Pagano Pagano

Pagano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il volume contiene una prefazione di Gordiano Lupi e due postfazioni di Francesca Mazzucato e Patrick Karlsen. Pagano è la risposta a una serie di domande. Come vivono gli intellettuali del nostro tempo? Qual è la condizione dei letterati onesti, nella popolosa giostra dell’industria culturale? Qual è il ruolo giocato dallo Stato e dalla morte della patria nelle vite degli intellettuali e dei letterati postmoderni? Quali sono le reali condizioni contrattuali proposte dalle aziende agli umanisti, e a quale prezzo si può conquistare autonomia e indipendenza? Che senso ha studiare storia quando la storia d’un popolo non è più condivisa da mezzo secolo abbondante? Che significa “espressione del territorio”? Cosa rimane, infine, d’una generazione già vecchia a trent’anni, scavalcata da cambiamenti epocali, frastornata dall’impossibilità di diventare adulta, costretta soltanto a conservare? Pagano è il credo di chi è estraneo alla corruzione e alla decadenza, e non vuole smettere di combattere. All’ultimo sangue.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Pagano 2007-10-21 10:12:49 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    21 Ottobre, 2007
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una lettura indispensabile

Pagano, abitante dell’isola di Pag, in Croazia, e come tale con quel senso di isolamento dal mondo esterno che è proprio di chi vive in un luogo circoscritto dal mare.

Ma Pagano anche secondo il vero senso della parola, cioè chi non segue la morale corrente, soprattutto quella religiosa.

In entrambi casi l’individuo è solo, isolato, una sorta di corpo avulso da una realtà rifiutata, da un mondo in cui l’omologazione è la costante a cui l’esistenza è finalizzata.

Chi non accetta il sistema, da chi lo presiede viene definito un sovversivo, o peggio ancora, secondo l’ottica spregiativa, un anarchico.

Gianfranco Franchi è un pagano, perché rivendica la libertà insita nell’individuo al momento della nascita, perché non accetta che ci sia un mondo di tanti uguali omogenei condotti per mano da alcuni diseguali che si avocano il diritto di determinare il corso della nostra vita.

E’ sempre stato un “ribelle”, fin dalla scuola, ma ora la sua protesta è più universale, e spazia in tutti i campi, ivi compresa la cultura, rivendicando quell’autonomia di giudizio propria di ogni essere libero e non di un suddito inconsapevole o accondiscendente.

Non sto a spiegare la trama, se di trama si può parlare in un libro che è una via di mezzo fra un lungo monologo, una riflessione e anche un’autobiografia.

Che le pecche del sistema evidenziate siano note non costituisce certo motivo di originalità, ma il punto di vista su cui basa l’osservazione rientra nel puro spirito anarchico, senza che però ci sia da temere un’irrazionalità nell’affrontare le varie tematiche.

Franchi è sincero e si proclama seguace di Max Stirner, uno dei padri dell’anarchismo, le cui idee possono essere o meno condivisibili, ma che non escludono l’esattezza della valutazione della situazione.

E’ uno scenario, in cui la consapevolezza di non poter accettare uno stato di fatto che non può che peggiorare, porta l’autore a quell’isolamento che lo fa sentire straniero, anzi pagano, in mezzo ai suoi simili, ombre che si agitano convulsamente per realizzare fini che non sono loro.

E’ un mondo che ancora riesco a vedere in modo distaccato, perché ciò che ho fatto ho fatto, nel senso che la mia vita si avvia verso quella fase discendente della parabola che conduce alla meta comune che tutti cerchiamo di ignorare.

Ma un giovane, perché Franchi è giovane, che aspettative può avere da un mondo senza futuro?

Non può pertanto osservare in modo distaccato, perché la sua esistenza come uomo e intellettuale è totalmente sbarrata dal muro di convenzioni, dall’incapacità e dall’ignoranza dilaganti, dall’atteggiamento dei più che, credendo di vivere al meglio, vegetano.

E’ giovane Franchi, è disilluso, si sente isolato e allora escono dalle pagine del suo libro tutte le rabbie accumulate e che si vanno accumulando. Ce n’è per tutti, anche nella ricerca storica dei motivi per cui si è arrivati a tanto, e spesso ho avuto modo di concordare con le cause da lui identificate, ma soprattutto rimpiango di non avere più quella forza interiore che lui tramuta in un grido lancinante nel grigiore del silenzio, un urlo di libertà, fermo e al tempo stesso inerme, di chi dell’anarchismo ha fatto uno sbocco esistenziale.

Pagano non è un libro da leggere come tutti gli altri, non sono pagine che servono per trascorrere il tempo, non sarà certamente osannato dai critici asserviti al sistema, ma è una grande riflessione sul destino di questa umanità, e pertanto richiede prima di tutto l’umiltà di accostarvisi come a una verità rivelata, e poi la ponderazione dei vari passi, il riconoscersi in ciò che siamo diventati, cioè sudditi inconsci di un mondo in cui la legge naturale dell’uomo che nasce libero è violata a favore chi nasce più libero degli altri.

Dopo queste premesse, è lecito chiedersi se Pagano sia un bel libro e la mia risposta è che Pagano è un libro necessario, anzi indispensabile se l’uomo vuole ancora sperare in un mondo diverso.

Leggetelo, ma soprattutto meditatelo, perché la vita è solo nostra e non possiamo permetterci il lusso di devolverla agli interessi altrui.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Canti celtici, di Renzo Montagnoli
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri