Narrativa italiana Romanzi Settanta acrilico trenta lana
 

Settanta acrilico trenta lana Settanta acrilico trenta lana

Settanta acrilico trenta lana

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Camelia vive con la madre a Leeds, una città in cui "l'inverno è cominciato da così tanto tempo che nessuno è abbastanza vecchio da aver visto cosa c'era prima", in una casa assediata dalla multa. Traduce manuali di istruzioni per lavatrici, mentre la madre fotografa ossessivamente buchi di ogni tipo. Entrambe segnate da un trauma, comunicano con un alfabeto fatto di sguardi. Un giorno però Camelia incontra Wen, un ragazzo cinese che comincia a insegnarle la sua lingua: gli ideogrammi. Assegnando nuovi significati alle cose, apriranno un varco di bellezza e mistero nella vita buia di Camelia. Ma Wen nasconde un segreto, assieme a uno strano fratello che dietro una porta deturpa vestiti...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 10

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.3  (10)
Contenuto 
 
3.8  (10)
Piacevolezza 
 
3.6  (10)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Settanta acrilico trenta lana 2017-01-13 07:06:30 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    13 Gennaio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le chiavi delle parole

Di questo romanzo mi ha colpito l'uso della lingua insolito e espressivo. L'idea che è la chiave di ogni parola, catturata dalla scrittura cinese in ideogrammi, è la cosa avvincente del romanzo tutto pieno di parole cinesi. Un esempio: la chiave della parola odio è la notte nel cuore.
In un certo senso un italiano si sente fuori della porta della piena comprensione delle parole e dell'esistenza a contatto con una lingua così bella, e soprattutto con una scrittura così ricca, misteriosa, eccessiva, sfuggente, mai del tutto interiorizzabile. Uno studente fatica a trovare le chiavi giuste e a capire l'idea che rende ogni parola magica e quasi un mondo a sè, certamente più espressiva di una semplice parola europea. La prima parte del romanzo è particolarmente bella. In un certo senso anche la storia mi è sembrata funzionale alla scrittura e alla parola e alla sua forma: la madre che non parla, i vestiti storpiati che assomigliano alle parole cinesi scritte male. La storia non mi pare molto importante. La cosa bella è il come, è l'espressione di un malessere interiore che forse è distanza dal senso vero delle cose (e quindi delle parole) che trova voce in una storia un po' storta e rappezzata come i vestiti cuciti male con pezzi di altri vestiti. La storia d'amore con il cinese sembrerebbe in grado di dare un po' di senso a tutte quelle parole e di raddrizzare le cose invece si storpia anche quella.Certo, la protagonista grazie a quel modo tutto originale di raccontare sembra al lettore capace di tutto e quindi anche di vivere una esperienza estrema, insensata, assurda. La storia secondo me è zoppicante e poco comprensibili sono i rapporti tra i personaggi, in primis tra i due fratelli. Lo sviluppo anziché spiegare rende il tutto più oscuro e incomprensibile. Il finale non apre spiragli ma sembra chiudere porte anche se potrebbe aprire spiragli. La storia non mi ha colpito, anzi.
Però devo dire che la scrittura mi ha affascinato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2012-12-15 13:50:05 charicla
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
charicla Opinione inserita da charicla    15 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Silenzi e manie

Questo libro ti trascina nei suoi meandri più nascosti togliendoti pure il respiro a causa di un ritmo serrato e asfissiante e ancor prima che tu ti renda conto di che razza di storia possa mai essere questa...sei già dentro il malessere interiore di Camelia e del suo mondo a parte, fatto di silenzi e manie!
Questo è un libro in cui aspetti la catastrofe da un momento all'altro...peccato solo per il finale!
Comunque bel libro forse un pò cupo ma particolare!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2012-10-30 09:55:56 Nadiezda
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    30 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Acrilico fiorito

Come posso definire un libro così?
Sicuramente particolare, bellissimo, ma molto particolare.

Personaggi con caratteri e modi di fare differenti che incrociano le loro vite come una coperta patchwork fatta di tanti tessuti diversi.

Camelia traduce le istruzioni dei manuali delle lavatrici mentre sua madre è ossessionata dai buchi e non parla più dopo aver subito un grosso trauma.
Camelia distrugge i fiori, rovina i vestiti, li ripesca dai cassonetti e li taglia, li smembra e riassembla a suo piacimento senza uno schema preciso.
Camelia e sua madre hanno subito uno shock troppo grande, si sentono escluse dal mondo in cui vivono ed ognuna di loro compie atti di masochismo verso se stessa.
La madre, infatti, non è più impeccabile, è diventata una “larva”, non mangia, non si lava e non si cura più di nulla.
Camelia ha poco più di vent’anni e la sua vita si è fermata insieme a quella della mamma tre anni prima.
Camelia non ha terminato i suoi studi, ma un giorno incontrerà Wen.
Questo ragazzo le darà lezioni di cinese.
Camelia si innamorerà di lui, ma lui la respingerà perché è un ragazzo pieno di segreti e con un fratello un po’ strano.

È un libro ricco di istinto di sopravvivenza.
Una sopravvivenza che fa risvegliare tutti dal mondo della depressione.

È un romanzo originale e maturo anche se l’autrice è molto giovane.
Un libro molto bello, ma straziante al tempo stesso.
Un romanzo su una vita persa, ritrovata e ripersa nuovamente. Una vita come quella della fenice che muore e che risorge dalle sue ceneri.

Che aggiungere? Ve lo consiglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2012-02-25 17:29:13 Ally79
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    25 Febbraio, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Puro cachemire

Potrei usare solo una parola per recensire questo libro e sarebbe la seguente:TALENTO.
Ho passato tutta la lettura con gli occhi strabuzzati.
Avete presente quando da piccoli storcevate gli occhi e puntualmente la nonna vi diceva una frase del genere:”Non fare cosi che ti restano incastrati!!”
Ecco io l’ho rischiato davvero.
Ogni parola,ogni frase,ogni senso suscitavano in me lo stupore.
Avevo tre pensieri fissi ad ogni rigo:
Viola Di Grado è fuori di testa;
Viola Di Grado ha capacità fuori dal comune;
Viola di Grado ha scritto questo libro a ventuno anni.
VENTUNO.
VENTUNO.
Mi perdonerete se insisto sul dato anagrafico ma è imprescindibile dall’opera.
Che ti aspetti se leggi un autore di questa età?
Una Melissa P. con i suoi quattrocentoventi colpi di spazzola?
Un romanzo stile Moccia con i suoi patemi adolescenziali?
Un Volo che un posto nel mondo proprio non riesce a trovarlo?
(Si lo so che state pensando che Moccia e Volo sono adulti...ma diciamocelo scrivono come due adolescenti infoiati...si può dire infoiati vero??)
Ma no.Non trovi nulla che odora di adolescenza,non trovi stili acerbi.
Qui trovi una Scrittrice.
Che ha uno stile unico.
Che ha un vocabolario illimitato.
Che da forma a pensieri che il tuo inconscio nemmeno sotto ricatto ti farebbe passare a livello razionale.
Che è una pazza furiosa (perché solo una pazza può produrre storie del genere) ma che riesce a donarti un romanzo straordinario.
Io questa ragazza non la voglio perdere di vista.
Settanta acrilico trenta lana?No.
Questo è puro cachemire.
Questo è TALENTO.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2012-02-18 14:33:01 C.U.B.
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    18 Febbraio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ACRILICO ESISTE

Pensa a una stanza buia, oscura,umida, malsana,putrida,nauseabonda, opprimente, asfissiante ricolma di mostruosita' in cui sei irrimediabilmente chiuso.
Segregato dalla tua mente, dal tuo destino, dalla tua incapacita' di reagire, dalla dolorosa condanna inflitta a te che sei innocente da chi doveva amarti sempre e per sempre nei secoli dei secoli amen.
Che fosse un padre, che fosse una madre, che fosse un marito, che fosse un uomo, che fosse uno sconosciuto qualunque che incontrato per strada.
Poi dopo lunga reclusione, trovi , palpando il muro, una finestra, la cinghia di una tapparella.
E con la forza che ti rimane, l'ultima fiammella di energia in un corpo giovane ormai stanco e avvilito, riesci ad alzare di qualche centimetro la persiana.
Si aprono quei piccoli meravigliosi fori di luce, stelle luminose di una bellezza dimenticata, guardi attraverso, fuori c'e' la primavera. Quella stagione cosi' profumata, fiorita, tersa come il cielo, quella che appartiene a tutti e ora rivuoi anche tu.
Ma la cinghia e' viscida, le tue forze forse non basteranno.O forse si.

Un libro che non lascia indifferenti. Uno stile innovativo, originale, immaginifico, irriverente, incisivo che ho amato molto. Forte il contenuto, doloroso, che ogni tanto fa intravedere squarci di resurrezione innanzi cui, come un fedele davanti a un luogo sacro , implori per la tua redenzione e per il paradiso che un giorno vorresti ti spettasse di diritto.

Ci sono traumi che segnano, ci sono traumi come persecuzioni.
Qui ci sono una madre e una figlia e quel che resta della loro storia.

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
161
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2012-01-28 20:19:28 eleonora.
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
eleonora. Opinione inserita da eleonora.    28 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

rompere il silenzio

Quello che ho apprezzato e ammirato di più in questo libro è lo stile di questa giovane scrittrice. Una scrittura, come disse un giornalista, che sa impregnarsi del delirio.
Al di la della storia, al di la del contenuto, il suo stile mi ha folgorata, ho trovato intrigante il modo in cui armeggia con le parole.
Mi ha colpito positivamente il come e quali parole utilizza per descrivere le cose che la circondano
"..la finestra si spalancava su un sole finto, uno schizzo di tuorlo sul bianco malato del cielo..."
e le sensazioni che prova
"Guardala, papà, guarda tua moglie, guarda il frutto marcio della tua morte".

È una storia di dolore, di solitudine, Camelia la giovane protagonista ci porta nel suo mondo, nella sua visione della realtà che la circonda e che rappresenta lo specchio del suo malessere interiore.
Ci porta nella sua casa dove vive con la madre, anche lei avvolta nel dolore di un trauma che ha colpito entrambe. Un dolore che le accomuna, ma che allo stesso tempo le allontana. Perché il dolore può avvicinare le persone, ma può creare anche distanze enormi, capaci di alimentare ulteriori malesseri e solitudini.
Camelia, nella sua giovane vita ad un certo punto riemerge, o almeno crede. Incontra Wen, un ragazzo cinese, che diventa per lei l’appiglio capace di scaturire in lei sentimenti nuovi, facendola uscire, anche se per poco, dall’interminabile inverno in cui era rimasta immobile ed inerme per troppo tempo.
Camelia cercherà di utilizzare gli ideogrammi cinesi per reinterpretare se stessa e alcuni momenti della sua vita, è come se cercasse una nuova chiave per capire, laddove la parola è stata incapace di farlo.
Il finale è aperto, perché non c’è un finale in una storia dove si affronta un delirio di sentimenti, dove le ferite non sono cicatrizzate, dove la protagonista fa a pugni con se stessa e con gli altri.
Un turbinio di immagini, di parole che corrono come lame e che rimangono sospese, come se il lettore dovesse prenderle e decidere come interpretarle..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2012-01-14 10:31:38 Bi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bi Opinione inserita da Bi    14 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Meraviglioso da indossare, difficile da trattare

Meraviglioso da indossare, difficile da trattare. Si, perchè questo libro mentre lo si legge si è attratti dalla sua capacità di inventarsi un nuovo modo di scrivere, di usare parole. E si legge voracemente, seguendo profili di personaggi particolari e insidiosi. Una madre che non parla più dalla morte del marito, una figlia che raccoglie vestiti dall'immondizia e li sevizia, un ragazzo segregato dal fratello nel retrobottega perchè troppo affascinante.
E quando si finisce il libro? Si è spossati da tanto stile e da una stretta al cuore. Per il dolore, per il finale troppo cattivo verso i suoi lettori. Un libro che non accende nessuna luce di speranza sull'animo umano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Zoo di Isabella Santacroce
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2011-10-18 08:21:11 phoebe1976
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
phoebe1976 Opinione inserita da phoebe1976    18 Ottobre, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'acrilico mi fa allergia

Ci sono libri fastidiosi, ingombranti, che ti scavano nell'anima e fanno uscire mostri che credevi risolti. Libri importanti, dolorosi, intensi.
Poi ci sono quelli fastidiosi e basta, prolissi, così tronfi e pieni di sé da pensare di essere autorizzati a reinventare l'italiano. Quest'opera prima di Viole di Grado appartiene ahimè a quest'ultima categoria.
Sopravvalutato, assolutamente.
E molto moltissimo moltissimissimo fastidioso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2011-07-21 15:47:03 libreriasemola
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
libreriasemola Opinione inserita da libreriasemola    21 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo insolito...

Camelia è una ventitreenne italiana emigrata coi genitori a Leeds, nel nord dell’Inghilterra.
Dopo la morte del padre e la terribile depressione della madre, Camelia lascia l’università, chiudendosi in se stessa, vestendo in modo bizzarro, preferendo la solitudine alla compagnia dei coetanei. Finchè un giorno l’incontro con Wen....
Questo è un romanzo cinico, nichilista, a tratti perfino crudele nella condanna senza appello al padre traditore, alla madre egocentrica.
Viola di Grado è al suo primo romanzo, eppure possiamo definirla una Irvine Welsh al femminile, dark come Amélie Nothomb, eppure molto sensuale.
Edizioni e/o, euro 16

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Settanta acrilico trenta lana 2011-03-28 08:51:10 gracy
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
gracy Opinione inserita da gracy    28 Marzo, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

..si può lavare in lavatrice

Settanta acrilico trenta lana va maneggiato con cautela, lavare a mano e non in lavatrice, è alto il rischio di infeltrimento. Ecco cosa succede a chi legge questo libro d'esordio, si passa dalla lana cotta alla lana acrilica ancora più spigolosa della carta vetrata, capace di suscitare la più prurigisosa orticaria, proprio come fa Amelie Nothomb o più dolcemente Banana Yoshimoto. Viola Di Grado è al suo esordio e lo fa con uno stile ricercato, moderno, decodificabile e ridondante come tanti ideogrammi cinesi, capaci di lasciarti indifferente o di trascinarti vertiginosamente, senza chiederti il permesso nel "buco" più profondo dell'angoscia di Camelia, la protagonista, “[…] La faccia scavata l’ho presa da mia nonna, la felicità invece l’ho presa dalla sabbia. L’ho presa con violenza, tirandola su come una carota, con tutta la radice, perché amavo fare le buche. Infatti ho le mani infilate nella sabbia, fino all’avambraccio, e c’è sabbia pure sulle mie gambe.”
Sullo sfondo Christopher Road molto grigia, cupa, senza tempo e senza le stagioni, Camelia si cuce addosso ritagli di stoffa per meglio elaborare un lutto cercando di vivere seguendo una filosofia tutta sua che passa di sbieco dallo Zen a quella Escatologica, percorrendo un precipizio che la porterà alla follia tanto mentale quanto letteraria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Amelie Nothomb, Banana Yoshimoto, letture dark e quelle che fanno male!
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri