Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror L'ultima volta che ti ho vista
 

L'ultima volta che ti ho vista L'ultima volta che ti ho vista

L'ultima volta che ti ho vista

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Metropolitana di New York. Un video sgranato, girato col cellulare da un passante, mostra una donna che salva un ragazzo da una caduta fatale sui binari. Una notizia che fa gola ai giornali locali, perché la donna, subito dopo, scompare senza lasciare traccia. Come i suoi colleghi, anche la giornalista McKenna Jordan è a caccia di storie. D'altra parte, dopo un passato da assistente procuratore distrettuale che non ama ricordare, questa è la sua vita adesso: cercare notizie barcamenandosi tra fonti inaffidabili e scoop passeggeri. Ma quando le capita tra le mani quel video, ciò che vede la lascia senza fiato. In quella donna ancora senza nome, McKenna riconosce qualcuno. Susan Hauptmann. Un nome che appartiene al passato suo e di suo marito Patrick. Una vecchia amica di cui da dieci anni non si hanno più notizie. Se è lei, e se è ricomparsa, vuol dire che forse vuole essere trovata. Per McKenna è arrivato il momento di cercarla davvero, come nessuno ha mai fatto, e di rintracciare il detective Scanlin, che all'epoca aveva velocemente archiviato il caso. Ben presto McKenna si accorgerà, però, che ci sono molte cose che non ha mai saputo di Susan. Perché non sempre sappiamo tutto di quelli che amiamo di più... Dall'autrice de La ragazza nel parco, un nuovo thriller psicologico in cui ogni certezza viene smontata, ogni verità capovolta, e ogni paura moltiplicata per mille. Alafair Burke, come ha scritto Michael Connelly, è decisamente «un'autrice che continua a sorprendere.»

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ultima volta che ti ho vista 2018-12-09 11:56:05 Mian88
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    09 Dicembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla ricerca del thriller scomparso.

New York, un video sgranato e girato dal cellulare mostra una donna all’interno della metropolitana che salva un ragazzo dalla caduta sui binari. Subito dopo il salvataggio, di questa si perde ogni traccia.
Tanti sono i giornalisti che si mettono alla sua ricerca, la notizia è ancora “calda” ed è perfetta da spendere per attirare l’attenzione del grande pubblico. Tra questi non manca Jordan McKenna, ex assistente procuratore distrettuale, donna non soddisfatta della propria vita, determinata e decisa, dedita alla ricerca di quei perché che ne hanno influenzato il percorso e adesso reporter a caccia dello scoop del secolo. Peccato però che per lei la donna che appare nella registrazione non sia affatto una persona ignota, anzi, si tratta niente di meno che di Susan Hauptmann, ex militare la cui esistenza è segnata da un rapporto molto conflittuale con il padre e facente parte di quel passato che la protagonista tanto desidera dimenticare e lasciarsi alle spalle. Perché Susan è scomparsa? Perché non se ne hanno più notizie da anni? Qual è il suo ruolo nel passato di Jordan e in quello di suo marito Patrick?
Sin dalle prime battute dell’opera è chiaro e evidente che “L’ultima volta che ti ho vista” tutto è tranne che un thriller. Si tratta infatti di una storia interamente al femminile che non presenta particolari elementi di originalità e dove l’obiettivo principale è quello di concentrare l’attenzione sul chi ci circonda e sul quanto effettivamente lo conosciamo. L’intero intreccio, si fonda, invero, sulla classica persona scomparsa che viene ricordata per caso dall’amica di un tempo e che per questo decide di far riaprire le indagini. A ciò si affianca il canonico poliziotto deluso e scocciato e una serie di misteri e segreti che non sono affatto intriganti, che al contrario cadono nell’ovvio, e che, con la speranza di rendere il libro più tangibile e concreto, vengono alternati a fatti di cronaca e politica facenti parte della nostra storia attuale. Al tutto si sommano prolissità e dettagli spesso superflui nonché l’ennesimo vano tentativo di mescolare i fattori proposti così da indurre il lettore in dubbio su quella che è invece una vicenda banale. A riprova dei fatti abbiamo oltretutto un finale fiacco, intuibile sin dalla prima parte del dattiloscritto, inadeguato e inappagante.
Se deciderete, pertanto, di leggere questo volume, non aspettatevi né colpi di scena, né atti di particolare suspense, né ancora, una struttura narrativa particolarmente solida o una scrittura chissà quanto erudita e geniale, perché in tal caso ne resterete delusi. “L’ultima volta che ti ho vista” non convince, non ha la struttura di un thriller e conferma la tendenza di Alafair Burke a “voler far troppo” a “voler mettere troppo” a discapito di tutto il resto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri