Narrativa italiana Romanzi Quel che ci tiene vivi
 

Quel che ci tiene vivi Quel che ci tiene vivi

Quel che ci tiene vivi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Aiutare le famiglie che non funzionano: questo è l'obiettivo del giovane protagonista, un avvocato con un passato doloroso, difficile da dimenticare ma anche da ricordare. E, in qualche modo, quello è lo scopo anche di sua moglie Bianca, la psicoanalista a cui si è rivolto all'inizio della carriera proprio per rimettere insieme i pezzi della sua infanzia. Non sembravano compatibili – lei credente, esile, vegetariana e raffinata, lui materialista e disilluso, sovrappeso, cresciuto solo e in povertà – eppure al posto di un'analisi è nato un amore. Forse perché parlano la stessa lingua, quella che condivide soltanto chi è sopravvissuto a un trauma incancellabile, ma che ha anche il coraggio di resistere e andare avanti. Forse perché entrambi hanno bisogno di provare ad aggiustare il mondo. È questo che spinge l'avvocato a entrare e uscire dai tribunali con furiosa determinazione, per dare una possibilità alle persone che, come era accaduto a lui, «non vengono viste». Una sera d'inverno incontra un bambino solo, infreddolito, che parla con curiosa saggezza. Un bambino che sparisce e sembra non ricomparire più. Un bambino che gli ricorda sé stesso. E quando scopre chi è, la sua missione diventa un'ossessione: dovrà riuscire a salvarlo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quel che ci tiene vivi 2023-05-27 18:29:32 68
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    27 Mag, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore latente


…” Non è vero che capiamo che cosa succede quando muore una madre. Muore e non sappiamo davvero che non ci sarà più. Muore e basta, chiude gli occhi e la gente intorno ti allontana perché sei piccolo. Ma ci vuole una vita intera a capire che una madre è morta. Se poi muore anche il padre insieme alla madre, ci vorrebbero due vite e non si sa come sbrigarsela questa cosa, perché naturalmente non ci sono due vite e allora si resta così, a chiedersi che cosa è successo e a scappare scappare scappare”…

L’unione di due solitudini affettive percorre il nuovo romanzo di Mariapia Veladiano, il solito timbro silenzioso, scarno, poetico, elegante, parole dosate nel proprio senso più vero.
Il protagonista, un giovane avvocato specializzato in diritto famigliare, contrappasso per chi è scampato a una duplice tragedia famigliare e che ha scelto di dedicarsi agli altri, è pervaso da una sensibilità particolare ritornando ogni volta nella casa di una infanzia rubata.
L’ incontro con Bianca, psicologa a sua volta sopravvissuta a un terribile trauma infantile, dedita con ardore alle sofferenze altrui di cui non fa trapelare nulla, si rivela un colpo di fulmine, di fortuna, uno stato di necessità.
Un legame professionale fondato in modo diverso sul potere persuasivo della parola e sulla capacità di ascolto, scivolato da subito nel personale, due anime connesse, corpi a confronto, un dolore atavico condiviso che si autoalimenta e si incastra sottraendosi alle difficoltà del presente.
Un protagonista fragile, vago, disordinato, con un passato frammentato, solo alla ricerca di conferme, che immette nella professione carenze consolidate, cerca di costruirsi la famiglia perfetta, quella che non ha mai avuto, ascolta e soffre, percosso da storie che gli ricordano una dimensione personale eludendo il respiro anaffettivo, quei genitori che lo hanno considerato un errore di percorso, un giovane uomo che fatica a riconoscere gli occhi dell’ amore.
Come si può essere invisibili, avere una famiglia e non sapere che cosa essa sia, occuparsi esclusivamente di relazioni non normali, sentirsi un sopravvissuto, ricordare tutto, la morte nei propri pensieri, un’ ombra che tiene al riparo dall’ abbaglio dei desideri, ogni volta rivivere l’ incubo dell’ abbandono? Come guardare al presente e al futuro, accogliere una vita matrimoniale, desiderare dei figli?
Le voragini affettive sovente sfociano in disastri famigliari, abbandonati dal pianto, la forza di un amore può guarire, proporre una rinascita sentimentale, corrodere la corazza anaffettiva che ci ha rinchiuso in una casa buia che non offre uno sguardo sul mondo.
La vita con Bianca offre al protagonista l’ intensità di un desiderio che si avvera, lo destituisce dall’ analisi guarendolo, sottraendolo alla paura, al dolore di non valere, riaccostandolo a una parte di se’, ma sarà un incontro inatteso, un bambino indifeso con

…” una felpa grigia, scarpe grigie, capelli ricci nerissimi, sguardo di Dio che brucia a fissarlo “….

a ricondurlo al se’ più profondo, a sembrargli

…” me, mille volte me”…

La forza di un amore può restituire alla vita grazie alla conoscenza del dolore, a uno sguardo affacciato sul mondo, riattivando in un gesto ripetuto la memoria di un legame vissuto solo per un momento.
E allora uno sguardo può salvare, c’è chi è vissuto in una scatola, chi è sopravvissuto in un armadio, chi si è trovato…
“ Quel che ci tiene vivi “ è un romanzo costruito su introspezione, sentimenti, relazioni, solitudine, condivisione, identità, salvezza, il potere magico delle parole nel mistero della vita che ci attraversa. Tratti ripetitivi e attimi di leggerezza, il finale insegue un po’ frettolosamente una nevicata bene augurante, la relazione protagonista-bambino pare dissolversi in un attimo di immaterialità per fare ritorno alla vita, un’ attesa che riconosce e alimenta la forza di un amore latente.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene
Rosso di fiamma danzante