Narrativa italiana Romanzi Rosso taranta
 

Rosso taranta Rosso taranta

Rosso taranta

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La terra del rimorso. Poco meno di cinquant’anni fa – anche se sembrano passati secoli – un’inchiesta antropologica, diventata un celebre libro di etnologia che ha poi segnato una svolta nel modo del nostro paese di guardare al suo inconscio, svelò l’esistenza di un mondo magico, uno dei tanti dell’Italia profonda ma particolarmente impressionante e strutturato: il tarantolismo. Donne morse dalla tarantola che una volta l’anno, in occasione della festa patronale di San Pietro e Paolo, si liberavano in una danza frenetica di giorni, finché la voce del santo non sussurrava al loro orecchio la grazia ricevuta e le scioglieva dal veneficio. Era un rito collettivo, a suo modo pietoso, che una comunità aveva di riassorbire la colpa reintegrandola, di superare, collettivizzandolo, il rimorso. Seguendo le orme della vecchia spedizione antropologica, questo romanzo ritmato su un tempo doppio soggettivo e oggettivo insieme, è un ritorno nella terra del rimorso, il Salento, e nel paese delle tarante, Galatina. Negli stessi giorni e leggendo il resoconto del primo viaggio come «una favola dai toni cupi», come una mappa all’attesa del prodigio. Ed essa svela ancora all’occhio del viaggiatore che annota il suo scivolare sui corpi e sugli oggetti, sui luoghi e sulle ombre che questi proiettano sul passato, se non altro, verità che riguardano lui stesso. E può guidare ancora a immedesimazioni capaci di intuire verità inevitabilmente celate all’inchiesta di allora o impossibili a dirsi. Non c’è più il tarantolismo, ma uno sguardo del tutto nuovo e diverso aiuta nel viaggio di oggi a comprenderlo, anche a riviverlo, forse, dall’interno, perché «l’omosessualità è un certo modo di guardare e di scegliere tra quello che si offre allo sguardo».



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Rosso taranta 2012-11-20 14:27:58 Nadiezda
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    20 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tarantate… Tarantelle… Taranto…

Mentre facevo il mio solito giro in biblioteca sono rimasta colpita dal titolo di questo libro e ho deciso di prenderlo così, senza sapere bene di cosa trattasse.

Il libro parla del tarantismo, un fenomeno dissociato dal morso di tarantole o altri animali velenosi, ma visto come terapia magica.
Le uniche persone affette da questa particolarità erano quasi sempre donne: vestite di bianco, ricoperte di merletti e pizzi, con fiocchi rossi e che si agitavano come forsennate al ritmo di musica.

L’autore attraverso il suo libro ricostruisce il viaggio fatto da De Martino, il quale nel 1959 fece una lunga indagine sul tarantismo dalla quale ne uscì il libro “La terra del rimorso”.
Angelo Morino stesso, nel 2001 decise di andare nel Salento per fare un confronto con il testo menzionato in precedenza.

La storia, infatti, corre su due binari, uno è il viaggio intrapreso dal protagonista, un professore universitario nell’anno 2001, mentre l’altro tratta l’anno 1959 ed il protagonista è Ernesto De Martino.

Rosso Taranta è un diario di viaggio nel quale l’autore intraprende il viaggio per Galatina nei giorni 28 e 29 giugno per verificare personalmente la veridicità dei fatti descritti da De Martino ed i cambiamenti che nel frattempo ci sono stati.

Si tratta di un libro molto suggestivo anche se non ho amato particolarmente lo stile di scrittura: un susseguirsi di frasi brevi e brevissime.
L’autore però riesce a far percepire attraverso le sue parole: le immagini di queste donne “indemoniate” ed il suono dei tamburelli suonati da grandi e piccini.

Ve lo voglio consigliare, ma prima di intraprendere questa lettura è meglio leggere anche il testo scritto da De Martino per avere un’immagine più ampia e nitida su questo fenomeno.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Sepolcro in agguato
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lucy davanti al mare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il nostro grande niente
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene
Rosso di fiamma danzante