Panorama Panorama

Panorama

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Ottavio Tondi non ha mai incontrato Ligeia Tissot. Si sono scritti messaggi per quattro anni sul social network Panorama, l’ha vista in foto e ha passato un’infinità di ore a guardare il suo letto disfatto. Prima di quei messaggi, Ottavio Tondi non aveva mai scritto nulla, non una parola né un appunto. Il suo lavoro e la sua vita erano dedicati alla lettura. Ma non era un lettore qualunque. Era il lettore, colui che aveva determinato la pubblicazione del più grande best seller di tutti i tempi, e che da allora decideva delle fortune dei romanzi in libreria. Ma tutto questo succedeva prima, prima dell’incidente di ponte Sisto, prima che il mondo smettesse di leggere i libri, prima che Ligeia Tissot entrasse nella vita di Ottavio Tondi. Questo libro è per chi, almeno una volta nella vita, si è innamorato di una donna senza averla mai incontrata, per chi parla con i personaggi dei libri e prima di uscire di casa se ne infila uno in tasca e inizia a camminare senza meta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Panorama 2023-08-01 08:20:37 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    01 Agosto, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'improbabile tramonto dell'editoria

Anni fa acquistai all'usato una copia di "Panorama" dopo averne sentito parlare per la prima (e unica) volta da un qualche bookinfluencer, che lo consigliava definendolo una storia ambientata in una realtà distopica non troppo lontana dal nostro presente. Il mese che ho scelto di dedicare a questo genere letterario mi sembrava quindi il momento perfetto per recuperarlo; a conti fatti, potevo tranquillamente scegliere un qualunque altro momento, perché qui di distopia ce n'è ben poca.

La storia viene narrata da un anonimo scrittore che, anni prima, è stato additato come l'autore di un romanzo di grande successo; per ovviare al fraintendimento -e in mancanza della vera penna dietro al volume in questione-, l'editore suggerisce di spostare l'attenzione mediatica su Ottavio Tondi, ossia il lettore che ha scovato il manoscritto e l'ha portato alla pubblicazione per merito della sua insistenza. Il punto di vista ci porta in realtà in un futuro prossimo in cui il narratore racconta per sommi capi la vita di Ottavio, fino al crollo che l'ha portato a seguire ossessivamente una certa Ligeia Tissot sul popolare social Panorama.

L'idea alla base di questo social network è uno dei punti di forza di questo titolo: pur non essendo nulla di totalmente inedito -in particolare per le regole restrittive che gli utenti sono costretti a sottoscrivere-, Panorama risulta una buona metafora di una certa fascia della società occidentale contemporanea: pronta all'aggressività e desiderosa di mettere in mostra la propria quotidianità online, come dei carcerati volontari.

Tra gli aspetti più riusciti del volume rientrano anche i tanti riferimenti al mondo della letteratura e dell'editoria che, ad un lettore appassionato soprattutto ai grandi classici, faranno sicuramente piacere. Per quanto mi riguarda, ho apprezzato lo stile molto curato e ricco di citazioni di Pincio, e forse proprio questo ha reso ancor più fastidiosi i lati negativi della lettura.

In primis mi ha deluso la scelta di accantonare Panorama per la maggior parte del volume: avrei voluto venisse dedicato più spazio a questo social, che mi è sembrato un po' sacrificato in favore della storia di Ottavio. Onestamente ho trovato poi confuso il vicino futuro immaginato dall'autore, motivo per cui non saprei dire se si possa categorizzarlo come distopico, anche solo in parte; è probabile che lo stesso Pincio non volesse fornire un quadro completo, ma così non si riesce a spiegare come l'editoria sia scomparsa.

L'elemento che meno mi è piaciuto riguarda però i personaggi; in particolare, il modo in cui vengono descritti i caratteri femminili è a dir poco svilente: nel mondo immaginato da Pincio ci sono soltanto donne stronze e prostitute, e nessuna di loro è meritevole un briciolo di rispetto logicamente. Ancor peggiore è la caratterizzazione di Ottavio, un protagonista decisamente spiacevole nei suoi comportamenti e nelle sue opinioni (per quanto soltanto immaginate dal narratore), motivo per cui non è riuscito proprio ad ispirarmi compassione. Diciamo che questo volume rientra nei fin troppi casi in cui ho desiderato ardentemente un protagonista diverso, perché la penna di Pincio mi è sembrata davvero sprecata su un individuo simile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232