Narrativa straniera Romanzi Il viaggio d'inverno
 

Il viaggio d'inverno Il viaggio d'inverno

Il viaggio d'inverno

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un romanzo in cui tutto è improbabile, a cominciare dai nomi dei protagonisti: Zoïle, impiegato di una società elettrica con la passione per l'Odissea, Astrolabe, splendida ragazza che si prende cura di Aliénor, scrittrice di successo che soffre di una curiosa forma di autismo. Affascinato da Astrolabe e infastidito da Aliénor, Zoïle inizia a frequentare le due donne cercando di insinuarsi in questa strana coppia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il viaggio d'inverno 2021-04-17 13:24:21 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    17 Aprile, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore e illusione

«”Un giorno che le ho recitato un intero rosario di elogi su un suo paragrafo, ha chiuso gli occhi. "Come mai questa reazione?" ho chiesto. "Mi rannicchio nelle tue parole" ha risposto.»

Perché continuare a vivere quando non hai più nulla che ti sproni a farlo e quello che era il tuo grande amore non è più tale? Perché allora non sedersi in quella sala d’attesa di quell’aeroporto scrivendo le proprie memorie e attendendo di prendere quel volo così da poter finalmente farsi esplodere? Perché Zoile dopo l’incontro con Alienor e Astrolabe è profondamente cambiato, è rimasto segnato. Astrolabe è una giovane donna di cui egli si innamora e che conosce per caso durante una sorta di sopraluogo. Alienor, famosa scrittrice affetta da una particolare e grave forma di autismo e non di bell’aspetto anche a causa di un labbro leporino che ne deturpa il volto, è colei a cui l’altra ha deciso di dedicare la sua vita e che arriverà a condizionare anche il rapporto tra gli altri due.
In questa opera della Nothomb ritroviamo tutti quelli che sono i temi a lei più cari e che vanno dall’estetismo alle apparenze, passando per la metafora, alla poesia, alla filosofia. Lo stesso titolo ne è una riprova che si ricollega alla stagione invernale in cui lo scritto è ambientato e, ancora, a quel freddo radicato nelle ossa delle due donne che vivono in una casa priva di riscaldamento con tanti abiti a strati sul proprio corpo e allo stesso Zoile che deve, dal suo canto, dissipare quella freddezza interiore che lo accompagna da tanti anni, da quando ha deciso di accontentarsi e farsi andar bene una esistenza ordinaria. Lo stesso tentativo di circuire l’amata è un viaggio d’inverno.
Non mancano ancora quei contenuti anche un po’ grotteschi ma che permettono al lettore di soffermarsi sul componimento e farlo proprio.

“È come se non avessi mai visto la stanza…” disse Astrolabe.
“È come se non avessi mai visto niente. Il blu del cuscino: è come se non avessi mai visto un colore.”
“Hai recuperato la visione delle cose di quando avevi un anno o due. In metropolitana hai mai notato come si guardano attorno i neonati.”
“Viviamo in mezzo a un simile splendore e non lo vediamo!”
“Ora lo vediamo, è questo che conta.”
“Perché smettiamo di vedere, crescendo?”
“Esattamente perché cresciamo. Impariamo le dure leggi della sopravvivenza che ci costringono a concentrarci su quello che è utile. I nostri occhi disimparano la bellezza.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il viaggio d'inverno 2012-09-17 07:26:52 C.U.B.
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    17 Settembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Innamorarsi a Nothomb


Finalmente una bella storia d’amore…
Beh, insomma, una bella storia d’amore tipicamente nothombiana
Conoscendo l’autrice, possiamo dire questa sia una delle sue maggiori espressioni sentimentali, lo stesso soggetto rivalutato con la sensibilita’ del sommo Shakespeare per esempio, non sarebbe altro che una tragedia inequivocabile.
Ma dimmi che autore leggi e ti diro’ che troverai, con Amèlie che scrive si sa, le carta abbandona ogni particella di cellulosa per ricomporsi di cellule al vetriolo.
Ambientata in una Parigi gelida, la temperatura contrasta col calore di un amore che non trova sfogo e preferisce l’algida vicinanza di due corpi resi informi da cappotti e berretti alla solitudine di un caldo appartamento.
Ma innamorasi d’inverno non e’mai una buona idea…

Tra i suoi terribili romanzi questo spicca per benevolenza, a tratti la caustica strega Amèlie mal cela sfumature di un cuore palpitante, di buoni sentimenti verso un’anima sfortunata.
Scrittura forbita ed elegante , affilata e sarcastica, raffinata ed estrosa impone tempi lenti ma leggeri. Lenti perche’ punzecchia in continuazione con interessanti spunti di riflessione, leggeri perche’ e’ un piacere calarsi in questa storia di pseudo amore e assenzio.
Nothomb ti possiede, al contatto delle pagine del libro con le dita ti si inocula nel sangue, scorre nelle vene, sale ed elettrizza il cervello.
Ed i nomi ? Posso sottolineare la scelta dei nomi ?! Ne godo grattandomi la pancia soddisfatta, come un orso beato che ha appena svuotato un ghiotto favo di miele, strega mattacchiona ma come te le inventi ?
Se mi concedete di osare l’inconsueto accostamento a quest’autrice del termine “poesia” , ebbene questo e’ il suo libro piu’ lirico e ovviamente non posso che consigliarlo.

“Io sono il freddo,e se regno nell’universo e’ per un motivo talmente semplice che nessuno ci ha mai pensato : ho bisogno di essere sentito. E’ il bisogno di ogni artista. “

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il viaggio d'inverno 2012-09-01 18:54:47 Lady Libro
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    01 Settembre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Metafora

Seduto nella sala d'attesa di un aeroporto, Zoile, il protagonista del romanzo, aspetta.
Vuole fare esplodere un aereo e aspetta il momento giusto per farlo. Intanto scrive le sue memorie. Una piccola parte di esse è dedicata alla sua infanzia e alla sua vita, ma il tutto si concentra principalmente su una vicenda che ha segnato profondamente la sua esistenza: l'incontro con Alienor e Astrolabe.
Astrolabe è una giovane donna di cui Zoile s'innamora ricambiato... Peccato che la costante presenza e i bisogni di Alienor, famosa scrittrice mentalmente ritardata assistita da Astrolabe, rovinino sempre ogni momento d'intimità. Così il protagonista escogiterà un piano particolare per poter stare insieme e da solo con la sua amata, solo che le conseguenze saranno piuttosto deludenti e disastrose....

A mio parere, uno dei migliori libri di questa scrittrice che ormai amo alla follia.
A dispetto della trama, "Il viaggio d'inverno" è un libro molto profondo e perfino poetico: è tutto pieno di metafore, quasi una metafora unica, colma di riflessioni esistenziali.
Lo dimostra il titolo stesso del romanzo: un viaggio d'inverno è tantissime cose.
La stagione invernale in cui è ambientato, il fatto che la casa in cui vivono Alienor e Astrolabe sia freddissima (in quanto priva di riscaldamento) e Zoile debba attraversare questo posto, ma anche dissipare la sua freddezza interiore, per insinuarsi nel mondo delle due donne...
Persino il metodo adottato dal protagonista per circuire la sua amata è un viaggio d'inverno.
Dietro ogni gesto, parola, azione c'è sempre una motivazione nascosta, un senso e un significato che illuminano la mente e il cuore, e perfino nei contenuti assurdi e grotteschi tipici dello stile letterario della Nothomb, si trovano giustificazioni che, per quanto possa sembrare strano, non fanno risultare così terribile un fatto che lo sarebbe senz'altro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna