Narrativa italiana Romanzi Vangelo secondo Maria
 

Vangelo secondo Maria Vangelo secondo Maria

Vangelo secondo Maria

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

A trent'anni dalla prima pubblicazione ritorna lo sconvolgente romanzo Vangelo secondo Maria. Affascinante e poetico, non è la storia della donna saggia e silenziosa che i Vangeli descrivono come un puro strumento nelle mani di Dio, ma di una giovane curiosa che vuole tessere da sola la trama del proprio destino. Maria è una ragazzina impertinente della Galilea che conosce i segreti della natura. Che immagina la vita come un'avventura, alla scoperta di mondi lontani. Che insegue la conoscenza e sogna, un giorno, di fuggire lontano in groppa a un asino, vestita da ragazzo. Che corre alla Sinagoga ad ascoltare le storie del Libro delle Scritture. Dalla sua prospettiva di vergine violata dal dio, il lieto annuncio della nascita di un redentore dell'Umanità si trasforma nella promessa di un destino non cercato. E nella consapevolezza che ogni gesto, ogni scoperta sono già stati pensati e voluti. Barbara Alberti reinventa la storia di Maria, non più spettatrice ma coraggiosa artefice della propria esistenza. Una donna come le altre che si interroga sul significato di una morale che costringe alla rinuncia di sé, negando all'Umanità la conoscenza completa e il diritto alla costruzione di una propria verità sul mondo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Vangelo secondo Maria 2011-07-17 09:38:26 R๏гy.o°
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
R๏гy.o° Opinione inserita da R๏гy.o°    17 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una rivisitazione dignitosa

Nel Vangelo – quello vero – Maria è una ragazza inondata dallo Spirito Santo che partorisce Gesù Bambino. Punto. Non è dato sapere il ‘prima’ né tantomeno il ‘dopo’.
Sarà Barbara Alberti, circa duemila anni dopo, a darci la sua versione della crescita spirituale e morale della ragazza grazie alla quale il mondo intero è cambiato (o avrebbe potuto, visti i risvolti).

L’affresco offertoci dalla scrittrice umbra può sembrare audace, e lo è se si legge nella versione latina della parola, proveniente dal verbo ‘audeo’ (cioè ‘voler risolversi ad un’azione’). Non è, perlomeno non per me, un libro irriverente o insolente. E’ un libro che smuove, ma che lo fa in maniera intelligente e con un ritmo incalzante e a tratti soave.
Un libro fatto più di poesia che di prosa: è molto musicale, ci sono parecchie rime e manca in alcuni passaggi la punteggiatura che avrebbe rotto il flusso del racconto.
C’è un critico letterario – non chiedetemi il nome, non me lo ricordo – che ha studiato l’importanza della frequenza della congiunzione ‘e’ nell’opera leopardiana e ne ha spiegato il vitale valore ne “L’infinito”. Ora, non è che sia ammattita tutto d’un colpo e voglio paragonare l’Alberti a Leopardi… ma c’è un brano, precisamente quello dell’Annunciazione, in cui v’è ripetuta costantemente la congiunzione ‘e’. Ed è in questa anafora che è contenuta la forza della Alberti e di questo ‘Vangelo secondo Maria’, che si articola su più dimensioni: quella del reale, della visione onirica, del piano simbolico e di quello profetico.

A me questo vangelo moderno m’è piaciuto, e non per il semplice gusto di voler andare contro, ma perché ho notato più sostanza qua che in tanti altri libri pubblicati al giorno d’oggi tutti messi insieme.
La promozione del libero arbitrio e dell’indipendenza femminile sono affrontati in maniera diversa, e sinceramente non ho ancora capito perché il diverso fa così paura. Che la Alberti continui per la sua strada e i bigotti se ne stiano a casa loro, grazie.

“Ho quattordici anni. Il mio corpo e la mia capacità di capire crescono ogni giorno in armonia, ma devo stare attenta: a non farmi contagiare dal dolore impresso su ogni volto, come il marchio di una colpa indimenticata. Alle fanciulle non si addice far domande; ma io, a tutti quelli che incontro vorrei chiedere se hanno scelto il loro destino, o se una strada come questa del villaggio li ha inghiottiti senza lotta”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
52
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio
La ricreazione è finita