Sarò breve Sarò breve

Sarò breve

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Ennio Rovere fa testamento. Ha impiegato l’intera esistenza per costruire un sogno e ci è riuscito mettendo su un mobilificio di successo che porta il suo nome in Brianza. Si è fatto da solo, ha avuto fortuna, anche se la sua vita non sempre è stata facile. Ha avuto amori più o meno fortunati, mogli più o meno fedeli, figli più o meno litigiosi, collaboratori più o meno capaci. Con il testamento, però, ha l’occasione di rimettere tutti a posto: dalla prima moglie all’esuberante donna di servizio, dal figlio minore allo zelantissimo autista, dal dentista al cane devoto. Mai come adesso, si sente libero di parlare e dire finalmente la sua. Con la scusa di distribuire in maniera equa il suo patrimonio, il protagonista di questo libro ripercorrerà per iscritto la propria esistenza, intrecciando dinamiche familiari e lavorative, premiando quanti davvero hanno meritato il suo affetto e punendo senza pietà tutti gli altri, senza risparmiarsi neppure nel giudizio. Ormai, questo è chiaro, non ha più nulla da perdere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sarò breve 2023-04-17 13:17:21 barbara.g.76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
barbara.g.76 Opinione inserita da barbara.g.76    17 Aprile, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

TOGLIERSI QUALCHE SASSOLINO

Un testamento particolare, decisamente fuori dal comune, è quello che scrive Ennio Rovere.
Scritto interamente in prima persona, #saròbreve è quasi un memoriale, una specie di grande lettera indirizzata a diverse persone, quelle che, durante la sua vita, ne hanno fatto parte....
Adesso, si trova molto e molto lontano, per cui schiettamente e senza paura delle conseguenze, può togliersi qualche sassolino verso le persone a cui vuole dire e lasciare qualcosa...
E il racconto parte dalle sue umili origini; da un piccolo paesino della Basilicata, si trasferisce in Brianza per cercare fortuna attraverso la sua grande passione: la lavorazione del legno e la costruzione di mobili.
I primi tempi sono difficili e deludenti; ma l'intuito della realizzazione di mobili Chippendale, sarà il trampolino di lancio verso il successo.
Da questo momento in poi abbiamo modo di conoscere tutti i destinatari del testamento: Ennio li presenta apertamente senza risparmiarsi come avrebbe fatto in vita ... (ormai è morto e non può essere raggiunto da nessuno!!) ma cerca di dare loro consigli e suggerimenti per vivere meglio, soprattutto, sprona ognuno di loro ad inseguire i propri sogni.
.
#saròbreve è un romanzo brillante in maniera ironica e pungente. La scrittura è frizzante, ricca di passaggi divertenti e assolutamente genuini , tanto da risultare naturali e strapparti sorrisi ...
Nel suo testamento, Ennio Rovere, non dimentica niente e nessuno, è forte l'atteggiamento di chi non ha più nulla da perdere e si libera, finalmente, di ogni sentimento vissuto: amore, gratitudine, fastidio, rivalsa, vendetta... sensazioni che forse la vita ci presta e la morte può riprendersi.
Da leggere per sorridere e riflettere, ma anche per prendere spunto in futuro...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sarò breve 2023-03-27 20:31:38 cesare giardini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    27 Marzo, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un testamento molto originale

Francesco Muzzopappa, scrittore, copywriter e pubblicista radiofonico, ha pubblicato una dozzina di romanzi, tra i quali questo “Sarò breve” del 2022, l’undicesimo. Confesso che l’autore, a me finora sconosciuto, è stato una gradita sorpresa: uno di quegli autori che inizi a leggere per conoscerne lo stile narrativo e gli argomenti trattati e poi, poco a poco, non ti fermi più, con la curiosità di chi ha trovato un prezioso amico, un personaggio con il quale hai molto in comune nei più disparati momenti della vita. E’ una specie di testamento, consistente in lettere che l’autore invia prima di esalare l’ultimo respiro a parenti, amici o conoscenti che hanno condiviso momenti della sua vita, riflettendo su quanto di positivo ha ricevuto e puntualizzando garbatamente su momenti di disaccordo o incomprensione. Il protagonista si chiama Ennio Rovere, nasce da famiglia poverissima, cresce con la passione per mobili tipo Chippendale, osservati casualmente su una rivista: un colpo di fulmine che segnerà la sua vita e, superando caparbiamente ostacoli d’ogni genere, lo porterà ai massimi livelli come imprenditore, prima nel campo dei mobilifici, poi, con il “maledetto” avvento del “fai da te” (leggi : Ikea), nella riconversione in quello delle casse da morto d’autore. Tutta la sua vita è raccontata in sedici lettere testamentarie, inviate a chi gli ha voluto più o meno bene: sono storie di vita in comune, nelle quali Ennio mette a nudo, con commozione e arguzia, i suoi rapporti con le persone che lo hanno accompagnato nel suo percorso terreno.
La prima lettera è dedicata alla prima moglie, Piera, un amore iniziato bene e finito male, insulti, incomprensioni e lanci di piatti e dischi (anche un 45 giri raro di Julio Iglesias!). E poi una serie di lunghi messaggi alla figlia Greta, una secchiona che riesce a risanargli l’azienda, al genero Andrew, anima semplice e cuore puro, al nipote che sogna di diventare astronauta, a Penelope, passione destinata a naufragare senza un vero perchè, alla seconda moglie, Anita, psicoterapeuta, amore grande e sofferte ingiustificate gelosie, al figlio Vittorio, un ragazzo con un quoziente intellettivo straordinario, alla dolcissima nipotina adottiva Min-so, coreana, a Kate, la figlia avuta da Penelope, comparsa improvvisamente dopo diciotto anni. Non mancano le lettere indirizzate a persone di fiducia: l’insostituibile autista Franco, Pilar, la colf di famiglia, la segretaria Mimma, Lucio, grafico della ditta e responsabile dell’ufficio stampa, i dipendenti tutti e l’ incomparabile dentista di famiglia professor Tomasi. Un affettuoso ricordo pure all’adorato cane Giulio.
Dalla tipologia dei destinatari si capiscono le qualità umane del mittente, un uomo che ricorda i compagni di tutta una vita e lascia a tutti, oltre ad un aiuto sostanzioso, un ricordo indelebile di sé e tanti rimpianti.
Lo stile è garbato, a volte ironico e pungente, per lo più velato da un’intima commozione: scorre sotto gli occhi del lettore l’analisi della vita di un uomo perbene, che tanto ha avuto e tanto ha dato. Lui stesso afferma alla fine: “posso dire di aver avuto una vita meravigliosa, a eccezione di quest’anno in cui sono morto”. Non mancano neppure gli spunti umoristici, disseminati qua e là nel testamento, e gli ultimi desideri: il funerale deve essere “allegro”, la lapide semplice (“ nome, cognome e data di fine spettacolo”) e, colpo di scena, ingegnose le disposizioni finali per una vendetta esemplare contro la famosa catena di magazzini svedesi, che ha fatto “abbassare la saracinesca” a molte aziende del mobile della Brianza. Una vera, inattesa sorpresa che lascio scoprire ai lettori!


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi dell'autore.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sarò breve 2022-11-14 07:38:50 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    14 Novembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un percorso di vita

Francesco Muzzopappa, è uno tra i più conosciuti ed apprezzati copywriter italiani. Sarò breve è il suo ultimo, esilarante, romanzo.
Il libro è un testamento, un lungo scritto compilato da un uomo che, attraverso questa strana ed inusuale formula, racconta la propria vita. L’uomo, di cui parliamo, si chiama Ennio Rovere e la sua narrazione è priva di fronzoli, ed è assolutamente sincera. Ormai è morto, e questa condizione fa sì che possa esprimersi liberamente , senza alcune forzature, nei confronti di tutti colori che hanno parte del suo personale vissuto.
Ennio era titolare di una fabbrica di mobili che lui stesso aveva creato dal nulla, realizzando, così, un recondito sogno nel cassetto. Ora è molto benestante, si è sposato. Dalla prima moglie ha avuto una figlia, molto amata. La sua esistenza è quella di tutti, paradigma di una quotidianità non sempre perfetta, ma ricca di sacrifici e soddisfazioni. I personaggi che popolano il suo vissuto sono tanti: dal fedele autista, alle mogli, alla segretaria, ai figli; per ognuno di loro c’è una parola adatta, un ricordo affettuoso e non, un gesto, testimonianza assoluta di condivisione a vario titolo.
Francesco Muzzopappa scrive un libro ironico, ma profondo, dove si ride spesso, ma con sentimento e profondità. L’autore possiede una importante qualità:
“Quella di far ridere con garbo”.
Nell’insieme una lettura raffinata e intrigante; inusuale per contenuti e bravura narrativa. Per chi ama sorridere un po’ e cogliere i lati migliori della vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La ricreazione è finita
Grande meraviglia
Le altalene
Rosso di fiamma danzante
Il cognome delle donne
La girandola degli insonni
Genitori cercasi