Narrativa italiana Romanzi Noi la farem vendetta
 

Noi la farem vendetta Noi la farem vendetta

Noi la farem vendetta

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Noi la farem vendetta è un libro che ricostruisce quello che è successo nella piazza dei teatri di Reggio Emilia il 7 luglio del 1960. È un libro sulla violenza dello stato, ma è anche un libro sull’educazione dei bambini, ed è anche un libro sulle cose che scompaiono, sulla memoria, e su come la coltivano in certe isolate comunità che meno male che ci sono, e su come se ti uccidono un fratello quando hai diciassette anni è un po’ come quando ti nasce un figlio, e poi è anche un libro sull’Emilia, e, tutto sommato, adesso che ci penso, in un certo senso, se non fosse un’espressione abusata, si potrebbe anche dire che è un romanzo d’amore." Paolo Nori



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Noi la farem vendetta 2019-02-12 15:28:57 Mian88
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    12 Febbraio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I fatti di quel luglio 1960

Paolo Nori – classe 1963 – è uno scrittore, traduttore e blogger, laureato in Lingua e letteratura Russa presso la facoltà di Parma. Ha lavorato in Algeria, Iraq e Francia ed è fondatore e redattore della rivista L’Accalappiacani. Collabora, ancora, con molteplici quotidiani quali Libero, Il manifesto, il Foglio, il Fatto quotidiano. Cura un blog su Il Post.
“Noi la farem vendetta” (edito da Feltrinelli nel 2006) è un esame dettagliato dei fatti occorsi nella Piazza dei Teatri di Reggio Emilia il 7 luglio del 1960 quando durante una manifestazione sindacale cinque persone perdono la vita intanto che la polizia carica e spara. Mediante l’utilizzo di brevi paragrafi, trafiletti in cui si alternano vita personale e quotidiana con la realtà politica del tempo, l’opera si ricostruisce in una serie di frammenti apparentemente tra loro non collegati tanto da sembrare in un primo tempo un collage di elementi dissociati, scomposti, incomprensibili. Solo proseguendo nella lettura riusciamo a ricostruirla questa storia di violenza dello Stato, di educazione dei bambini, di cose che scompaiono, d’amore, di morte, di separazione. Un ruolo determinate è quello detenuto dalla politica e dai suoi esponenti. L’attenzione si focalizza su Tambroni come su altre personalità dell’epoca, sui giochi di potere, su fatti che ad oggi sembrano appartenere ad un lontano passato. Non mancano, invero, riferimenti a La Battaglia (che in questo componimento ha la voce di Irma), alla letteratura russa, a Kierkegaard.
Una pagina della storia italiana raccontata con uno stile narrativo semplice, volutamente poco erudito, discorsivo, quasi cantato, articolato e composto da un mix di brandelli di pensiero che come tali si mescolano e confondono.
Il testo ha un gran contenuto, un obiettivo di tutto rispetto ma non è affatto semplice da leggere. Oltre che alla sua impostazione fatta di brevi periodi confusi e amalgamati tra loro, vi è la difficoltà storica. Questa volta, purtroppo, l’età non mi ha permesso di cogliere quei climi e quegli umori del tempo, la memoria storica mi ha tradita nonostante il mio essermi documentata, l’aver fatto ricerche, l’aver posto domande. Ciò non mi ha permesso di apprezzare completamente lo scritto, cosa di cui mi rammarico molto.

"Una vita. Io oramai è una vita che son sul punto di rassegnarmi".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene
Rosso di fiamma danzante