Torinese, un paesino di montagna vicino a Torino, alla fine del 1996. Sonia è una ragazzina, lasciata in affido, temporaneamente, a casa della nonna. L’ambiente è fiabesco, e la nevicata è destinata a lasciare un solco nella Storia:
“Che la nevicata del 1996 sarebbe passata alla Storia, era qualcosa che i metereologi di tutta Europa avevano pronosticato con sufficiente esattezza. Le previsioni per quell’inverno –nonostante i rudimentali mezzi a disposizione dell’epoca- parlavano di un’ondata di gelo che sarebbe piombata sull’Italia proprio nei giorni di Natale. Eppure fino a un mese prima, salvo qualche sporadica perturbazione, tutto pareva promettere un inverno mite; se non addirittura, al Centro e al Sud, un clima quasi primaverile.”
Sonia è costretta a passare il Natale con la nonna, lontana dai genitori. Quest’ultima è una donna un po’ rude, chiamata la “guaritrice di Lanzo”,
“Nonna Ada camminava sulle gambe malferme senza sorreggersi a un bastone: a ogni passo sembrava lì lì per cadere a terra. A volte dava l’impressione di avere mille anni, altre che ne avesse venti.”
Nella sua casa c’è una stanza, a cui Sonia è proibito l’accesso:
“C’era una camera nella casa di Lanzo in cui le era proibito entrare: si trovava al pianterreno, ed era lì che la nonna riceveva i cosiddetti clienti. Lussazioni, mal di testa o dolori di stomaco, fuoco di Sant’Antonio, orzaioli, verruche e morsicature di animali: le persone venivano da tutte le valli per essere visitate dalla guaritrice di Lanzo.”
Tutto idilliaco, fino “All’incidente” alla professoressa cardone, di cui tutti bisbigliano, ma che solo Teo è in grado di raccontare all’atterrita Sonia, i contenuti. Che è accaduto? Quale sarà la successiva discesa negli inferi successiva che coinvolgerà tutti gli abitanti del piccolo paesino, senza far sconti a nessuno?
Il libro è sconvolgente, la scia di sangue è orribile. Scritto con una prosa fluida precisa, ma terrea, ha un messaggio insisto in se stesso: la crescita comporta sempre un distacco , che è sempre doloroso. In questo caso è inumano, oltreché terribile. Le scene sono descritte minuziosamente e il riferimento alle cosiddette “masche”piemontesi è ricco di significati che risalgono alla notte dei tempi:
“Sai cosa sono le masche? “Boh, delle specie di streghe? Le streghe non esistono, le masche sì”.
Nel complesso un buon romanzo. Un po’ troppo truce, diciamo per palati forti …. Che non si stupiscono… Da leggere preferibilmente, diciamo così, di giorno piuttosto che di sera. E il titolo stesso la dice lunga sul contenuto e sulla narrazione. Un romanzo alla King di Shining, ecco …

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i contenuti forti.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Morsi 2022-02-01 06:05:26 Madame Rose
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Madame Rose Opinione inserita da Madame Rose    01 Febbraio, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Solitudini

L' autore dipinge il suo romanzo usando due soli colori: il bianco della neve in contrasto con il rosso del sangue. Il ritmo lento dei fiocchi di neve e il ritmo efferato delle carneficine: due tinte e due movimenti che si rincorrono senza sosta e senza respiro fino alla fine.
In questo inquietante paesaggio invernale si muovono i due protagonisti, Sonia e Teo, soli in una moltitudine di adulti assenti, lasciati nelle loro solitudini, a cavarsela senza aiuto. La loro amicizia diventa un' àncora di salvezza in mezzo al caos incomprensibile e impronunciabile, e insieme inizieranno a crescere.
.
Ciò che ho apprezzato è il contesto regionale, quello che mi appartiene e quello delle mie origini: i luoghi di montagna conosciuti (Lanzo Torinese e comuni limitrofi), le abitudini di un tempo ormai desuete, gli oggetti e la vita rurale, la figura della 'masca' piemontese, la borgata dove tutti si conoscono...
E poi i modi di dire e il dialetto piemontese con le sue parole strambe, così distanti ma subito ripescate nella mia memoria. È stato come ritrovare un pezzo del mio passato, come per Sonia e Teo, legato alla mia infanzia: un dolce salto indietro rivissuto tra le pagine.
"Morsi": un titolo che rimanda ad un atto violento, ma che cela altri significati...lascio a voi scoprirli, non posso dire altro, con un crescendo di curiosità, suspence e incredulità che non vi lascerà, nemmeno dopo aver terminato la lettura...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consiglio di leggere il primo romanzo dell' autore, L' invenzione della madre.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sarò breve
La vita in tasca
Tasmania
La via del miele
Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Cosa è mai una firmetta
L'altra linea della vita
Ufo 78
Avere tutto
La cosa buffa
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza