Narrativa straniera Romanzi L'uomo che metteva in ordine il mondo
 

L'uomo che metteva in ordine il mondo L'uomo che metteva in ordine il mondo

L'uomo che metteva in ordine il mondo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Ove ha 59 anni. Guida una Saab. Eppure qualcosa nella sua vita sembra sfuggire all'ordine, non trovare il posto giusto. Il senso del mondo finisce per perdersi in una caotica imprevedibilità. Così Ove decide di farla finita. Ha preparato tutto nei minimi dettagli: ha chiuso l'acqua e la luce, ha pagato le bollette, ha sistemato lo sgabello... Ma... Ma anche in Svezia accadono gli imprevisti che mandano a monte i piani. In questo caso è l'arrivo di una nuova famiglia di vicini che piomba accanto a Ove e subito fa esplodere tutta la sua vita regolata. E forse questa vita imperfetta, caotica, ingiusta potrebbe iniziare a sembrargli non così male.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (7)
Contenuto 
 
4.7  (7)
Piacevolezza 
 
4.7  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo che metteva in ordine il mondo 2023-03-06 09:46:05 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    06 Marzo, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Questioni di principio

Ove è un anziano un po' fissato, un po' solitario, un po' rancoroso, un po' depresso. Rimasto vedovo, tenta il suicidio, più volte e qualcosa va sempre storto…o forse dritto…Capita sempre qualche evento esterno che lo fa arrabbiare tanto da dissuaderlo. Tutto quello che lui vuole è poter morire in pace, ma nel vicinato arriva una famiglia strampalata, composta da una donna straniera, molto incinta, suo marito, l’imbranato, le due figlie, Sette anni e Tre anni. Una più adorabile dell’altra. E, inconsapevolmente, questa famiglia fa breccia nel suo animo. La vita si rivela più fantasiosa di lui. Lui così ligio alle regole, così ancorato ai suoi principi e così noioso si trasforma da burbero, inquadrato e spigoloso, tanto da sembrare l’uomo più inflessibile del mondo, ad altruista e “aperto”, per quanto possibile. Ove è un personaggio a cui è impossibile non affezionarsi. In copertina viene ritratto di spalle, come tutte le copertine dei libri di questo autore. Però riesci a immaginartelo anche fisicamente. E ci ho visto riflessa anche un po' di me stessa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
131
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo che metteva in ordine il mondo 2019-09-04 15:43:07 Tomoko
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tomoko Opinione inserita da Tomoko    04 Settembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ove e il suo libro educativo

Ove ha 59 anni, di uomini come lui ormai non ne nascono più.
E’ metodico, ha spalle larghe e occhi azzurri un po’ malinconici a cui piacciono i numeri.
Ci troviamo di fronte ad un uomo silenzioso, burbero, scontroso, persino maleducato. Ove controlla che i suoi vicini di casa rispettino le regole. Gli amici di sua moglie, non capendo il suo carattere introverso, lo potrebbero definire un uomo in bianco e nero.
Per Ove era sua moglie a dargli colore.
E’ da quando inizi a leggere i flashback del passato di quest’uomo che capisci perché se trovi un uomo così bisogna tenerlo stretto.
Una vita passata a lottare contro persone meschine, disoneste che lui chiama “camicie bianche”, persone che ormai al giorno d’oggi pensano solo ad aprirsi un mutuo lungo una vita, usare computer ed avere macchine tedesche, che non sanno nemmeno fare il cambio gomme invernale o aggiustare un mobile di casa senza chiamare qualcuno che lo faccia per loro.
Così è quando nel suo vicinato irrompe una strana famiglia “casinista” che inizia per Ove una vita che mai si sarebbe aspettato.
Una famiglia che rovina ogni volta i suoi piani.
Alla fine gli uomini come Ove, un po’ taciturni scontrosi e testardi, sono gli uomini che piacciono a me perché sono fedeli, onesti, intelligenti e non parlano a sproposito. E perché no, se hanno le spalle larghe e ti costruiscono una libreria con le proprie mani ancora meglio.
Alla fine Ove, apparentemente scontroso, ha il cuore più grande di tutti.
Il libro di Ove è senz’altro educativo. Ti fa rendere conto del freddo mondo che ci circonda.
E forse, può rendere più sensibile qualche persona dal cuore un po’ arrugginito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Non ho libri da consigliare ma un film, che è Gran Torino
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo che metteva in ordine il mondo 2018-04-27 09:51:57 Elisabetta.N
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    27 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OVE

Questo libro è buffo... e allo stesso tempo profondo.
Ove è la persona che tutti definiscono scontrosa e se tutti si fermassero alla prima impressione, forse Ove sarebbe riuscito nel suo intento, mai palesato apertamente, ma conosciuto fin dalle prime righe del romanzo.
Ove è un persona che è stata messa in ginocchio molte volte dalla vita, ma che si è sempre rialzato combattendo le sue battaglie contro le "camicie bianche", o per lo meno lo ha fatto fino al momento in cui lo conosciamo, nella prima pagina di questo libro.
Ma la sua storia è ancora tutta da scoprire.
Così attraverso flashback tra un tentativo maldestro e l'altro e la vita del vicinato, conosciamo Ove da ragazzo e poi da adulto. Un ragazzo solo con la ferma convinzione che "quel che è giusto è giusto" e che spesso dimostrava le capacità di un adulto.
"Se Ove fosse stato il tipo di uomo che riflette su come e quando si diventa quel che si è,
forse avrebbe indicato in quell'episodio il momento in cui aveva imparato che ciò che è giusto è giusto.
Dato che,però,non gli piaceva invischiarsi in certi ragionamenti,per lui quello era semplicemente stato il giorno in cui aveva deciso di essere il meno diverso possibile da suo padre."
Poi Ove trova il suo "colore".
"La gente diceva che lui vedeva il mondo in bianco e nero.
Ma lei era il colore.
Tutto il suo colore."
Ed è impossibile pensare che Ove sia solamente un uomo scontroso.

Tutti i personaggi sono splendidi in questo romanzo anche se sono come macchiette di colore sfuggevoli che irrompono con forza nella vita di Ove e che lui tenta di scacciare in tutti i modi. E così come Ove, anche io li ho intravisti di sfuggita, registrandoli come comparse, ma rimanendo di fatto attaccata alla figura di Ove.
Nella maggior parte dei casi questo sarebbe un enorme difetto, ma qui no. È come se tutto il romanzo fosse strutturato sul carattere del personaggio, stile compreso, e lo ammetto, mi è piaciuto molto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo che metteva in ordine il mondo 2017-10-19 15:33:06 Mian88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    19 Ottobre, 2017
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ove, il gatto e il vicinato.

Ove ha sessantanove anni, ama la matematica ed è un uomo scontroso, che non tollera le chiacchiere, tutto d’un pezzo, che si dedica al rispetto totale delle sue abitudini e ad inflessibili regole di civiltà. Ma Ove è anche un uomo buono, un uomo che non può sottrarsi dall’aiutare il prossimo, anche se questo significa dover rinviare a non finire il suo proposito di raggiungere la coniuge. Da quando, infatti, la moglie Sonja è venuta a mancare, non c’è stato giorno in cui non abbia desiderato raggiungerla, non c’è stato giorno in cui non abbia desiderato poterla di nuovo abbracciare, di lasciarsi andare e cullare dal fragore delle sue risa. Certo, l’arrivo nel quartiere di una strana famiglia ma anche la presenza di non invitato coinquilino in casa, un gatto spelacchiato con cui sono venuti ad instaurarsi silenziosi dibattiti e scontri verbali seppur privi di parole, ed ancora, la riapertura di una vecchia faida avente ad oggetto il vicino Rune e la moglie Anita nonché i burocrati uomini dalla cambia bianca, fa si che ogni suo intento di solitudine, di isolamento, volente o nolente, venga meno. Come resistere, d’altra parte, allo sguardo indagatore di un gatto che sembra essere la reincarnazione di Sonja? Come sottrarsi all’appellativo attribuitogli da “tre” e “sette” anni? Come mantenere l’ordine in un centro abitato in cui tutti sembrano inclini al non rispetto persino delle più semplici norme di comportamento? Come, soprattutto, lui che ha trascorso la vita a combattere contro la burocrazia, può passare a miglior vita, senza far fronte ad una chiara ed inequivocabile dichiarazione di guerra? Non può.
Se poi ci aggiungiamo uno stile fluido ma anche conciso ed essenziale che consente di tratteggiare perfettamente tanto il carattere del protagonista quanto quello degli antagonisti, nonché attimi di profonda riflessione che si alternano a momenti di pura e semplice ilarità, il gioco è fatto. Il risultato finale è quello di una lettura che lascia il segno, acutamente leggera, che fa alternare al conoscitore momenti di commozione a momenti di risate convulse e irrefrenabili, ma anche profonde e importanti meditazioni sulla vita. E poi, non si può non amare il rapporto che si instaura col gatto. E’ fenomenale.
In conclusione, “L’uomo che metteva in ordine il mondo”, è un testo fresco, piacevole, intelligente, umano, comico, sincero e introspettivo. Da leggere.

"Possiamo occuparci della vita, o possiamo occuparci della morte, Ove. Dobbiamo andare avanti"

"Dai sempre in escandescenze quando litigo con gli altri" dice. "Lo so, ma stavolta va così. Dovrai semplicemente aspettarmi ancora un po', lassù, perché non ho tempo di morire proprio adesso. [..] Perché adesso, che il diavolo mi porti, è guerra".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo che metteva in ordine il mondo 2017-03-26 10:50:45 68
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    26 Marzo, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Semplice complessità e dignità umana

Ove ha 59 anni, guida una Saab e detesta chiacchierare. La mattina si alza presto e, secondo una routine consolidata, va a fare un giro per il quartiere, spesso litiga con quelle persone che oggi non sanno fare più nulla, neppure usare un cacciavite, o che guidano altre marche di macchine, o che credono di fregarlo.
Per lo più si ritrova, solo, a dialogare con la moglie Sonja, scomparsa da sei mesi, e con il suo vivido ricordo. Lei era tutto per Ove, tanto diversa da lui, si può affermare che ...." lei fosse il colore, il suo colore, e lui il bianco e nero "....
Ove si intende di tutto quello che si può toccare e vedere, è estremamente pratico, lei amava i libri, la poesia, e tutto ciò che si poteva disegnare.
Secondo la moglie lui litigava sempre, in realtà non litiga affatto, è semplicemente certo che quel che è giusto è giusto. La sua convinzione più profonda, sorretta da una indiscutibile praticità. è che gli uomini ..." sono quello che sono non per quello che dicono ma per quello che fanno "...
È un uomo concreto, ma odia tutte le stranezze della vita moderna, la città con le automobili straniere, i computer, i mutui a tasso variabile. Prima dell' arrivo insperato di sua moglie non aveva mai avuto una vita ed ora che lei se ne è andata nulla ha più un senso.
In fondo Ove è semplicemente Ove, un ragazzo burbero, maldestro, dal corpo muscoloso e dai malinconici occhi azzurri. Oggi tutto quello che vuole e' morire in pace, ma tutto sommato si accorge che la morte può attendere un altro po'.
Si ritrova, suo malgrado, al centro di una nuova vita, estranea ad un passato ancora così presente, circondato da estranei, nuovi vicini di casa imbranati e ficcanaso, bambini chiassosi e festanti, colletti bianchi che gli hanno rovinato la vita, sconosciuti che casualmente incrociano ll suo cammino.
Indubbiamente la realtà sgretola ogni possibilità e certezza consolidata e in Ove una certa scontrosità e schiettezza emotiva nasconde una semplice onestà intellettuale, empirismo e pragmatismo del quotidiano, battaglia personale contro ogni falso e retorico superficialismo.
Quel muro di cemento eretto e consolidato da anni comincia lentamente a sgretolarsi, quella facciata incorruttibile ed astiosa a rilassarsi, la tenerezza della sobrietà accarezza e rilassa il suo volto e quell' immagine di integrità intellettiva, di tradizione consolidata, di dolci e struggenti ricordi, di impegno civile ed asciuttezza dialogica.
In fondo quel vecchio brontolone sa accattivarsi amicizie ed affetti, in primis dei bambini, parla il linguaggio della consapevolezza, odia le frasi fatte e qualsivoglia frivolezza o gratuita e finalistica autorappresentazione.
Alla fine si rivela per quello che è, un comune essere umano ( ma speciale ) con difetti e contraddizioni, amorevolmente odioso, scontrosamente gentile, dolcemente burbero.
Impariamo a seguirne ed ad apprezzarne la semplice complessità, in un alternarsi di vita-morte ( la realtà quotidiana con i suoi imprevisti ed i ripetuti tentativi di suicidio ) e nella infinita tenerezza di un amore per sempre, quello per la moglie Sonja.
È un individuo da prendere o lasciare, amare od odiare, più semplicemente da capire. Chi riesce a superare ostacoli, diffidenza, scortesia, minacce, derisioni, si addentrerà in un mondo di ricchezza ed insperata tenerezza, i difetti trasformatisi in pregi, la scontrosità in amorevolezza, l' asciuttezza in disponibilità.
Questo è il piccolo universo di Ove e una volta entrativi è difficile uscirne.
" L' uomo che metteva in ordine il mondo " possiede una piacevole scorrevolezza, una intelligente leggerezza, una caratterizzazione dei personaggi senza sconfinare nella noia e nella banalita', con un protagonista singolare e oltre ogni schema, che ha tratti maniacali, eccessivo nella propria rigidezza morale, estroso nel proprio integerrimo mostrarsi, categorico, ma persino i suoi difetti si colorano di tenerezza ed emergono tratti di irrefrenabile comicità e commovente sincerità .
Tra le pagine un susseguirsi di situazioni assurde, paradossali, ridicole, inserite in una insperata profondità. Per alcuni aspetti mi ha ricordato vicende e personaggi di Arto Paasilinna, nei tratti di umorismo sarcastico e sferzante e nell' apparente nichilismo espressione di celata interiorità e vivida umanità.
È per tutti questi motivi che trattasi di una lettura piacevole, pensata ed intelligente.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo che metteva in ordine il mondo 2014-10-11 10:13:32 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    11 Ottobre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Commento digressivo

Spesso m’interrogo sulla stranezza delle dinamiche sociali.
Mi meraviglio quando leggo che in Italia ogni anno circa due milioni di cittadini trascinano i vicini dal giudice di pace o in tribunale per questioni condominiali. Con incredulità constato che i rapporti di vicinato sono la principale causa di litigiosità e d’intolleranza cronica.
Se poi mi soffermo sulle cause dei litigi, trovo una lunga serie di “futili motivi”: i rumori, l'uso degli spazi comuni, gli stillicidi, gli animali domestici… ogni screzio sembra rappresentare una ghiotta opportunità per sfogare tensioni e istinti bellicosi.
M’interrogo sulle possibili cause di tanta ferocia. E ne trovo un bel ventaglio.
L’invidia, ad esempio.
La possibilità di esportare tensioni familiari o personali nell’ambiente confinante.
L’incapacità di stabilire la giusta distanza nei rapporti interpersonali e di coabitazione.
Le cause economiche e, peggio ancora, quelle relazionali e psicologiche, che mettono in gioco i rispettivi vissuti.
Da lì l’apertura delle ostilità per proiettare antipatie, rancori, frustrazioni, amarezze. Con il risultato di produrre insofferenza, delusione, fastidio, incomprensione. Ed equivoci a non finire.

A questo tema in fondo si ricollega “L’uomo che metteva in ordine il mondo” di Frederik Backman.
Il nome del protagonista è Ove, ha 59 anni ed è vedovo (“Sono sei mesi che è morta. E Ove gira ancora per casa due volte al giorno per tastare i radiatori e controllare che lei non abbia alzato il riscaldamento di nascosto”).
Inasprito dalla vita, ha un carattere burbero, litigioso e scontroso (“La moglie di Ove spesso si lamenta che Ove litiga sempre per tutto”). Riserva la massima attenzione al rispetto delle regole e non è disposto a perdonare chi sgarra: chi parcheggia l'auto fuori dagli spazi, chi non conferisce i rifiuti rispettando le norme per la raccolta differenziata, chi non sa governare i propri animali…
Sotto tale scorza, Ove possiede un’umanità che emerge pagina dopo pagina, e così scopriamo che Ove è stato un orfano, costretto troppo presto ad affrontare la crudeltà del prossimo, i pregiudizi, le ingiustizie. Poi ha conosciuto una donna straordinaria e di lei si è innamorato perdutamente, con un sentimento che durerà tutta la vita.
Intanto nella vita dell’uomo solo, che tenta il suicidio, compare una famiglia che semina scompiglio…

Un po’ satira malinconica, un po’ fiaba, un po’ cronaca dei nostri giorni, “L’uomo che metteva in ordine il mondo” è una storia nata sul blog di Fredrik Backman, giornalista svedese.
La prima parte della storia l’ho trovata triste, mi ha messo a disagio perché in essa ho riconosciuto alcune inquietanti dinamiche della nostra società (tra esse, quella della mia digressione iniziale). Poi però, a questo romanzo ci si affeziona…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo che metteva in ordine il mondo 2014-09-23 19:35:51 Monika
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Monika Opinione inserita da Monika    23 Settembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un meraviglioso rompiscatole!

Ove ha 59 anni. Guida una Saab. La gente lo chiama "un vicino amaro come una medicina" e in effetti lui ce l'ha un po' con tutti nel quartiere: con chi parcheggia l'auto fuori dagli spazi appositi, con chi sbaglia a fare la differenziata, con la tizia che gira con i tacchi alti e un ridicolo cagnolino al guinzaglio, con il gatto spelacchiato che continua a fare la pipì davanti a casa sua.
In questo libro sono tutti antipatici, tutti un po' assurdi e fuori dal normale. Ove soprattutto è insopportabile, brontolone, puntiglioso e asociale. Ma quanto mi è piaciuto questo libro! Quanto mi è piaciuto Ove!! Un personaggio pieno di sentimento e dolore che si nasconde dietro una facciata da burbero vecchio rompiscatole. La fine mi ha spezzato il cuore!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'anno che bruciammo i fantasmi
T
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day
Ci vediamo in agosto
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232