Narrativa straniera Romanzi Il segreto della bambina sulla scogliera
 

Il segreto della bambina sulla scogliera Il segreto della bambina sulla scogliera

Il segreto della bambina sulla scogliera

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Mentre la tempesta infuria sulle coste di Dunworley Bay, una minuscola figura è immobile sull’orlo di una scogliera a picco sul mare: è una bambina a piedi scalzi. Ipnotizzata di fronte a quella strana apparizione, Grania Ryan, una scultrice di successo appena tornata da New York per riprendersi da un brutto trauma, scoprirà ben presto di non aver sognato. Sua madre Kathleen non ha alcun dubbio: la piccola è Aurora Lisle, che ha perso la mamma in circostanze drammatiche proprio in quel luogo. Grania è irresistibilmente attratta dall’incredibile vitalità di Aurora e non può fare a meno di affezionarsi a lei e a suo padre. Ma per quale motivo sua madre, di solito così generosa e altruista, non riesce a nascondere la propria ostilità nei confronti dei Lisle?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il segreto della bambina sulla scogliera 2019-05-10 16:42:44 Tomoko
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Tomoko Opinione inserita da Tomoko    10 Mag, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Affrontare temi delicati con stile

In questo libro Lucinda affronta temi delicati tra i quali l’adozione dal punto di vista emotivo o affettivo e lo fa in modo fluido e a tratti perfino poetico.
Non mancano i salti temporali passando da generazione a generazione, dai protagonisti contemporanei agli antenati degli stessi.
Il primo personaggio ad emergere è Grania, una ragazza che lascia il proprio fidanzato a causa di un prematuro aborto.
Dopo viene il momento di Aurora, anch’essa protagonista del libro: una bambina dolce alla quale è stata troppo presto privata della madre.
Le due, conoscendosi in Irlanda, instaurano un rapporto molto intimo, al pari di una madre e una figlia.
Ma perché la mamma di Grania apparentemente gentile e premurosa poi si chiude come un riccio quando sente parlare di questa bambina?
Ecco che entrano nella storia gli antenati di Katlheen, la mamma di Grania, che avevano un legame con la famiglia di Aurora.
Il cerchio si chiude.
Il libro è scorrevole, piacevole, nonostante non manchino i risvolti tristi, soprattutto durante la storia di Anna, antenata catapultata violentemente nel vortice della prima guerra mondiale.
Forse solo alcune cose appaiono stonate in questo romanzo, ma si sa è il modus operandi della nostra Autrice.
Storie vere e commoventi con qualche tratto fantastico sono la ricetta ideale per rendere i suoi libri delle favole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le sette sorelle di Lucinda Riley
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il segreto della bambina sulla scogliera 2013-07-12 11:22:32 Nana79
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nana79 Opinione inserita da Nana79    12 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

fuori i fazzoletti

Questa volta la Riley non mi ha convinta del tutto; la trama è molto bella e gli intrecci sono tessuti magistralmente come sempre ma.... non sono convinta al 100%. Forse se avessi letto questo libro prima de "la luce alla finestra" e "il giardino degli incontri segreti", non avrei letto gli altri due.
La storia è come sempre elegante e delicata ma stavolta l'ho trovata fin troppo negativa. Sappiamo tutti che nella vita non può sempre andare tutto bene ma nemmeno sempre tutto male, mentre qui va tutto male per ben tre generazioni. A ben guardare ci sono cose che si sistemano o che almeno prendono la giusta direzione ma il carico eccessivo di negatività tutt'intorno, le fa passare un pò in sordina. È un libro senz'altro strappalacrime se una persona ha la giusta dose di sensibilità, a me personalmente ad un certo punto è andato il latte alle ginocchia. Ci sono momenti davvero toccanti e commoventi, situazioni chr ti prendono, accattivanti al punto giusto da voler proseguire la lettura per sapere cosa succede poi. Credo che nel complesso sia un bel libro, a parer mio però ciò che rovina tutto è il finale. Sono d'accordo che non sempre ci può essere il lieto fine ma in questo caso sul finale son stati messi due pesi troppo sbilanciati tra loro:

SPOILER

la parte in cui Aurora prende l'aereo per cercare Matt a New York è terribile secondo me: fino a quel momento la storia è sempre stata verosimile e forse proprio per questo coinvolgente ma dove si è mai vista una bambina di 9 anni che prende un'aereo e trova una persona di cui sa solo il nome, che non ha mai visto e di cui non sa nulla, semplicemente con una telefonata dall'aeroporto in una città come New York in cui non ci sono certo 2 anime?

FINE SPOILER

la sensazione che ho avuto è stata che a quel punto l'autrice volesse terminare alla svelta il proprio lavoro, sensazione che è rimasta, purtroppo, fino all'ultima pagina. Il finale poi mi è sembrato un piccolo escamotage per recuperare un pò l'atmosfera che ha permeato durante tutta la lettura.
Inoltre non mi è piaciuto il personaggio di Grania: sempre pronta a pensare agli altri e a fare le cose più assurde per la loro felicità, quando la vita decide di metterle su un piatto d'argento la sua di felicità e di serviglielo ancora fumante lei che fa? Si crea mille paranoie, quando fino a 5 minuti prima era esattamente ciò che cercava. Purtroppo non sopporto le persone così, quelle che passano la vita a non sentirsi mai abbastanza e non ci provano nemmeno, quelle che capiscono quello che vogliono capire e non chiedono spiegazioni e poi piangono sul latte versato, quindi l'antipatia è stata spontanea e sincera e ha contribuito a non farmi apprezzare appieno questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri