Narrativa straniera Romanzi Il fucile da caccia
 

Il fucile da caccia Il fucile da caccia

Il fucile da caccia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Quando, nel 1949, il critico d'arte e poeta Inoue Yasushi pubblica il suo primo romanzo, "Il fucile da caccia", ha già quarantadue anni. Ma tutti, da subito, capiscono di trovarsi di fronte a uno scrittore importante. E sebbene le numerose opere successive non abbiano fatto che confermare questa impressione, nessuna di esse ha mai eguagliato la folgorante perfezione della prima: qui, infatti, Inoue (che in seguito scriverà libri ben più corposi) trova nella brevità una misura ideale; e nell'oscillazione fra il detto e il non detto raggiunge un miracoloso equilibrio narrativo. Un equilibrio impervio come il gioco amoroso che tiene legati i destini dei quattro personaggi, un uomo e tre donne, e che, pur appeso a un filo sottilissimo, li accompagna nel corso degli anni senza mai ledere la calma ritualità delle loro esistenze. E tuttavia il romanzo è attraversato da una tensione costante, da una rabbia sorda e trattenuta che non esplode neanche alla fine, quando ogni menzogna è stata svelata, ogni passione consumata, e a regnare è la consapevolezza che ogni essere è abitato da una vita segreta, inavvicinabile.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il fucile da caccia 2021-06-16 20:49:06 Gemma Pontini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Gemma Pontini Opinione inserita da Gemma Pontini    16 Giugno, 2021
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore? Morte? Segreti? Un romanzo da leggere assol

Purtroppo ho finito ieri sera il romanzo di Inoue Yasushi “Il fucile da caccia”. Dico purtroppo perché è durato troppo poco, appena 100 pagine di pura letteratura. Scritto benissimo, traduzione perfetta (l’editore, neanche a dirlo, è Adelphi, secondo me l’unica casa editrice in grado di far tradurre molto bene i libri che pubblica – nel caso specifico la traduzione è affidata a Giorgio Amitrano).
I temi del romanzo sono l’amore, il tradimento, la fiducia/sfiducia, la morte. Le vite dei quattro personaggi, più una voce esterna che “innesca” il meccanismo del romanzo attraverso una sua poesia, ruotano attorno a questi argomenti.
Ma forse su tutto prevale l’amore. Un tema caro all’autore: un altro libro che raccoglie tre racconti, anch'essi meravigliosi, e anch'essi dedicati all'amore, è stato pubblicato sempre da Adelphi con il titolo italiano “Amore”. Un sentimento che in Inoue Yasushi percorre vie diverse, mai banali, mai scontate, e allo stesso tempo un sentimento che l’autore lega spesso a quello della Morte.
Amare o essere amata? Si chiede una delle protagoniste de “Il fucile da caccia”: “A chi Dio vorrà concedere il tranquillo riposo? Ed esiste, in questo mondo, una donna che possa dire davanti a Dio: io ho amato?”. Leggetelo e avrete la risposta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il fucile da caccia 2008-07-14 12:46:42 Mara
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mara Opinione inserita da Mara    14 Luglio, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il fucile da caccia

"Il fucile da caccia" è un breve romanzo epistolare. L'autore affida alle voci di tre donne e alle loro lettere, il racconto di due storie d'amore, in cui a trionfare è il non detto, la solitudine esistenziale degli amanti, che dilaga e gela l'aria, creando atmosfere impalpabili e cristalline. Dalla lettura di queste epistole, esplode un dramma segreto durato tredici anni - il classico triangolo amoroso: un uomo, la moglie e l'amante di lui - visto attraverso gli occhi delle due donne, che sono cugine, e della figlia dell'amante. Si ha l’impressione di leggere una favola dove anche temi tristi, situazioni gravi, perdono il loro aspetto tragico e rientrano tra le altre cose della vita, riescono naturali, necessarie. E' un libro scritto magistralmente, una storia di rimpianti e di redenzione, di segreti e di bugie, di abbandono e di speranza, che esplora i cammini inaspettati della vera natura umana. Superba la scena dell'esame di inglese al liceo femminile (dalla lettera di Saiko), pagg. 96-98.

Buona lettura:)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri