Dettagli Recensione

 
Il tribunale delle anime
 
Il tribunale delle anime 2015-08-17 22:16:43 carlito86
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
carlito86 Opinione inserita da carlito86    18 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OMBRE A ROMA

Sono le 7.37 del mattino. Un cadavere si sveglia da un sonno profondo. Non sa chi è. Da dove viene? Cosa ci fa li? In una Roma grigia e piovosa Monica, infermiera internista di turno quella sera al pronto soccorso, e Tony, infermiere esperto, si recano in una villa isolata fuori città in seguito ad una chiamata. Provano a bussare, nessuna risposta. Entrano, quello che trovano è un corpo ormai quasi in fin di vita, agonizzante. Monica riconosce in quella villa il pattino a rotelle che apparteneva a sua sorella Teresa, morta sgozzata, caso rimasto ancora irrisolto. L’istinto di vendetta è forte, nessuno avrebbe potuto accusarla di omicidio, l’uomo che uccise sua sorella ormai è in fin di vita e ha una scritta incisa sul petto: “uccidimi”.
Marcus è un misterioso personaggio con un talento spiccato nell’investigazione e nella ricerca. È afflitto da continui dubbi sul suo passato e sulla sua vita. Lui e Clemente, il suo fido accompagnatore, vengono a conoscenza della scomparsa di Lara, una studentessa di Roma. Quando Marcus si reca nel suo appartamento qualcosa non torna; tutto fa pensare ad un allontanamento spontaneo, ma una serie di ANOMALIE spingono Marcus ad andare a fondo alla questione. Lara è stata narcotizzata attraverso lo zucchero, nei sotterranei Marcus scopre la catenina di Lara. La studentessa è stata rapita, esce un nome: Jeremiah Smith, serial killer che rapisce le donne e le sgozza dopo un mese di rapimento. Nessun maltrattamento, nessuno stupro, solo l’ossessione del male.
Sandra Vega lavora alla scientifica come foto rilevatrice. Dal generale al particolare immortala le scene del crimine, fissa i dettagli e li cataloga con rigore scientifico in modo da documentare ogni cosa, ogni aspetto che possa raccontare qualcosa in più, qualche dettaglio che possa portare ad una pista. Dopo la morte di David, suo marito, qualcosa la tormenta, non riesce a spiegarsi il motivo della sua morte, non si da pace. Il tormento arriva al culmine quando Shalber, agente dell’interpol, la contatta per restituirle il bagaglio del marito, dentro il quale Sandra recupera gli ultimi effetti personali lasciati da David prima di morire: 5 foto misteriose e apparentemente inspiegabili, da qui partono le indagini di Sandra volte a far luce sulla morte del marito. Indagini che portano Sandra ad un vecchio cantiere dove un nastro registrato prova che David è stato ucciso in seguito ad una colluttazione, non è stata una fatalità.
L’opera procede incalzante e misteriosa, alternando le vicende di Marcus e Sandra, entrambi personaggi accomunati dalla ricerca, dall’investigazione e dalla volontà di far chiarezza in vicende misteriose e ombrose. Dove si trova Lara? Chi ha ucciso David? Ma soprattutto su cosa stava indagando David di così importante e segreto tanto da farlo uccidere?
Le due vicende, ad un certo punto del romanzo, si incontrano svelando scenari inaspettati, dove la Chiesa assume un ruolo centrale. Tutti i peccati mortali vengono archiviati in una divisione segreta della chiesa cattolica: la Penitenzieria Apostolica, solo pochi ne hanno accesso, quei pochi non si conoscono nemmeno, e solo uno conosce l’identità di quei pochi detentori della conoscenza del male. Proprio quando David viene a conoscenza di questo mondo al confine tra il Bene e il Male, tra la luce e il buio, qualcuno lo mette a tacere.
Il romanzo ha delle ambientazioni precise: le chiese di Roma, una Roma continuamente cupa, grigia, gli scenari desolati di Prjpiat, città cancellata dal disastro di Chernobyl, ormai invasa dalla natura e dai lupi e Praga. Ambientazione che bene si sposa con il tema dell’opera.
Salti spaziali e temporali, il romanzo è caratterizzato da continui flash back, romanzo che dopo il Suggeritore e L’ipotesi del Male, non mi lascia affatto deluso, anzi, una conferma della grande abilità dell’autore. L’unico aspetto critico è la complessità della vicenda che necessita di una lettura concentrata e continuativa, insomma, non è un libro da leggere ogni tanto nei buchi di tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il suggeritore, l'ipotesi del male
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri