Dettagli Recensione

 
Il mistero dei massi avelli
 
Il mistero dei massi avelli 2014-08-11 05:35:43 silvia71
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    11 Agosto, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mistero dei massi avelli

Lo splendido scenario del lago di Como è spettatore muto del secondo romanzo di Bruno Elpis.
Dopo “Il carnevale dei delitti” ancora un giallo fluisce dalla raffinata penna dello scrittore comasco; un giallo dalla trama semplice, in quanto non si cerca il rompicapo, non si cercano immagini truculente, non si cerca l'azione da fiction.
Lo scrittore si prefigge un lavoro arduo che va al di là della ricerca della mano assassina, un lavoro che mira a far emergere ciò che spinge un uomo a commettere il male.
Ecco allora che il romanzo mostra subito le vesti del giallo psicologico, grazie alla cura di Elpis nello scandagliare le zone più oscure dell'anima dei suoi protagonisti, avvalendosi dei mezzi messi a disposizione dai metodi scientifici in materia di psicoanalisi e psicologia.
Scorrono numerose citazioni delle teorie freudiane, interessanti e ben inserite nel contesto narrativo, fungendo da guida per districarsi in una materia così complessa.

Gli uomini e le donne rappresentati nel racconto, non si dividono nettamente in buoni e cattivi, ma ciascuno è portatore di bene e di male. Una dicotomia inestricabile che si fonde nell'animo umano.
La questione più critica è la predominanza del male; perchè accettarlo passivamente senza chiedersi un “perchè”? Quali segreti può celare la mente umana?
Quale causa sta a monte di un effetto?
Bruno Elpis con il suo “Il mistero dei massi avelli” si accinge a fornire le risposte al lettore che avrà il desiderio di ascoltare e comprendere, a prescindere dall'esigenza di dare la caccia all'assassino.

E' palpabile una ricerca di approfondimento contenutistico rispetto al romanzo precedente, una crescita in campo psicologico che porta l'autore a cesellare i suoi uomini, studiandone passioni segrete, ferite nascoste, zone d'ombra pericolose.
Anche lo stile di scrittura ha cambiato pelle, adattandosi a ciò che richiede la narrazione; una penna elegante senza dubbio, che diventa più tagliente, più secca ed incisiva, fatta talvolta di frasi brevissime.
Bruno Elpis attraverso il filone giallo vuole percorrere le infinite ed impervie strade che conducono allo studio dell'uomo, una materia che è camera buia in cui occorre accendere qualche lumino per potersi orientare.
Decisamente un buon lavoro, frutto di una penna da cui ci aspettiamo di leggere molto altro ancora.
-----------------------------------------------------------------------------------------------

Tre domande a Bruno Elpis:

S : Caro Bruno, anzitutto complimenti per la creazione del tuo secondo romanzo giallo.
Hai dato ampio spazio alla caratterizzazione psicologica dei personaggi, utilizzando molteplici riferimenti e citazioni delle teorie freudiane.
La psicologia o la psicoanalisi, a tuo giudizio, aiutano a svelare l'animo di un uomo totalmente o sono solamente un mezzo per avvicinarsi alla comprensione della parte più oscura dell'essere umano?
B : Personalmente sono molto affascinato dagli strumenti che queste discipline forniscono. In questi ambiti sono un autodidatta e sono cavia di me stesso: mi piace analizzare i miei comportamenti, i miei pensieri, individuarne le radici, rovistando anche nella memoria. Sì, credo che psicologia e psicanalisi siano due torce che gettano fasci di luce sulle ombre dell'intimità. Anche se l'animo umano rimane un cosmo immenso, in larga parte inesplorabile.

S: Ciò che metti in rilievo dei tuoi personaggi è la loro dicotomia bene-male; mettendo in atto uno studio scientifico sull'origine del “male”, reputi che si riesca sempre a coglierne le radici?
B: Il male è irrazionale e le sue forme peggiori, più violente o striscianti, mi spaventano. Credo che dominare il male sia un'abilità alla quale l'uomo deve tendere: un'attività complessa, che richiede innanzitutto coscienza e conoscenza di se stessi e della realtà. Scrivere di queste cose è probabilmente una forma di esorcismo, un modo per esternare la paura.

S: Il Bruno Elpis che ha scritto questo secondo romanzo, è lo “stesso” Bruno de “Il carnevale dei delitti”? Nel senso che il lettore percepisce una evoluzione, una mano più incisiva e profonda, ne convieni?
B: Sì, garantisco, sono sempre io... Quello che tu rilevi probabilmente è imputabile all'effetto sorpresa della prima pubblicazione. Ho inviato il romanzo senza certezza che venisse pubblicato, quindi "Il carnevale dei delitti" è sicuramente più estemporaneo, meno meditato. Se a questo aggiungi che sono un revisionista convinto... ecco spiegata la sensazione che hai tratto!

Grazie a Bruno della disponibilità!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il carnevale dei delitti
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Cara Silvia,
il tuo commento è anche qui:
http://www.brunoelpis.it/il-mistero-dei-massi-avelli/966-la-recensione-di-silvia71-qlibri

con foto dell'Isola Comacina dedicate a te.
Grazie :-)

Bruno
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
11 Agosto, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Un commento super !
Mi hai proprio incuriosita, prima o poi lo leggo di sicuro.
Bella anche l'intervista, ottima idea :-)
Ora andro' avedere le foto sul sito.
Silvia, il tuo commento e' molto bello. Mi hai incuriosito, perche' non deve trattarsi del giallo 'di genere', ma di una scelta per approfondire, per interrogarsi/ci sulle questioni esistenziali che riguardano tutti.
L'autore, lo sappiamo, non e' certo persona superficiale!
Sono corsa a vedere la foto sul tuo sito, caro Bruno!
Bellissimi luoghi davvero :-) spero che ti possano ispirare tanto altro ancora per la gioia di noi lettori!

@CuB: sicuramente lo leggerai!
@Emilio: Bruno ha tanto da raccontarci, al di là del giallo....
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La prigione della monaca senza volto
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bianco letale
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri