Narrativa straniera Romanzi La statua di sale
 

La statua di sale La statua di sale

La statua di sale

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Jim Villard, ragazzo bello, atletico e schivo, appartenente alla media borghesia del sud degli Stati Uniti, è innamorato del suo migliore amico, Bob. Dopo un week-end d'amore con lui, dopo il quale l'amico sparisce, Jim trascorre molti anni come una statua di sale, solo alla sua ricerca. L'incontro finale riserva un colpo di scena.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La statua di sale 2015-09-07 10:06:42 martaquick
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    07 Settembre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'attimo di un giorno, il sogno di una vita

La statua di sale di Gore Vidal è un libro che fu considerato scandaloso ai suoi tempi, infatti finì nella lista dei "libri proibiti". Oggi è un libro da leggere, parla di temi attuali che non sono proibiti ma sono ancora pieni di tabù come appunto l'omosessualità.
La storia di Jim in sè non è una grande storia ma sono i dialoghi e i concetti espressi in modo semplice ma diretto quello che fanno di questo libro un opera da leggere. Perchè Jim, dopo una giornata di passioni con il suo amico di infanzia, passerà anni a fantasticare su quel momento e alla fine della scuola si imbarcherà per ritrovare il suo amico che era partito l'anno prima.
Il lungo viaggio di Jim lo porterà a scoprire sè stesso ma anche gli altri. Amicizia, amore, pregiudizio, falsità, egoismo e frustrazione saranno le tappe della sua vita e di chi gli sta attorno. La fine del viaggio non ve la svelo ma è perfetta, è una conclusione attuale perchè altrimenti non poteva essere.
La vita è per tutti un lungo viaggio pieno di sfide e di tappe come quello di Jim e penso che anche oggi nei tempi moderni chi è additato come "diverso", in questo caso omossessuale, abbia una vita ancor più difficile e complicata. La libertà di esprimere sè stessi è sempre stata limitata ed oggi la situazione non è molto cambiata, ecco perchè la statua di sale è da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
middlesex di Eugenides o semplicemente per chi non ha paura dei tabù imposti dalla società
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

La statua di sale 2014-02-15 04:56:26 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    15 Febbraio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CAMBIARE PER NON CAMBIARE MAI

L’opera-scandalo di Gore Vidal venne pubblicata il 10 gennaio 1948 e creò un terremoto nella cultura e nell’opinione pubblica in quanto mise ‘nero su bianco’ una vicenda omoerotica che ha per protagonisti due ragazzi ‘più che normali’, belli e atletici, Jim Willard e Bob Ford: “Erano sempre stati insieme nella squadra di baseball e insieme avevano giocato a tennis, anche se, con disperazione di Bob, vinceva sempre Jim.”
In particolare Jim è di buona famiglia (il padre “era opinione della famiglia che non avrebbe avuto alcun problema a essere eletto governatore”) ed è tanto sportivo (“il più bello della scuola… non capiva perché non ti dessi da fare di più… pensava che tu avessi paura delle ragazze”) quanto timido e introverso.
Anche Bob è di bell’aspetto e, agguantato il diploma, vuole imbarcarsi e abbandonare il paese natale della Virginia (“Tutto quello che voglio è viaggiare e fare baldoria”).
I due amici, prima della partenza di Bob, passano insieme l’ultimo fine settimana nella capanna (“La capanna era stata la casa di uno schiavo liberato, morto poco tempo prima”) in riva al fiume (“Nel caminetto di pietra c’era della cenere spenta da poco tempo: oltre agli amanti, là si fermavano anche vagabondi”) e lì – complici l’esuberanza fisica e la suggestione del luogo - consumano una notte d’amore tanto giovanile quanto proibito.
La notte d’amore è destinata a rimanere un momento magico per Jim che, un anno dopo, decide parimenti d’imbarcarsi. Lontano da casa, il ragazzo segue un percorso che lo porta da Seattle all’Alaska, poi a Beverly Hills, a New Orleans, nello Yucatan e infine ad arruolarsi. Lo ritroviamo a New York (“Atmosfera di giubilo. Da fine guerra”), reduce da una malattia (l’artrite reumatoide) che gli ha causato il congedo. Lì ricontatta le persone che sono state importanti nel suo vagabondare e le incontra nuovamente: l’attore Ronald Show, lo scrittore Paul Sullivan, l’affascinante Maria Verlaine e… Bob (“Ma almeno la guerra era finalmente terminata e la marina mercantile non avrebbe potuto trattenerlo ancora a lungo”), l’amico che è rimasto saldamente annidato nel suo cuore (“E’ il mio segreto”).

Il percorso di Jim è una traversata nella dolorosa scoperta della propria natura, difficile da accettare (“Eppure si rese conto che sarebbe stato difficile vivere in un mondo di uomini e donne senza partecipare al loro duetto antico e necessario”), oltre che nel mondo omosessuale dell’America puritana. Nonostante le relazioni instaurate con l’attore e con lo scrittore, Jim si sente solo (“Mi limito ad andare nei bar, mi piacciono gli sconosciuti, credo”. “Sembra un po’ solitario”. “Non lo è sempre?”) ed è disposto a tutto pur di rintracciare l’antico amore, al quale è stato sempre intimamente fedele nel suo sogno: per verificare se il suo sentimento radicato è corrisposto…

Al di là dei risvolti socio-culturali di questo romanzo – che contiene spunti delle ancor oggi attuali lotte contro l’omofobia (“La vita sarebbe stata senz’altro migliore in un mondo dove il sesso venisse considerato come qualcosa di naturale e non spaventoso…”) e tracce di ribellione all’omologazione (“E tu, quando ti sposi? Ancora quella domanda”) – il tema interessante e cruciale che esso pone è quello dell’antinomia tra cambiamento (“Quando si è sfiorata la morte, si cambia. Quando si è fatto il soldato, si cambia. Quando si invecchia, si cambia”), perché “il cambiamento è nella natura delle cose”, e l’opposta incapacità/impossibilità di cambiare (“Una volta di più fu sulla riva di un fiume, finalmente conscio che lo scopo dei fiumi è di sfociare nel mare. Niente cambia. Eppure nulla di ciò che è, potrà mai essere ciò che è stato”). Una contraddizione strutturale ben rappresentata nel dramma della biblica Sara: “Ora la moglie di Lot guardò indietro e divenne una statua di sale” (Genesi 19, 26).

Ho chiuso le ultime pagine del libro afflitto dalle domande che agitano l’uomo dai tempi delle antiche filosofie che contrappongono l’essere al divenire: “Ma ora è giusto tornare? Tu riesci a tornare e a vivere nella stessa casa, con la stessa gente, un giorno dopo l’altro? E’ possibile?”
Inutile dire che non ho trovato risposta alcuna…

Bruno Elpis

P.S. Sull'eredità di Gore Vidal (il suo patrimonio ammonta a 37 milioni di dollari, oltre ai diritti sulle opere) è in corso una battaglia legale: lo scrittore ha infatti beffato gli eredi, che hanno impugnato il testamento, in quanto Vidal ha devoluto l'asse ereditario all'università di Harvard. Ma questa è un'altra storia e formerà oggetto di un altro articolo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Improvvisamente l'estate scorsa" di Tennessee Williams, del quale Gore Vidal scrisse la sceneggiatura cinematografica.
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri