Uto Uto

Uto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un ragazzo cattivo, che suona il piano come un dio, viene spedito da sua madre negli Stati Uniti, presso una famiglia di amici che vivono in una comunità. Ha l'effetto di un virus in un organismo sano, e finisce per provocare reazioni a catena. Riflessioni sui rapporti familiari e sulla spiritualità, la vita di ogni giorno, i ruoli, i miracoli. Sperimentale e sfaccettato, un romanzo che è stato definito "cubista".



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Uto 2013-01-13 09:52:11 chicca
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
chicca Opinione inserita da chicca    13 Gennaio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Divertente

Uto è uno dei romanzi a mio avviso più divertenti di Andrea De Carlo.
Racconta la storia di Uto, un ragazzino che in seguito alla morte del patrigno, viene mandato a vivere negli Stati Uniti presso alcuni amici di famiglia.
Gli amici che vivono in America fanno parte di una comunità dedita alla ricerca spirituale. L' adolescente Uto, con il suo atteggiamento ribelle e insofferente avrà sulla famiglia ospitante un effetto dèstabilizzante.
Un romanzo che va letto in chiave ironica, che tocca alcuni temi sensibili del nostro tempo come i conflitti generazionali e il bisogno di spiritualità.
Lo stile narrativo è semplice e scorrevole. Lettura indicata anche per ragazzi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Uto 2011-10-30 05:52:19 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    30 Ottobre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Uto" di Andrea De Carlo - Il commento di Bruno El

Il ventenne Uto giunge a Peaceville, Connecticut.
Peaceville è “il regno della dolcezza e della tolleranza”, un luogo ove si è insediata una comunità che pratica la filantropia sotto l’egida di un capo spirituale: un guru tanto attivo nella propria funzione carismatica, quanto fisicamente precario.
Manco a dirlo, la vicenda si svolge interamente in un paesaggio innevato, che tramortisce il lettore di pari passo con la narrativa sperimentale di De Carlo.
Uto è “una specie di punk psicopatico”, reduce da una tragedia familiare, ed é sicuramente alla ricerca di una sua identità: con il dubbio di essere soltanto un distruttore di equilibri, con l’implicito desiderio di essere un rivelatore di verità. Viene accolto dalla famiglia Foletti e si insinua nella vita dei quattro componenti stravolgendo completamente l’equilibrio di un nucleo che, sino ad allora, ha vissuto nell’ovatta dello spiritualismo imposto da Marianne.
Vittorio è il solido capofamiglia: un vero Timberland, vigoroso, pragmatico, ex gaudente che per amore della moglie Marianne ha lasciato la vita mondana e godereccia per abbracciare la filosofia vegana e spirituale. Nina è la figlia anoressica di Vittorio, Jeff-Giuseppe il figlio quindicenne di Marianne che, senza una propria personalità, vive con passiva accettazione, acriticamente, tutto ciò che gli viene proposto.
Uto, pianista istintivo e cervellotico osservatore, mascherato nei suoi abiti in pelle e nascosto dietro a occhiali neri, aggredisce ciascun personaggio e ne sovverte la vita, portando a galla identità che vivono ibernate in uno stato di semi-coscienza.
Da narratore vive tutte le situazioni in modo quasi maniacale: dall’interno, analizzandole e sezionandole, e dall’esterno, come osservatore. Poi unisce anche un’altra prospettiva, quella dell’immaginazione: per la quale, attraverso squarci mentali, proietta possibili sviluppi e si rappresenta avventuriero, seduttore, artista, omicida, guaritore …
La prima parte del romanzo scorre ipnotica nelle descrizioni della comunità che vive l’idillio dell’adelfia reale.
Poi, nella seconda parte, tutto si anima e subentra la descrizione delle esplosioni delle personalità coatte; la coppia scoppia e succede di tutto: vita, morte e miracoli … è proprio il caso di dirlo. Fino all’inopinata successione dinastica dello swami, che abdica al suo naturale erede.
In questo romanzo ho trovato un sorprendente De Carlo: nella prosa avanguardistica, nel linguaggio costruito con improbabili accostamenti di aggettivi e nomi, nei dialoghi proposti con una tecnica innovativa ed efficace. E soprattutto nel pennellare l’atmosfera che pervade la storia. Il fascino dell’oriente è richiamo per noi occidentali dai tempi di Schopenhauer o di Gaugin. E’ rivissuto in modo massivo nella filosofia new-age dell’ultimo scorcio del secolo appena conclusosi. Nelle sapienti mani di Andrea De Carlo questo fascino acquista un incanto speciale. Davvero originale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Siddharta di Hermann Hesse.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri