Boule de suif Boule de suif

Boule de suif

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Durante la guerra franco-prussiana del 1870, una carrozza va verso Dieppe. I passeggeri sono alcuni rappresentanti della buona società, due suore, un celebre democratico e una giovane prostituta, chiamata Boule de suif, palla di sego, per la sua grassezza. È una ragazza gentile, divide le sue provviste con gli altri e i suoi compagni di viaggio sembrano accoglierla nella loro cerchia. Ma non appena un ufficiale prussiano impedirà al gruppo di proseguire il viaggio pur di passare una notte con Boule de suif, nessuno tenterà di salvarla - anzi: tutti tenteranno di persuaderla con ogni mezzo, più o meno subdolo, a sacrificarsi e ad accettare le proposte del prussiano. Scritto nel 1880 e salutato come manifesto del naturalismo, Boule de Suif, è l'osservazione acuta e satirica della borghesia francese, della sua vigliaccheria ammantata di rispettabilità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.3  (4)
Contenuto 
 
3.8  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Boule de suif 2021-07-19 13:58:48 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    19 Luglio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un episodio di bullismo antico

Bastano poche righe di questo racconto per essere catapultati nel mondi dell’Ottocento. Poche righe in cui ritrovi lo stile, le dinamiche di gruppo, la storia, l’invasione dei prussiani, la rabbia tumultuosa, anche interiore, le classi sociali. La protagonista è una ragazza di facili costumi, formosa, inizialmente mal tollerata dal gruppo delle coppie in fuga che sono i coprotagonisti del racconto. Se non che la carrozza in cui si trovano resta bloccata dalla neve e la ragazza è l’unica che ha provviste, da cui tutti attingono. Fino ad obbligarla a cedere anche se stessa alle grazie di un ufficiale, per garantire a tutti la libertà. E’ un esempio, antico, di body shaming e di bullismo. E ciò che fa più male sono le lacrime con cui la ragazza, alla fine, piange la sua vergogna. In una manciata di pagine, un turbinio di significati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Boule de suif 2020-11-23 14:05:02 lapis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    23 Novembre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lacrime

Gocce trattenute d’acqua salata si staccano lente dai bordi delle palpebre e rigano le guance paffute di “Boule de suif”, lasciando un sentiero di rabbia e di dolore. È la stessa scia di scoramento che rimane impressa nell’animo del lettore, il quale, chiusa l’ultima pagina, si sente furioso e impotente verso l’untuosa ipocrisia e il falso moralismo di chi cura solo i propri interessi, condendoli per di più con melliflue parole e impeccabili maniere mascherate da gentilezza e filantropia. Allora come oggi.

Siamo nel 1870, nella campagna normanna di Rouen occupata dai tedeschi durante la guerra franco-prussiana. E proprio da Rouen parte una diligenza in fuga con dieci personaggi: integri aristocratici e ricchi borghesi, due pie suore, un celebre democratico e una prostituta, soprannominata “Boule de suif”, palla di sego, per la sua floridezza. Bastano poche pennellate, ironiche e incisive, alla superba penna di Guy de Maupassant per far prendere vita ai sentimenti che animano la carrozza. Attraverso sguardi, gesti e parole percepiamo disprezzo e sdegno, generosità e patriottismo, solidità morale e arroganza, e veniamo messi di fronte alle ingiustizie della vita, che tradisce le speranze e gli ideali di un cuore buono in nome di ipocrisie e meschinità senza tempo.

Impossibile dunque non definire questo racconto un capolavoro, capace di coniugare finezza psicologica, altissima qualità letteraria e un’attenta riflessione sulle miserie e le debolezze umane. Nonostante il secolo che si porta sulle spalle, “Boule de suif” non ha a mio avviso perso smalto, freschezza e forza espressiva, restando un’opera capace di conquistare il lettore moderno così come fece con Zola e Flaubert.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Boule de suif 2014-02-21 13:27:46 Emilio Berra
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra Opinione inserita da Emilio Berra    21 Febbraio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il rischio 'ideologico'

Il racconto, scritto al nascere del Naturalismo, è ben congegnato e, oltrepassate le prime pagine, si fa leggere agevolmente. A me, però, sembra contenere un difetto, proprio dove si colloca l'intenzione di trarre un punto di forza: la denuncia dell'ipocrisia della società, nel perseguire i propri interessi, nella carenza di solidarietà. Tale obiettivo, che ha una nobiltà d'intenti, qui pare non giovare alla qualità letteraria, perché rischia di fare della giovane prostituta un monumento, un'eroina proprio per la sua condizione emarginata: l'ideologia, che sta alla base dell'opera, rende un po' fragile il racconto, con la suddivisione in 'buoni' e 'cattivi', per raggiungere il fine dello smascheramento sociale. La povera giovane commuove il lettore che diventa solidale con lei, anche perché è l'unico personaggio a cui l'autore ha dato approfondimento psicologico, che ha reso cioè 'umano'.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Boule de suif 2014-01-27 21:28:01 Ale96
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ale96 Opinione inserita da Ale96    27 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un "rispettabile" caso di cannibalismo

Perbenismo. Un suono sibilante, viscido, scivoloso come la lingua di una vipera.
Perbenismo. Una parola diversa dalle altre, perché falsa, meschina, debordante.
Perbenismo. Non è realtà ma maschera della realtà. Uno stratagemma per dissimulare la più sozza mediocrità, la più lurida maldicenza dietro i grandi nomi di rispettabilità, onore, decoro.
Perbenismo. Un male che ancora dilania la nostra società. La sincerità lo scandalizza, la piatta ottusità lo ristora.
Perbenismo. E pensare che una volta era la virtù per eccellenza, la meta da raggiungere, il meglio che si poteva avere. Fu cantato come miracolosa scorciatoia agli ostacoli dell'esistenza, come unica via per il conseguimento del successo. Un'intera classe sociale, la borghesia, ne fece il proprio motto. I benpensanti banchieri, gli onorevoli imprenditori, le impeccabili dame spopolarono in questo mostruoso inferno di cartapesta.
Perbenismo. Per fortuna non vi furono solo servili sostenitori ma anche obiettivi critici. Il santo Vero palpitava in questi uomini contro corrente, spesso tormentati, dilaniati dai loro vizi ma estremamente sinceri nel non nasconderli. Dobbiamo a loro l'isolamento di questo virus, annientabile unicamente con la prevenzione. Ed è a loro che si sono inimicati la società, a loro che hanno affrontato titanicamente la dottrina imperante, a loro che è necessario dire grazie. E tra i tanti eroi ricordiamo Dickens, Tolstoj, Dostoevskij, Verga, i naturalisti francesi e il loro più ardente e passionale membro: Guy de Maupassant (1850-1893).

Dimenticatevi i fastosi balli e gli ambienti dorati di Parigi perché ci troviamo nella provincia, a Rouen. Dimenticatevi pure le bucoliche campagna della Normandia, perché è inverno e tutto è ricoperto da un'algida poltiglia di neve e fango. E infine dimenticatevi pace e sicurezza. Il “grande” Napoleone III è stato appena sconfitto e catturato a Sedan e i famelici prussiani occupano mezza Francia.
Elisabeth Rousset è una nota prostituta rovenese, soprannominata per la sua precoce e fresca pinguedine Boule de suif ( balla di sego). E' in fuga dalla sua città in una scomoda e tetra carrozza insieme (incredibilmente) alla créme della créme di Rouen: imprenditori, grossisti, conti blasonati. Il viaggio verso la “salvezza” si allunga più del previsto e nessuno degli augusti passeggeri ha con sé delle provviste eccetto Boule che le condivide amorevolmente con coloro che in città la guardavano dall'alto in basso con viziosa altezzosità. Appena arrivano all'Hotel de Commerce di Totes ( a metà percorso) si verifica un altro intoppo e ben presto la colpa si riverserà sull'indifesa Boule, che verrà divorata dai suoi rispettabilissimi compagni di viaggio, che mostreranno tutta la loro grettezza e trivialità...

Maupassant con il suo fare sobrio ed elegante dà vita ad una breve e allo stesso tempo denso racconto che rende a tinte forti il perbenismo e l'arrivismo borghese in tutte le sue formi. A vivere la sua storia non vi sono re o regine, cavalieri o dame da salvare, eroi o eroine, maghi o fate ma la nuda e cruda realtà. Non ci sono finali epici o melodrammatici e neppure il classico happy end bensì l'inevitabile decorso di una vicenda segnata già dai suoi esordi. Eppure l'autore non cade mai nel banale o nel noioso, anzi incanta, ammalia, diverte e appassiona il suo lettore, grazie al suo cavallo di battaglia: lo stile. La sua ironia, il suo sarcasmo sono talmente acidi, pungenti, corrosivi che un esercito non sarebbe riuscito minimamente a raggiungere i risultati che egli ha ottenuto con la parola. Nessuno dei suoi personaggi ne è graziato: dalla suora devastata del vaiolo “ come se qualcuno le avesse mitragliato a bruciapelo in piena faccia” all' asmatico albergatore di Totes, che pare avere un fischietto piuttosto che l'ugola. Tuttavia il cinismo, l'anticlericalismo,la spregiudicatezza dell'autore non vanno minimamente a urtare con l'eleganza dello stile, sensuale negli ammiccamenti e lirico nelle rare descrizioni paesaggistiche.

Un'opera brevissima ma estremamente profonda, che mandò (giustamente) in estasi il grande Flaubert e che non potete assolutamente perdere. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri